Crea sito

Pane di pasta dura ricetta ragusana

Pane di pasta dura ricetta ragusana

Pane di pasta dura ricetta ragusana; Come fare il pane di casa secondo la ricetta ragusana. L’origine del pane e della panificazione si perde nella notte dei tempi. L’uso di un impasto a base di farina di frumento o di altri cereali; anche se non lievitato risale alla preistoria. Ogni regione, quasi ogni provincia, in Italia ha le sue ricette e le sue forme di pane. Il pane di casa Ragusano è prevalentemente a pasta dura. Si distingue dagli altri pani, che si fanno nel resto della Sicilia, per via dell’utilizzo della farina di frumento e di poca acqua, così da ottenere un pane a pasta dura. Anticamente, in tutte le famiglie, si “panificava” una volta a settimana per coprire il fabbisogno di tutta la famiglia. Il pane si faceva con farina di grano duro, acqua e u “criscenti” , sostituito oggi dal lievito madre o dal lievito di birra e il sale. Le forme del pane erano di diverso peso e di diversa forma. Anticamente, il pane si cuoceva nel forno a legna. A seconda della legna che si utilizzava, il pane assumeva un particolare profumo e sapore. Ultimamente, in special modo d’estate mi è capitato spesso di fare il pane come si faceva ai tempi della mia nonna che era di origine di Scicli. Vi lascio qui la ricetta del pane di pasta dura ricetta ragusana, potete scegliere voi se confezionare le “cucchie” o il classico “pistolo di pane”, il pane di casa da un kg.

  • DifficoltàMedio
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana

Ingredienti per il pane a pasta dura

  • 1 kgSemola di grano duro
  • 1 cucchiaioSale
  • 25 gLievito (di birra fresco)
  • 300 mlAcqua

Strumenti

  • Spianatoia
  • Bacinella

Preparazione del pane secondo la ricetta ragusana

  1. Per prima cosa, disponete la farina sulla spianatoia, fate una fontana al centro, mettete il lievito e versate l’acqua tiepida. Sciogliete il lievito ed iniziate ad impastare, facendo assorbire tutta l’acqua.

  2. Solo dopo qualche minuto, unite il sale e continuate ad impastare per almeno quindici minuti, fino a ché l’impasto non risulti liscio ed omogeneo.

  3. A questo punto , non appena il vostro impasto sarà liscio, sodo e compatto, tagliate con un coltello il pane in quattro parti. Otterrete quattro pani. Fate le vostre incisioni sui pani ottenuti, le ” cucchie” o date al vostro pane le classiche forme ad esse S.

  4. Fatto ciò non vi resta che mettere a lievitare il vostro pane, in un luogo asciutto e caldo. Copritelo con un canovaccio e se l’ambiente è freddo, anche con qualche coperta. Lasciatelo lievitare e aspettate almeno tre o quattro ore. Per capire se il vostro pane è lievitato, potete batte la vostra forma di pane, con il dorso della mano; se sentirete un rumore sordo, battendolo, vuol dire che sarà lievitato. Altrimenti potete utilizzare questo trucchetto: mettete una pallina di pasta dentro un bicchiere di acqua a temperatura ambiente, non appena la pallina sarà salita a galla, il pane è pronto per essere infornato.

  5. Infornate il pane in forno già caldo a ( 220 gradi) se non avete a disposizione il forno a legna, per circa venticinque, trenta minuti. Finchè non avrà una crosticina dorata in superficie. Adagiate sul fondo del vostro forno, un piccolo pentolino pieno di acqua per creare il giusto vapore e renderlo più croccante fuori. Otterrete cosi un pane con una mollica fitta, morbido dentro e croccante fuori.

Consigli pratici.

Il pane di casa a pasta dura si conserva perfettamente fino a due tre giorni. Potete anche scegliere di congelarlo. È ottimo caldo condito con olio e sale e i pomodori secchi o con il capuliatu.  

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Fantasia in Cucina

La mia passione per la cucina e il buon cibo è nata grazie al mio lavoro e ai miei viaggi. Ho iniziato sin da piccola a raccogliere le ricette di tutto ciò che mi piaceva mangiare e poi ho iniziato anche a fotografare i piatti più riusciti. Cucino, fotografo mangio e do' sempre volentieri consigli ai miei amici per ricette sfiziose e sui posti dove andare a mangiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.