Pomodori secchi ricetta siciliana

Pomodori secchi ricetta sicicliana

I pomodori secchi ricetta siciliana, sono tra le conserve più diffuse preparate in Sicilia. Si preparano dai tempi dei tempi. L’essiccazione dei pomodori e la sua conservazione sono una pratica molto diffusa nel Sud Italia, in particolare in Sicilia, Puglia e Calabria.

Sia per l’abbondante produzione di varietà di pomodori, sia per la presenza del sole necessario per l’asciugatura.

I pomodori essiccati naturalmente al sole di Sicilia, donano a questa conserva tipica un gusto delicato e intenso. Sono ideali da gustare come antipasto, come condimento per il pane caldo (pani cunzatu), per la pasta capuliatu  o il couscous .La loro dolcezza, il loro sapore ricco, la croccantezza ben dosata con la polposità, fanno di questi ortaggi essiccati, un elemento prezioso per dare carattere anche a molte ricette di carne e di verdura.

L’utilizzo del sale aiuta i pomodori, a perdere l’acqua di vegetazione, facilitandone l’essiccazione e garantendone la buona conservazione. I pomodori secchi ricetta siciliana, si preparano solitamente da Giugno ad Agosto e si posso gustare per tutto l’inverno conservandoli in barattoli sotto olio.

Ingredienti

• 1 Kg di Pomodori
• Sale grosso circa 250 grammi

Procedimento

Prima di tutto è importante scegliere i pomodori, devono essere maturi e ben sodi. Non devono avere ammaccature ed senza essere punti, ovviamente meglio preferire quelli di agricoltura biologica.
Lavate i pomodori per togliere la polvere o residui di terra. Tagliateli nel senso della lunghezza e adagiateli su un grosso vassoio con la parte interna verso l’alto.
Ricopriteli con abbondante sale grosso ed eventualmente copriteli con una retina (o potete anche utilizzare una zanzariera in stoffa) per evitare sia la polvere sia l’ intrusione di qualche insetto.
Riponete il vassoio al sole che deve essere forte e caldo, rigirate i pomodori un paio di volte durante la giornata aggiungendo sale anche dall’altra parte.
Quando comincia a formarsi una patina sul pomodoro, apriteli spingendo la base del pomodoro verso l’alto ed esponeteli nuovamente al sole.
Procedete così fin quando i pomodori non si essiccheranno completamente ed assumeranno un colore rosso scuro.
Per essiccarsi bene ci vorranno dai sette ai dieci giorni.
Questo dipende da diversi fattori, dalle dimensioni dei pomodori, da quanta acqua contengono e da quanto è forte il sole. Il mese ideale per prepararli è il mese di agosto.
Appena cala il sole mettete, i pomodori al riparo dentro casa, perché non devono assolutamente essere bagnati dalla umidità della notte.
Se non avete l’opportunità di essiccarli al sole, mettete i pomodori in forno leggermente aperto a 40°C per sette, otto ore.

Per conservare i pomodori secchi sotto olio.

Mettete i pomodori secchi in un vasetto di vetro precedentemente sterilizzato e asciutto. Disponeteli a strati alternandoli con, qualche foglia di basilico, aglio, qualche cappero e, se vi piace, del peperoncino fresco.
Schiacciate gli strati e versate tanto olio extravergine di oliva da ricoprire completamente i pomodori secchi; eliminate eventuali bolle d’aria e, per essere certi che restino sempre sotto olio pressateli con due stecchetti di legno.

Una volta aperti potete conservarli in frigo sempre ricoprendoli di olio.
****************************
CONSIGLI: I pomodori secchi sotto olio possono essere conservati in dispensa per settimane ma devono essere chiusi ermeticamente. Una volta aperti vanno consumati entro qualche giorno.

NOTA BENE nei prodotti fatti in casa bisogna stare attenti al rischio botulismo, è importante creare un ambiente sfavorevole alla germinazione delle spore.

Pubblicato da Fantasia in Cucina

La mia passione per la cucina e il buon cibo è nata grazie al mio lavoro e ai miei viaggi. Ho iniziato sin da piccola a raccogliere le ricette di tutto ciò che mi piaceva mangiare e ad appuntarlo su una agenda. Con il passare degli anni è cresciuta in me la passione per la cucina e la tradizione enogastronomica del territorio ibleo. Il mio vuole essere un blog che non è un semplice sito di ricette, ma anche un viaggio della memoria, della cultura di un popolo, quello degli abitanti dei Monti Iblei, in Sicilia, luogo d’incontro tra le province di Ragusa, Siracusa e Catania. Dietro ogni ricetta c'è una storia, talvolta di una famiglia, di un incontro o di un viaggio. Il mio intento è quello di svelare, conservare e di tramandare attraverso le mie ricette l’anima, i saperi, le tradizioni, le passioni e la storia di un popolo. Cucino, fotografo mangio e posto. Mi piace anche consigliare ai miei amici oltre alle ricette sfiziose anche dove mangiare nei locali caratteristici dove andare a mangiare in Sicilia. Se vi va seguitemi, siete i benvenuti. Barbara