Linguine con le cozze e la bottarga

Linguine con le cozze e la bottarga, un primo dal sapore delicato ma deciso. In Italia la bottarga è un prodotto tipico della Sardegna e della Sicilia, con la differenza che in Sardegna viene fatta da uova di muggine (quella più pregiata) e in Sicilia con le uova di tonno. Questo piatto l’ho mangiato mentre mi trovavo in vacanza, proprio in Sardegna, in un ristorantino a picco sul mare a Santa Teresa di Gallura.

Come è noto la bottarga è una preparazione a base di uova di pesce, in particolare di muggine (detto anche cefalo). Esiste la bottarga di tonno, di pesce spada ecc. Le uova vengono salate, pressate e quindi essiccate per alcuni mesi, per cui il prodotto finale è semisolido. Solitamente, la bottarga si utilizza grattugiata, oppure tagliata a scaglie sottilissime. La bottarga è meglio usarla a crudo, unita alla fine sul piatto senza cottura, in modo da salvaguardarne il caratteristico profumo e l‘aroma.

L’abbinamento cozze e bottarga, è frequente  nei primi piatti, così come lo è quello tra la bottarga e le vongole, arselle (telline).

Nella ricetta che vi propongo oggi, il condimento non richiede altri sapori aggiuntivi.

L’unica eccezione, che merita di essere provata, è l’aggiunta di una spolverata di pecorino grattugiato, che da Siciliana, non dovrei utilizzare ma vi assicuro che l’abbinamento merita.

Un arricchimento di uso abbastanza frequente in Sardegna, ma che è adottato anche da cuochi famosi.

Per questa ricetta si preferiscono paste di taglio corto. E’ tipico l’abbinamento con un tipo di pasta corta e fresca (a base di semola e acqua) vagamente simile alle trofie liguri. Altrimenti sono perfette le penne o le pennette. Per la pasta lunga, invece, il condimento di cozze e bottarga richiede gli spaghetti, ma io ho un debole per le linguine e quindi ho scelto questo tipo di pasta per la ricetta di oggi.

linguine con le cozze e la bottarga
  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Linguine 320 g
  • Cozze già pulite 500 g
  • Bottarga di tonno 40 g
  • Aglio 2 spicchi
  • Olio di oliva 5 cucchiai
  • Prezzemolo 1 ciuffo
  • Vino bianco (secco) mezzo bicchieri
  • Sale q.b.
  • Formaggio grattugiato (Tipo pecorino)

Preparazione

  1. Prendete una padella, schiacciate i due spicchi d’aglio e fateli imbiondire in cinque cucchiai di olio di oliva.

    Lavate e tritate finemente il prezzemolo, mettetene un pochino da parte e versate l’altro nella padella.

    Unite le cozze, coprite con un coperchio e fate andare a fuoco moderatamente vivo, finché tutte le cozze non si sono aperte.

    Togliete il coperchio e unite il mezzo bicchiere di vino e fate sfumare.

    Se le cozze hanno rilasciato troppa acqua,  tenetele sul fuoco ancora un paio di minuti per restringere il sughetto il tempo necessario.

    Filtrate il sughetto delle cozze, con un passino fitto e rimettetelo nella padella.

    Sgusciate la maggior parte delle cozze e lasciatene qualcuna per la decorazione del piatto finale.

    Mettete a cuocere le vostre linguine in abbondante acqua salate e scolatele al dente, unitele nella padella del sughetto delle cozze e fatele insaporire saltando per un minuto scarso a fuoco vivace.

  2. Spegnete il fuoco, aggiungete ancora un pó di prezzemolo, spolverate con la bottarga grattugiata, mescolate con cura le cozze e la bottarga con le linguine e servitele ben calde.

     

  3. Le vostre linguine con le cozze e la bottarga sono servite e se vi và unite le cozze con il guscio ( che avevate messo da parte ) come decorazione e ancora una spolverata di bottarga al momento di servire il piatto in tavola. Buon appetito.

Consigli

In questo primo di pasta vi consiglio  l’aggiunta di una spolverata di pecorino grattugiato che da Siciliana non dovrei utilizzare ma vi assicuro che l’abbinamento merita.

Precedente Tortino di alici fresche al forno Successivo Straccetti di pollo al forno facili

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.