Crea sito

Tarallini pugliesi all’olio extravergine d’oliva

Tarallini pugliesi all’olio extravergine d’oliva

IMG_2187 copia

Oggi sul blog la ricetta per preparare i famosissimi

tarallini pugliesi all’olio extravergine d’oliva!

Io li adoro, sono una dipendenza, se ho voglia di sgranocchiare qualcosa, apro la dispensa e vado alla ricerca dei tarallini. Molto tempo fa non mancava mai a casa mia una busta di quelli già pronti, ma da qualche annetto li preparo io quasi tutte le settimane. Di solito, preparo i tarallini con gli esuberi e, infatti, se date un’occhiata alla sezione “ricette con esuberi“, trovate davvero tarallini di tutti i gusti!

Questa volta vi propongo la ricetta dei tarallini semplici, alla pugliese, occorrono solo tre ingredienti:

farina, vino bianco e un buon olio extravergine d’oliva.

Poi, a seconda delle nostre preferenze, per conferire ai nostri tarallini aroma e gusto particolari, si possono aggiungere semi di finocchio, origano, peperoncino essiccato, rosmarino tritato, semi di papavero, etc. La preparazione dei tarallini pugliesi tradizionali prevede due passaggi: una preventiva bollitura, poi asciugatura e infine cottura in forno. Ed è proprio questo duplice cottura (donde il nome “scaldatelli“) che conferisce ai tarallini una friabilità e fragranza unica, oltre a farli risultare più lucidi in superficie.

Tarallini pugliesi all'olio extravergine d'oliva

L’etimologia della parola “tarallo” non è ben chiara (c’è chi dice che possa derivare dal latino “torrère” ossia abbrustolire, mentre altri ritengano posa derivare dall’italico “tar” cioè avvolgere o dal francese antico “danai”), in ogni caso essi nascono nel ‘400 quando i contadini pugliesi li offrivano a visitatori e amici, accompagnati da un buon bicchiere di vino.

Oggi si gustano con una bella birra ghiacciata oppure come snack e sfizio, ma che bontà!

Tarallini pugliesi all'olio extravergine d'oliva
Tarallini pugliesi all’olio extravergine d’oliva

Oggi costituiscono uno stuzzichino immancabile durante gli aperitivi, oppure come snack spezzafame, sono sempre apprezzatissimi e finiscono sempre in un battibaleno. Sono degli sfizi per il palato, una vera leccornia amata pressochè da tutti.

E sono così semplici da preparare in casa, perchè acquistarli? Ecco la ricetta per preparare i tarallini pugliesi in casa, perfetti per qualunque momento della giornata! 😉

Ingredienti per una teglia di tarallini 

  • 300 grammi di farina tipo 00 o 0
  • 100 g di olio extravergine d’oliva
  • 90 ml di vino bianco
  • 6 g di sale fino
  • spezie a piacere (semi di finocchietto, etc)

Preparazione

Io ho usato l’impastatrice. Nella ciotola ho unito la farina setacciata, il sale, poi il vino bianco a temperatura ambiente versato a filo e azionato la frusta a foglia con velocità al minimo. Ho poi unito l’olio evo sempre a filo e continuato a lavorare l’impasto per circa una decina di minuti. Deve risultare un impasto liscio, ben amalgamato ed elastico, morbido e non troppo duro (sennò avrete difficoltà a formare i tarallini). Durante la lavorazione potrete aromatizzare diversamente i tarallini, aggiungendo all’impasto semi di finocchietto, semi di papavero, origano, peperoncino essiccato in polvere, etc.

Note

Siccome ogni farina ha la sua capacità di assorbimento, se l’impasto dovesse risultare un po’ “asciutto”, unite 1-2 cucchiai di acqua calda.

IMG_2175

Dopo ho finito di impastare a mano sulla spianatoia. Far riposare l’impasto per 20-30 minuti, coperto da un canovaccio o da una ciotola a campana per evitare possa seccarsi.

Trascorso questo tempo, procediamo a realizzare i tarallini.

Staccate vari pezzi di impasto con un taglia pasta, arrotolarli con i palmi delle mani fino a formare dei bastoncini lunghi circa 6-7 cm e grandi quanto il dito mignolo e formate i tarallini, dando la tipica forma ad anellino, unendo le estremità sovrapponendo e pigiando per far aderire. Con un tagliapasta tagliate un’estremità.

IMG_2178

Intanto, portate a bollore una pentola con dell’acqua (non salata).

Tuffatevi i tarallini pochi per volta e sollevarli con una schiumarola non appena saliranno a galla.

IMG_2180

 

Adagiarli su un canovaccio per farli asciugare.

Dopodichè adagiateli su una teglia ricoperta di carta forno e finite di far asciugare. Il tempo di asciugatura può essere da minimo 45 minuti a svariate ore, ad esempio tutta la notte. Anzi, più tempo asciugano meglio è.

IMG_2181

 Trasferirli sulla teglia da forno, ricoperta da carta formo (io ho usato un foglio siliconico).

IMG_2182

Cottura

Infornate in forno preriscaldato a 200° per 10 minuti, poi abbassare a 180° e cuocere per altri 10-12 minuti o finchè siano dorati e croccanti (ma non bruciati). Per renderli ben croccanti anche internamente, abbassate poi il forno a circa 150° e lasciateli tostare per altri 5 minuti circa, controllando ed assaggiando magari uno per saggiarne la croccantezza. Spegnete il forno e tenete il forno semiaperto. Dopodichè sfornate e fate raffreddare completamente all’aria.

IMG_2188

Buonissimmi, uno tirerà l’altro!

Tarallini pugliesi all’olio extravergine d’oliva, fatti in casa!

Tarallini pugliesi all'olio extravergine d'oliva
Tarallini pugliesi all’olio extravergine d’oliva

 

Croccanti e friabili, vi conquisteranno!

IMG_2197

 

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258 per non perdevi tutte le novità

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

2 Risposte a “Tarallini pugliesi all’olio extravergine d’oliva”

  1. Ciao Lucia nella ricetta dici di utilizzare la frusta a foglia per impastare i taralli con la macchina ma in foto vedo montato il gancio ad uncino quando lo sostituisci? Prima di unire l’olio o ad impasto ultimato? Un altra domanda tu hai mai provato a metterci del bicarbonato come agente lievitante? Conosco tante ricette ma nessuna mi soddisfa proverò questa… grazie

    1. Ciao alla fine, però ultimamento non lo metto più il gancio. Il bicarbonato come agente lievitante? I tarallini non devo lievitare…Però se ne aggiungi mezzo cucchiaino raso, fammi sapere come verranno
      Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.