Fugassa Veneta dolce tradizionale veneto

Fugassa veneta o Focaccia Veneta dolce tipico Veneto della Pasqua, ma talmente buono che ormai è diventato anche un dolce per le feste Natalizie e non solo perchè nelle migliori pasticcerie la si trova tutto l’anno, tanto che è conosciuta anche come Veneziana. E’ un dolce molto soffice e senza canditi o uvetta. Ti consiglio di guardare tutte le mie ricette della tradizione veneta troverai sicuramente qualche ricetta da provare oltre a questa. Per preparare questa focaccia ho usato uno stampo da 750 g, li si trova nei supermercati, nei negozio specializzati oppure online. Ci vorrà tempo per ottenere una Fugassa veneta morbida, non abbiate fretta e rispettate i tempi  di lievitazione. Per ottenere un ottimo risultato vi consiglio di usare la planetaria. Preparate la glassa affinché aspettate la lievitazione del lievitino e riponetela in frigo fino al giorno dopo.

Per qualsiasi informazione non esitare a contattarmi nella mia pagina facebook per rimanere sempre aggiornata sulle mie novità mi trovi anche su Instagram Twitter  Pinterest Youtube ti puoi anche iscrivere al canale Telegram
Fugassa Veneta dolce tradizionale veneto
  • DifficoltàAlta
  • CostoBasso
  • Porzioni
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Fugassa

  • 500 gFarina Manitoba (w 320)
  • 60 mlLatte
  • 120 gBurro
  • 7 gLievito di birra secco
  • 150 gZucchero
  • 5Uova
  • 1Arancia
  • 1Limoni
  • 1 baccaVaniglia
  • 1 cucchiainoSale
  • Granella di zucchero
  • Mandorle (non pelate)

Glassa

  • 75 gMandorle
  • 25 gMandorle armelline (amare)
  • 50 gNocciole
  • 10 gCacao
  • 20 gFecola di patate
  • 60 gAlbumi

Preparazione

Preparazione Lievitino

  1. ORE 16 Per ottenere il lievitino non serve che usiate la planetaria, lo potete preparare in una ciotola e lavorarlo a mano.

  2. Riscaldate leggermente il latte, dovrà essere tiepido e sciogliete il lievito, aggiungete 20 g di zucchero e 100 di farina impastate il tutto fino ad ottenere un panetto omogeneo e compatto.

  3. Coprite con della pellicola e lasciate lievitare in un luogo caldo, oppure mettete in forno spento per 2 ore, dovrà raddoppiare di volume. Nel frattempo preparata la glassa, la spiegazione la trovate più sotto.

Preparazione glassa

  1. Versate nel mixer le mandorle, le nocciole, il cacao e la fecola, frullate il tutto e quando saranno  farina, aggiungete gli albumi e lavorate fino ad ottenere una crema. conservatela in frigorifero coperta fino al mattino seguente.

Primo impasto

  1. ORE 18: Versate nella ciotola della planetaria il lievitino, 200 g di farina, 3 uova e 70 g di zucchero, impastare finché il composto incorda e solo ora aggiungere poco alla volta il burro a temperatura ambiente.

  2. Aggiungere il successivo solo quando il precedente è ben incorporato. Per questo impasto ci vorrà circa 40 minuti. Riporre a lievitare coprendo la ciotola con della pellicola, in un luogo caldo o nel forno spento per 3 ore dovrà raddoppiare.

Secondo impasto

  1. ORE 21: Riprendere la ciotola con l’impasto ed aggiungere 200 g di farina, 2 uova, 50 g di zucchero, la buccia del limone e dell’arancia e i semi interni della bacca della vaniglia, impastare fino all’incordatura ed aggiungere solo ora il sale, unire poco alla volta il burro a temperatura ambiente, aggiungere il successivo solo quando il precedente è ben incorporato.

  2. Per questo impasto ci vorrà circa 50 minuti. Riporre a lievitare coprendo la ciotola con della pellicola, in un luogo caldo o nel forno spento per tutta la notte.

Pirlatura e stampo

  1. MATTINA SEGUENTE ORE 7:
    Riprendete l’impasto e disponetelo su una spianatoia, vedrete che si sgonfierà, ma non preoccupatevi, lasciatelo puntare per 15 minuti.

  2. Ora procedete alla pirlatura, e lasciate puntare nuovamente per altri 15 minuti. fate un’ultima pirlatura e mettete l’impasto nel contenitore per il panettone, ricopritelo con la pellicola e riponetelo a lievitare in forno con la luce accesa e se avete la possibilità accendetelo a 30° non di più.

  3. Lasciatelo lievitare 6/8 ore dovrà arrivare a circa 2 cm dal bordo, se vedete che ci vuole più tempo, lasciate lievitare senza fretta.

  4. Togliete la pellicola e versate la glassa sulla superficie della Fugassa veneta, meglio se con una sa a poche ed aggiungete la granella di zucchero e le mandorle non pelate

Cottura e conservazione

  1. Riscaldate il fono statico a 170° , quando sarà caldo infornate la fugassa veneta e la cuociamo per 50/55 minuti.

  2. Quando sarà cotto tirate fuori il panettone e infilzatelo con dei ferri, vanno bene anche quelli per lavorare la lana e capovolgetelo, lo potete appoggiare anche a una pentola capiente o a una bacinella o tra due sedie.

  3. Lasciatelo così per almeno 2 ore, io l’ho lasciato tutta la notte. Trascorse almeno 12 ore potete riporre la fugassa veneta in un sacchetto per conservarlo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “Fugassa Veneta dolce tradizionale veneto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.