Congelare succo e scorza dei limoni

Congelare succo e scorza dei limoni I limoni sono davvero indispensabili in cucina però si deteriorano facilmente, si seccano o ammuffiscono, anche se ci sono dei rimedi per tamponare questi fenomeni, di cui ho parlato in alcuni dei miei post, metterò i link alla fine dell’articolo, il deterioramento è quasi inevitabile dopo un certo periodo.

Per non sprecare niente dei limoni quindi possiamo congelarne sia il succo che la scorza che sono ovviamente le parti essenziali utilizzate in cucina.

Ecco come procedere per congelare succo e scorza dei limoni.

Congelare succo e scorza dei limoni

Preparazione

  1. La prima operazione è quella di eliminare la buccia per poi congelarla.

    E’ possibile staccare con un pela patate la scorza e conservarla intera oppure grattugiarla. Dovrete solo far attenzione a non staccare la parte bianca, che è amara.

    Dopo aver staccato la scorza potrete congelarla facendone delle monoporzioni se è grattugiata, mentre per la scorza intera potete riporla su un vassoio e metterla in freezer per qualche ora, quando è ben congelata, potrete inserirla nei sacchetti da congelamento o in contenitori ermetici.

  2. Dopo aver eliminato la scorza dai limoni, potrete spremerne il succo.

    Filtratelo per eliminare i semi e la polpa del limone e porzionatelo in piccoli bicchieri di plastica oppure versandolo negli stampi del ghiaccio.

    Inserite il succo di limone nel freezer.

  3. Quando dovrete utilizzare la scorza dei limoni potrete aggiungerla alla preparazioni direttamente congelata, per aromatizzare torte e creme, ad esempio.

    Quando servirà il succo, sarà sufficiente estrarne dal freezer un cubetto o una monoporzione e farla scongelare per poi aggiungerla a tisane o a ricette che prevedano l’uso di succo di limone come ad esempio quelle a base di  pesce.

  4. Il succo e la scorza di limone congelati si mantengono bene per circa 6 mesi.

    Mi trovate anche su Facebook.

    LEGGI ANCHE

    DOVE CONSERVARE I LIMONI

    PERCHE’ SUI LIMONI SI FORMA LA MUFFA

Precedente Ciambelle dolci con patate Successivo Risotto con mele e taleggio

Lascia un commento