Crea sito

cornetti salati ai cereali

cornetti salati ai cereali

cornetti salati ai cereali

I cornetti salati ai cereali, sono ideali da proporre in un buffet, per un compleanno o per un pic nic.
Potremmo anche farcirli con del formaggio e salumi, ma sono buonissimi anche senza niente.
La farina ai cereali, poi dona loro un sapore unico….
Per chi ha pasta madre solida: 150 gr di pm solida e 450 gr di farina ai careali.
Per chi volesse farli con lievito di birra: preparare un lievitino con 50 gr di farina 0, 50 gr di acqua e 12 gr di lievito di birra fresco.

Aspettare il raddoppio e procedere da ricetta.
Mettiamoci a lavoro con per 12 cornetti
500 gr di farina ai cereali ( Molino Rossetto)
100 gr di lievito madre liquido rinfrescato
300 ml di latte
60 gr di burro morbido
1 cucchiaino di miele
12 gr di sale
Prepariamo l’impasto dei nostri cornetti salati ai cereali: nella planetaria, riuniamo il latte con il miele ed il lievito che faremo sciogliere.
Aggiungiamo la farina ai cereali e lavoriamo bene per circa 10′ e portiamo ad incordatura.
Uniamo il sale e facciamolo assorbire.
Incorporiamo il burro morbido a piccole dosi, facendo attenzione che sia ben assorbito, prima di mettere il resto e senza perdere l’incordatura.
Ribaltiamo sull’asse leggermente infarinata, raccogliamo a palla e mettiamo a lievitare in una ciotola coperta, per circa 6-7 ore, fino al raddoppio.
Riprendiamo il nostro impasto lievitato, ribaltiamolo sull’asse infarinata, sgonfiamolo un po’ e con un mattarello, stendiamo in un rettangolo di circa 48x 38 cm.
Tagliamo il rettangolo in due per il senso della lunghezza, tagliamo ogni striscia in 6 triangoli con base di 8 cm l’uno.
Formiamo i nostri cornetti salati ai cereali e mettiamo a lievitare per 5-6 ore in una leccarda foderata con carta forno.
Cuociamo a 180′ per circa 20′.
Se volete, potete cospargere la superficie con del sale grosso, con semi di sesamo e di papavero…
Clicca mi piace in Creando si impara!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.