Cappone con sugo alla cacciatora

Cappone con sugo alla cacciatora, voi direte …. in questa stagione?

Credo che per un secondo piatto di carne così gustoso e saporito

non ci sia un periodo particolare, ancora non fa tanto caldo

da dover rinunciare a questa preparazione.

Meraviglierebbe forse se ve lo avessi proposto in brodo,

ricorderebbe molto il Natale, non vi convince?

potrete sostituirlo con il pollo ma non sarebbe proprio la stessa cosa.

Di solito la parte che vedete appositamente da foto è quella meno gradita,

c’è un pezzo quello del bianco che si ritiene a casa mia troppo asciutto,

bè qualcuno si è dovuto ricredere.

Cucinato così e con qualche piccolo accorgimento  è riuscito tenero e succoso,

certo dipende anche molto dal taglio dell’animale.

E’ un gallo castrato ed ingrassato, per questo rimane

più morbido e saporito, essendo più gustoso è più adatto ad una cucina più elaborata

( oltre alla lessatura )

Non vi sembra adatto visto che andiamo verso il caldo?

tenete a mente la ricetta, _ se vi va_ lo potrete preparare per le feste Natalizie,

anche se da noi lo si fa soprattutto in brodo, con gli anolini.

Cappone con sugo alla cacciatora
Cappone con sugo alla cacciatora

Cappone con sugo alla cacciatora

INGREDIENTI

carne di cappone in parti,

( lo trovate anche così, potete scegliere la parte che preferite )

1 cipolla

2 coste di sedano

2 piccole carote

2 spicchi d’aglio

1 bicchiere di vino rosso, o bianco

( anche se è preferibile il rosso )

prezzemolo, 1 mazzetto

1 cucchiaio d’olio extra vergine d’oliva

passato di pomodoro, a piacere

brodo vegetale

PROCEDIMENTO

  • Se avete il cappone intero, lavatelo e tagliatelo a pezzi
  • Metterlo in una casseruola senza alcun condimento per fare ridurre l’acqua
  • Risciacquarlo, rimetterlo in padella e farlo rosolare senza niente
  • Quindi, aggiungere un cucchiaio d’olio extra vergine d’oliva, un bel trito di prezzemolo lavato e tritato, la cipolla lavata pelata e a fettine, l’aglio sbucciato e a fettine, le carote ed il sedano lavati puliti e a tocchetti, farlo rosolare da tutte le parti, aggiungere il vino e fare sfumare, non appena sarà evaporato aggiungere ( a piacere ) il passato di pomodoro, aggiustare di sale e continuare la cottura allungando con brodo vegetale, ogni volta che lo vedrete asciugare.
  • Ci vorrà minimo un’ora, sarà pronto quando vedrete la carne staccarsi dall’osso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.