Asparagi freschi in pastella diverse

Asparagi freschi in pastella diverse, già qualcosa ho detto nel precedente post,

vediamo se posso aggiungere dell’altro su questo delizioso ortaggio,

tipico di questo periodo e che troviamo fino a giugno.

Essendo questo il momento più propizio, ovvio è che viene spontaneo preparare qualcosa con il prodotto fresco, come ho fatto oggi.

Asparagi freschi in pastella diverse
Asparagi freschi in pastella diverse

Non disdegno nemmeno gli asparagi surgelati, se non altro me li tengo spesso

e volentieri nel congelatore per cucinare qualcosa tutto l’anno anche se quelli freschi si trovano senza difficoltà.

E’ risaputo che quelli bianchi sono anche i più teneri, quelli che vediamo spesso e volentieri sono i classici verdi.

Tornando al prodotto surgelato, troverete parecchie preparazioni in cui l’ho usato, questo dipende oltre che dalla comodità e praticità ( anche per non doverli pulire, diciamolo ) da qualche delusione dovuta al prodotto fresco, a volte legnoso e duro e con un grandissimo scarto.

Con quelli di oggi ( come da foto ) sono stata veramente fortunata, i primi comprati e di un tenero unico, ho tolto una parte del gambo quasi a malincuore, per niente duri e poi, veramente saporiti.

Per chi volesse intraprendere una dieta, l’asparago è sicuramente raccomandabile, naturalmente lessato, non certo pastellato come ve lo propongo io oggi, anche se gustosissimo.

E’ infatti ipocalorico, diuretico , abbassa il colesterolo non particolarmente indicato per chi avesse problemi alle vie urinarie.

Particolarmente versatile, in paste risotti frittate muffin torte salate, e poi ancora in insalate, per accompagnare le uova….insomma ce n’è per tutti i gusti.

Come ve li presento, saranno un ottimo antipasto o contorno Pasquale, da accompagnare al classico Agnello se avete intenzione di prepararlo.

Asparagi freschi in pastella diverse
Asparagi freschi in pastella diverse

Asparagi freschi in pastella diverse

INGREDIENTI

  1. per la Prima Pastella

circa una ventina di asparagi

( per avere il piatto chevedete da foto, praticamente il mazzo )

circa 150 grammi di farina bianchi

acqua frizzante freddissima, quanto basta per raggiungere una giusta densità della pastella, nè troppo liquida nè troppo densa

1 tuorlo

olio di semi di mais, per la frittura

PROCEDIMENTO

  • Pelare i gambi degli asparagi conun pelapatate
  • eliminare la parte pià dura
  • Lavarli accuratamente, asciugarli e cuocerli al vapore per 15 minuti

( oppure, mettete in un tegame largo dell’acqua leggermente salata e scaldare ma non portare a bollore completo, mettervi gli asparagi disporti in orizzontale _ devono essere coperti ma non nuotarci dentro_e cuocere fino a che la punta non si sarà intenerita )

  • scolarli, appoggiarli ad asciugare su carta da cucina.
  • Aspettare che siano bene asciutti.
  • Sbattere l’uovo leggermente salato, aggiungere poco per volta la farina e diluire con l’acqua freddissima unendola poco alla volta, mescolando bene con una frusta, fino ad ottenere un composto fluido e senza grumi
  • Passarvi gli asparagi, pochi per volta, fare assorbire bene la pastella e tuffarli nell’olio bollente, rigirandoli
  • Appoggiateli su carta da cucina a fare perdere l’unto in eccesso, servire caldi

2) per la Seconda Pastella, prima di friggerli, passarli in un rossod’uovo,  nel pane grattato, friggere,  saranno un tantino più calorici, ma gustosissimi 

( potete anche passarli pastellati direttamente nel pane grattato )

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.