Crea sito

La composta di peperoni allungati – ricetta pugliese

La composta di peperoni allungati è una ricetta pugliese che si tramanda in casa mia da generazioni. Quando ero piccola, spesso le ultime settimane di agosto andavamo a Gravina in Puglia a trovare i parenti. Le donne di casa (nonna, mamma e zie) erano tutte indaffarate a preparare le conserve e la salsa. Sembrava una catena di montaggio. Zucchine, melanzane, pomodori, peperoni..non puoi immaginare il profumo che c’era in casa della nonna in quei giorni. Ne facevano talmente tante che ognuno portava a casa il proprio bottino. Li ho mangiati tante volte e finalmente mi sono decisa e ho iniziato a preparare qualcosa.

Oggi ti parlo della composta di peperoni allungati. Una conserva molto gradita sia per accompagnare un secondo sia da mangiare semplicemente con il pane o le bruschette. Non richiede cottura..solo un pò di tempo e pazienza, ma ti assicuro che ne vale proprio la pena!
  • Porzioni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgPeperoni
  • 3 spicchiAglio
  • 500 mlAceto di vino bianco
  • 1 bustinaSemi di finocchio
  • Prezzemolo
  • Olio di oliva
  • Sale

Preparazione

  1. La composta di peperoni allungati – ricetta pugliese.

    I peperoni che utilizziamo per questa ricetta sono quelli dolci, presenti rossi e verdi di forma allungata. Prima di procedere ti do un piccolo consiglio: procurati dei guanti perchè così eviterai di sporcarti le mani e soprattutto le unghie.

  2. Passa con un canovaccio pulito i peperoni, poi toglie il pistillo e aprili con una forbice. Togli i semini e le venature più spesse. Infine, tagliali a strisce lasciando l’estremità unita (pensa ai tentacoli del polipo).

  3. Tieni con una mano la parte unita e taglia i peperoni a quadratini piccoli, ma non troppo. Utilizza una ciotola di alluminio ampia in modo da riuscire a girare tranquillamente gli ingredienti.

  4. Una volta tagliati tutti, mischia bene e aggiusta di sale. Occorre un cucchiaio abbondante da cucina.

  5. Unisci l’aceto, mischia e lascia riposare con il coperchio per 2-3 ore girando ogni tanto.

  6. Versa i peperoni allungati tagliati e conditi nello scolapasta e schiacciali con un peso. Ti consiglio di lasciarli tutta la notte e riprendere la preparazione con calma la mattina seguente.

  7. Versa nuovamente nella ciotola di alluminio e condisci con il prezzemolo fresco tagliato (circa un mazzetto). Poi unisci i semi di finocchio (è sufficiente metà bustina pari a circa 6-7 grammi). Infine taglia gli spicchi d’aglio e fettine sottili. Mescola per amalgamare bene gli ingredienti.

  8. A questo punto puoi riempire i vasetti con la composta di peperoni allungati e aggiungere l’olio fino a coprirli del tutto. Lasciali riposare almeno mezzora con il coperchio appoggiato, ma non chiuso e se necessario aggiungi l’altro olio. Non deve risultare asciutta, ma sempre bagnata con l’olio.

  9. Ora puoi chiudere i barattoli e conservarli in un luogo fresco ed asciutto. Ti consiglio di aspettare almeno 2 settimane prima di consumarla. Una volta aperto il barattolo  riponilo in frigorifero e ricordati di aggiungere l’olio in superficie per non farla asciugare.

  10. Come la puoi consumare? Puoi preparare delle bruschette o semplicemente farcire il pane; oppure aggiungerla nei toast o panini/focacce ripiene al posto della farcitura. Un gusto davvero unico!

    Se questa ricetta ti è piaciuta e vuoi essere sempre aggiornato, seguimi anche sulla mia pagina di facebook cliccando acasadigery e lascia il tuo like!

    Ti aspetto…Gery

    Torna alla home per leggere tutte le altre ricette.

    Mi trovi anche su instagram , twitter  e pinterest

    Ti potrebbe interessare:

    Piadina pronta in 5 minuti

    Come pulire e cucinare le cime di rapa

    Cavatelli con cime di rapa, salsiccia e crostini di pane saltati in padella.

  11. In questa ricetta sono presenti link di affiliazione.

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “La composta di peperoni allungati – ricetta pugliese”

  1. Ciao Gery, tu dici di condire i peperoni con sale e aceto insieme. Ma non diventano molli? Altrove leggevo di farli stare prima 2/3 ore col sale per far perdere l’acqua, poi di sciacquarli con aceto, scolare e mettere sotto un peso tutta una notte. Infine condire e mettere sott’olio…dammi ragguagli, grazie tante Gery 🥰

    1. Ciao, mia mamma li prepara così ogni anno e io con lei. Non li ho mai trovati molli come consistenza. Ti consiglio di provarli! Poi farai anche tu grandi scorte. Io li adoro.
      PS una volta fatti, mi farebbe davvero piacere che tu mi dicessi cosa ne pensi e se vuoi puoi mandarmi anche una foto.
      Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.