Minestra di legumi delle colline Lucchesi

Minestra di legumi delle colline Lucchesi

Questa minestra di legumi delle colline Lucchesi è un piatto che viene fatto da sempre a casa mia.
devo ammettere che quando ero piccola non lo amavo in particolar modo.
i bambini si sa, sono schizzignosi. soprattutto quando si parla di verdure e simili.
zuppe, minestre e minestroni.
poi quando si cresce si scambia, scatta qualcosa.
i gusti si affinano.
e si impara ad apprezzare cose che prima ci sembrava impossibile.
questa minestra di legumi, che si prepara con i legumi secchi, messi ad ammollare la sera prima, è tipica della mia zona.
si trovano proprio in commercio dei sacchettini con questi legumi misti. belli preparati per lo scopo.
fagioli dall’occhio. cannellini. borlotti. lenticchie. fave decorticate. fagioli verdi azuki.
e fagioli rossi di Lucca.
che sono proprio un prodotto tipico locale.

Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi

 

in casa mia questo mix di legumi viene chiamato “i pippini”, o “la minestra di pippini” un nome un po’ buffo, devo ammetterlo.
il “pippino” è un qualcosa di piccolo, tipo un bottone, una monetina, un coriandolo.
e questa minestra è un insieme di minuscoli legumi multicolori, come dei piccoli bottoncini, che cuocendo si amalgamano e danno vita ad in piatto dal sapore davvero particolare.
un piatto povero. della tradizione.
a base di soli legumi e poco altro.
che un tempo i legumi erano la carne dei poveri, perché ricchi di proteine.
adesso si dice “un piatto vegano”, ma a me piace continuare a pensarlo come un piatto della tradizione contadina.
d’altra parte sono cresciuta rincorrendo galline, e fuggendo da tacchini inferociti (non avete idea di quanto siano cattivi i tacchini quando ti prendono di mira XD), accarezzando coniglietti appena nati e raccogliendo le ciliegie direttamente dall’albero .
potrei non amare un piatto del genere?

Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi

Minestra di legumi delle colline Lucchesi
Minestra di legumi delle colline Lucchesi

Ingredienti per la Minestra di legumi delle colline Lucchesia:

  • 1 confezione di legumi misti da 400/500 gr (il peso potrebbe variare da confezione a confezione)
  • 1 scalogno
  • olio
  • sale
  • pepe
  • 1 dado (oppure il brodo vegetale se avete il tempo di farlo)

Procedimento:

La sera prima mettere a mollo i legumi in acqua fredda. Lasciarli in ammollo fino al giorno seguente.
Prima di cuocerli scolarli e sciacquarli.

In pentola a pressione, mettere abbondante olio e rosolarvi lo scalogno fino a che non si è appassito (se vedete che attacca aggiungete un poco d’acqua e continuate a cuocere fino a che non si è ritirata).
Unire quindi i legumi e farli insaporire nel soffritto di olio e scalogno.  Salare e pepare.
A questo punto unire l’acqua e il dado per portare a cottura, di solito noi si calcola così: un piatto a persona + uno per la pentola.
Essendo questa una dose per 3 persone, occorreranno circa 4 piatti di acqua.
Chiudere la pentola a pressione e calcolare circa 15 minuti da quando sfiata.
Ogni confezione di legumi, essendo legumi misti, può avere tempi di cottura leggermente diversi.
A volte ci siamo imbattuti in fagioli neri che dopo 30 minuti erano ancora duri. Altre volte dopo 15 minuti la minestra è perfettamente cotta e densa al punto giusto.
Dopo circa 15 minuti consiglio di aprire la pentola a pressione, controllare densità e assaggiare i legumi per saggiarne la cottura.
Se la minestra fosse troppo cruda, chiudete di nuovo la pentola e aspettate ancora altri 5-10 minuti.
Stessa cosa se fosse troppo cruda e troppo densa (quindi rischiasse di attaccare) aggiungete ancora un poco di acqua.
Come vedete dalla foto la minestra deve assumere una consistenza corposa e cremosa.
Servire calda, accompagnata da un filo di buon olio d’oliva a crudo.

 

3 Comment

  1. mi piace molto, l’ho gia’ comprata anch’io, molto gustosa ed avvolgente, brava!!!!baci Sabry

  2. Cinzia says:

    Vale!!! E’ un po’ che non giro per blog e non ero neanche più passata da te , ma vedo che il tuo blog migliora di giorno in giorno: foto bellissime, ricette ancora di più! Sei bravissima! ANzi, per le foto ti chiederò un consiglio ma magari te lo chiedo via mail!
    Scusa se non passo più molto ma il tempo è quello che è e non girello più tanto per i blog. ma vedo sempre i tuoi commenti, che mi fanno proprio sempre tanto piacere. Ti mando un caro caro abbraccio
    Cinzia

    1. undolcealgiorno says:

      grazie, non sai quanto mi rendano orgogliosa le tue parole!!!
      mandami pure una mail, per il poco che posso consigliarti, non sono di certo una “professionista” in materia fotografica, diciamo che mi arrabatto 🙂

I commenti sono stati chiusi.