Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo

Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo

Alla Coop hanno messo un mini-mini stand con tutte farine strane, kamut, avena, orzo, io piano piano le sto provando tutte, perchè mi piacciono i sapori nuovi e non sono una che si fa intimidire dalla sperimentazione.
tempo fa avevo comprato questo bel pacchettino da mezzo kg di farina d’orzo e ancora se ne stava lì in dispensa ad attendere di essere utilizzato. stamani in preda ad uno slancio di innovazione culinaria mi sento di provare a cucinarci un qualche dolce XYZ.
cosa non so, perchè ovviamente quasi tutti i miei dolci nascono e si sviluppano mano mano, a seconda di quello che trovo spulciando in qua e là…
apro il frigo e beeeene….noto già da subito che sono senza burro.
io che i dolci senza burro li faccio molto ma molto malvolentieri mi devo accontentare di smezzare margarina e burro. sì perchè un cincischino di burro ce l’avevo, 50 gr, e meglio che niente, ce lo schiaffo dentro!
poi apro la farina d’orzo, ne peso 250 gr, che più o meno ho capito che è la dose per 12/14 muffin e togliendola dalla bilancia me la accosto al naso per annusarla.
beh di solito assaggio tutto prima di metterlo nel dolce, soprattutto se è un ingrediente nuovo, che non ho mai assaggiato, leggasi la disavventura dello zenzero candito (qua), per capire come utilizzarlo, se può andare bene con gli altri sapori,  ma in questo caso assaggiare la farina così a crudo e da sola mi sembrava eccessivo (anche se poi sono la prima che si assaggia l’impasto pronto e finito prima di metterlo in teglia. ho questa teoria: che se è buono a crudo è buono per forza anche da cotto!)
però già il solo odore mi da un’indizio. ossia che è molto forte come farina, deve avere un sapore davvero intenso. così ritorno sui miei passi, prima di fare il patatrac.
e smezzo, metà farina bianca e farina di orzo. così può andare. spero…

Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo

unisco anche la “macedonia di frutta” così si chiama, ma di macedonia ha davvero poco, se non che sembra la natura morta di una macedonia. ma non morta nel senso pittorico del termine ossia che ne se resta immobile. morta perchè è morta, cadaverizzata, incartapecorita, mummificata.
insomma un mix di frutta essiccata, per carità buonissima eh, chiamala come vuoi ma non me la puoi chiamare macedonia, se penso alla macedonia penso a qualcosa di succoso, colorato, rubicondo, lucido, non un ammasso di robetta rinsecchita e opaca.
come tutte le ricette sperimentate per la prima volta, monto e mescolo tutto, assaggio man mano, controllo le consistenze, metto negli stampini e incrocio le dita!
quando apro il forno la prima volta (forno birichino senza vetrino!) tutto andava per il meglio, dopo altri 3 minuti ciambelline pronte per essere sfornate,  in neppure 14 minuti.
sì perchè gli stampi con il buchetto cuociono in maniera velocissima (e purtroppo devo dire a loro discapito che tendono a seccare un po’ di più il composto rispetto ai classici muffin, ma sono tremendamente carine ste ciambelline, che volete farci?)
assaggiate le ciambelline semi-integrali me ne sono innamorata subito, un sapore davvero unico, la farina d’orzo di sente ma non è preponderante, la cannella si abbina benissimo con il suo sapore, la frutta essiccata gli dona morbidezza e dolcezza.
e poi oh…sarò io, ma io adoro quando i dolci hanno questo bel colorino nocciola dato dalla farina integrale!

Ingredienti per 12 Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo:

  • 100 gr di farina bianca
  • 150 gr di farina di orzo
  • 50 gr di burro
  • 100 gr di margarina
  • 170 gr di zucchero di canna (demerara)
  • 3 uova
  • 200 gr di frutta essiccata mista (mele, pere, prugne, mirtilli, albicocche)
  • 1 cucchiaino di cannella

Procedimento:

Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo
Ciambelline semi-integrali alla farina di orzo

Montare il burro e la margarina con lo zucchero di canna (io avevo solo 50 gr di burro e li addizionati con la margarina ma potete usare anche 150 gr di burro, o 150 di margarina) fino ad ottenere una crema morbida e liscia.
Unire le uova una alla volta, facendo attenzione che vengano incorporate nell’impasto prima di aggiungere le successive.
Unire quindi prima la farina di orzo, poi la farina bianca addizionata di lievito, mescolando poco e lentamente. L’impasto sarà molto compatto, non preoccupatevi.
Aggiungere anche la cannella, mescolando a mano.
Unire la frutta essiccata (io avevo uno di quei mix già pronti) fatta a pezzettini piccoli, e mescolare a mano per non far sviluppare troppo glutine.
Mettere l’impasto in uno stampo per 12 ciambelline, precedentemente imburrato e infarinato (io ho provato anche solo ad imburrarlo, e le ciambelline escono più pulite, ma sono di + difficile estrazione), riempiendo i buchetti fino a 3/4.
Mettere in forno preriscaldato a 180 gradi, per circa 14/16 minuti, dipende molto dallo stampo. Se usate lo stampo da muffin anche 20 minuti.
Lo stampo da ciambellina, essendo bucato al centro conduce molto di più il calore all’interno del dolcetto, io ho impiegato solo 14 minuti per cuocerle.
Aspettare che raffreddino un pochino prima di capovolgerle, sono molto delicate.

cliccate qua se volete leggere TRUCCHI E SUGGERIMENTI PER DOLCI PERFETTI

2 Comment

  1. Certo che le provi tutte,sei troppo simpatica, mi hai fatto ridere da morire!!!Comunque tutto e’ andato bene, mi sembra che il tuo esperimento sia riuscito benissimo, devono essere molto golose, con un sapore molto intenso e particolare, di sicuro da provare.Ma davvero esistono cosi’ tanti tipi di farine in commercio, non ci ho mai fatto caso!!!!Baci Sabry e buona domentica

    1. undolcealgiorno says:

      sì sì ce ne sono moltissime! devo ancora provarne tante! per ora mi fermo a: farina integrale (che è abbastanza comune), di kamut, di avena, di castagne e di orzo….sono tutte molto buone! l’unica che da un po’ di problemi tra quelle provate è quella di avena che essendo molto povera di glutine spesso dona ai dolci una consistenza poco compatta, quindi tendono a sbriciolarsi un po’!
      un abbraccio e buona domenica anche te! XD

I commenti sono stati chiusi.