Crea sito

Grissini (con esubero lievito madre)

Ciao! Ecco un’altra ricetta da fare con l’esubero del lievito madre: i “GRISSINI”! L’esubero, non è altro che la parte del lievito madre (tutte le informazioni qui) che non viene rinfrescata e che quindi vi avanzerebbe. Invece di buttarla via, potete preparare tantissime ricette. L’esubero, inizialmente, non ha un grande potere lievitante e di conseguenza si presta nella preparazione soprattutto di grissini e di crackers.
Negli ingredienti trovate le dosi per 150 g di esubero di pasta madre ed indicativamente otterrete 15 grissini molto sottili. Potete ovviamente realizzare i grissini con la forma e la dimensioni che vi piace di più in base ai vostri gusti.
La ricetta è facilissima e velocissima, perché non richiede nessun tempo di riposo per la lievitazione. Basta impastare tutti gli ingredienti, realizzare con l’impasto i grissini e cuocerli al forno per pochissimi minuti, giusto il tempo per la doratura.
Aspetto come sempre i vostri commenti e i vostri suggerimenti!
Grazie come sempre per seguirmi e presto!
Anna

Grissini con esubero
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni15 grissini sottili
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 150 gesubero del lievito madre
  • 75 gFarina 0
  • 29 mlAcqua
  • 14 mlOlio
  • 5 gSale
  • q.b.Olio extravergine d’oliva (per spennellare la superficie dei grissini)

Strumenti

  • Ciotola
  • Cucchiaio
  • Spianatoia
  • Teglia

Preparazione

  1. Preparazione impasto

    In una ciotola unite l’esubero del lievito madre, la farina e l’acqua tiepida. Aggiungere l’olio e il sale e mescolare il tutto.

    Trasferire il composto su una spianatoia e continuare ad impastare a mano fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.

  2. Formazione dei grissini

    Dividere l’impasto in circa 15 parti se vorrete ottenere grissini molto sottili, come quelli torinesi. Altrimenti potete realizzare grissini più spessi.

    Prendere ogni pezzettino di impasto e stenderlo fino ad ottenere un bastoncino della forma desiderata.

  3. Cottura dei grissini

    Disporre i grissini su una teglia rivestita con carta da forno e spennellare la superficie con dell’olio extra vergine d’oliva.

    Cuocere a 180°C, forno ventilato, per 10-15 minuti circa. Il tempo di cottura cambia in base allo spessore dei grissini.

  4. Grissini dopo la cottura

    I grissini saranno pronti quando saranno ben dorati.

I miei consigli:

Potete ovviamente realizzare i grissini con la forma e la dimensioni che vi piace di più in base ai vostri gusti.

Dopo aver spennellato di olio la superficie dei grissini, prima della cottura, potete aggiungere semi di papavero, semi di lino, ecc.

Il tempo di cottura varia molto in base alle dimensioni dei grissini, Mi raccomando di non cuocerli eccessivamente altrimenti risulteranno troppo duri.

I grissini si conservano per diversi giorni in un sacchetto per alimenti.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se ti interessa leggere tutto sul LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Vuoi leggere ricette di TORTE SALATE? Allora clicca QUI.

Se sei interessato invece ad altre ricette di FOCACCE clicca QUI.

Se invece vuoi leggere altre ricette di PANE E LIEVITATI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA –  e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le mie ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.