DSCN2750 copia

 

Oggi vi propongo una focaccia molto speciale. E’ realizzata con sola semola rimacinata di grano duro, un tipo di farina che si usa moltissimo in Puglia. Conferisce un sapore particolare e unico agli impasti ed è, inoltre, un tipo di farina che “beve” molto. Mi spiego meglio. La semola è, infatti,  in grado di sopportare altissime idratazioni, in questo caso si tratta ben dell’80% di idratazione! Utilizzare impasti piuttosto idratati vuol dire conferire al prodotto finale una leggerezza unica, una mollica piuttosto alveolata e sofficissima: infatti, l’interno tende a presentare grandi alveolature. A causa dell’elevata quantità d’acqua, ne risulta una focaccia estremamente morbida e lievemente croccante in superfice e, per la ridotta quantità di lievito, molto digeribile!

Si tratta, insomma, di una focaccia che costituisce una vera goduria per il palato! Da mangiare così, con i pomodorini, olive o quant’altro avrete deciso di mettere sulla superficie oppure accompagnata a salumi e formaggi.

Si tratta di un impasto molto facile, perchè dovrete sporcare solo una ciotola e un cucchiaio. Vediamo come si fa!

Ingredienti per una teglia da forno

  • 600 g di semola rimacinata di grano duro
  • 10 g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 480 g di acqua
  • 12 g di sale
  • 20 g di olio evo

Per farcire

  • pomodorini q.b.
  • 1 patata tagliata finissima
  • olive nere denocciolate
  • origano
  • olio evo q.b.
  • sale grosso q.b.

Procedimento

Sciogliere il lievito di birra in 100 ml di acqua con un cucchiaino di zucchero. In una capiente ciotola setacciare la farina di semola rimacinata, unirvi il lievito disciolto nell’acqua e iniziare ad amalgamare con una spatola. Aggiungere il resto dell’acqua, gradualmente e mescolando sempre con una spatola (o un cucchiaio). Infine, aggiungere il sale e l’olio evo a filo. Impastare amalgamando molto bene il tutto. Deve risultare un impasto molto morbido ed idratato.

Coprire la ciotola con pellicola e far lievitare in un luogo caldo e riparato per circa 2 ore o comunque fino al raddoppio.

Trascorso questo tempo, ungere con abbondante olio la teglia del forno, e versarvi l’impasto, allargandolo con i polpastrelli delle dita precedentemente unti con l’olio. Ricoprire tutta la teglia con l’impasto, creando tante fossette con le dita. Far lievitare la focaccia in teglia per circa 1 ora e mezza- due ore, sempre tenendola al caldo.

Intanto, preparare il condimento. Lavare i pomodorini, schiacciarli per privarli dei semini e condirli con uno spicchio d’aglio, olio evo e sale q.b., aggiungendo anche origano essiccato. Io ho, inoltre, tagliato una patata cruda, tagliandola a fetine molto sottili e condendola con olio evo, sale e origano q.b.

Al raddoppio della focaccia, condirla con i pomodorini, aggiungendo anche olive nere denocciolate q.b. e le patate, distribuendole sulla superficie, schiacciando un po’ per far sprofondare leggermente il condimento nell’impasto. Distribuire sulla superficie l’olio che si era usato per condire i pomodorini e le patate e spargere qualche granello di sale grosso.  Far lievitare ancora la focaccia, questa volta condita, al caldo, per circa 30 minuti.

DSCN2747

Accendere il forno preriscaldandolo a 220°.

Infornare la focaccia a 200° per circa 20 minuti, poi abbassare a 180° per altri 15-20 minuti circa o comunque fino a coloritura della superficie.

DSCN2748

Con questa ricetta otterrete una focaccia molto alta e piuttosto soffice! E’ una focaccia che si apprezza sia calda che fredda e si può gustare semplicemente da sola o guarnita in mezzo con salumi e formaggi a piacere, il top sarebbe una buona mortadella tagliata finissima, da buoni pugliesi. 😉

Spero si noti dalle foto l’estrema sofficità e leggerezza di questa focaccia!

DSCN2751 copia

 

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità!

 

11 Commenti on Focaccia pugliese di semola ad alta idratazione con lievito di birra

  1. Ciao Lucia….ti volevo chiedere ma volendo usare la farina normale? Cmq faccio parte del gruppo di misya e ti ho sempre seguito e ammirato…sei bravissima. 🙂

    • Ciao Angela! Grazieeeeee, mi fa piacere sai?? 🙂
      Allora questa ricetta è pensata per a farina di semola che sopporta luuuunghe idratazioni…
      Vediamo che farine hai in casa. Hai una zero?

    • bene, potresti usare la farina per pizza ! Direi di aggiungere un po’ di manitoba ma poca poca, perchè qui non c’è una lunghissima lievitazione…
      Però cti consiglio di comprare la semola. Io la uso per il pane e pasta fresca 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.