PANE FRITTO

Pane fritto ricetta facile e veloce, pane pronto in 10 minuti ed è buonissimo! Una ricetta perfetta per portare il pane in tavola in poco tempo, ottimo da gustare sia con salumi e formaggi che con confettura, marmellata o crema di nocciole, servono pochi ingredienti per prepararlo e dopo 10 minuti di riposo potete cuocerlo, se poi non volete friggerlo, potete anche metterlo in forno, una ricetta furbissima ed anche un alternativa se qualche volta dovesse mancarvi il pane in casa e siete impossibilitati ad uscire, vi do una piccola chicca, dopo averlo cotto potete anche metterci pomodoro e mozzarella ed avrete delle golose pizzette veloci! Vediamo insieme come prepararlo! Non dimenticate di seguirmi nella mia pagina facebook (QUI) e su Instagram (QUI

PANE FRITTO ricetta facile
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di riposo10 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni8 pezzi
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti pane fritto

  • 200 gFarina 00
  • 1 cucchiainoLievito istantaneo per preparazioni salate
  • 100 gLatte
  • 100 gAcqua calda
  • 20 gBurro
  • 1 cucchiainoSale
  • q.b.Olio di semi di arachide (per friggere)

Preparazione pane fritto

  1. In una ciotola, mescolate prima le polveri, quindi farina, lievito e sale.

    Aggiungete il burro tagliato a pezzetti, il latte e l’acqua ed impastate fino ad ottenere un panetto.

    Lasciate riposare l’impasto del pane fritto nella ciotola coperta da un panno per 10 minuti.

  2. Trascorsi i 10 minuti di riposo, riprendete il vostro panetto e staccate dei pezzi di circa 25 grammi.

    Con le mani leggermente oliate o infarinate fate delle palline ed appiattitele, potete appiattirle con le mani o con un mattarello, l’impasto è ben lavorabile in entrambi i modi.

    Mettete a scaldare l’olio in una padella, e quando sarà ben caldo mettere i dischetti nell’olio massimo due per volta.

  3. Fate dorare il pane fritto da entrambi i lati e poi mettetelo su un foglio di carta da cucina per far assorbire l’olio in eccesso.

    Buono, croccante fuori e morbido dentro, potete gustarlo sia caldo che tiepido!

    VARIANTI E CONSIGLI

    Potete aromatizzare l’impasto del pane fritto con spezie, oppure olive a pezzetti, noci ed anche con del parmigiano o pecorino grattugiato.

    Se volete cuocerlo in forno, mettete i dischetti in una teglia coperta con carta forno, spennellate la superficie con olio extra vergine di oliva e fatelo cuocere in forno statico a 180° per 15 minuti.

  4. Se questa ricetta vi è piaciuta, potrebbero interessarvi anche FOCACCINE DI PATATE VELOCI oppure FOCACCIA DI PANE oppure PLUMCAKE DI PANE CON POMODORI E MOZZARELLA.

CONSERVAZIONE

Il pane fritto si conserva nel sacchetto per alimenti o nella carta del pane per 3/4 giorni. Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI o sul mio account Instagram (QUI) e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE 

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

25 Risposte a “PANE FRITTO”

  1. salve volevo chiedere ma il composto che si crea a me viene molto appiccicoso non proprio un panetto è normale?

    1. no Aurelia viene un panetto, a me è venuto un panetto facilmente lavorabile

  2. Sono normali frittelle che qui in abruzzo facciamo da generazioni a generazioni, la mia bisnonna mi raccontava che sua nonna glie li faceva spesso io ho 63 anni, credo che anche in altre parti d’Italia conoscono questa ricetta da tempo. il resto delle ricette sono interessanti e utili.

    1. Vincenzo, io le ho prese dal libro Buon appetito America, chiedo venia se non conoscevo la ricetta come tipica abruzzese, tante cose non si sanno, grazie per aver ritenuto il resto utile e interessante

  3. Ciao, è molto carina come ricetta ^_*, ma mi domandavo, è possibile evitare di friggere? Non le digerirei mai XD Secondo te al forno è fattibile? Grazie ^_^

      1. Grazie, anche tempi e temperatura, sei stata davvero preziosa *_*

        1. E sono usciti buoni fatto in forno?
          Angelika dalla Germania

  4. Ciao, Valeria! Io ti conosco da poco, aprezzo molto le tue ricette, ma devo dirti che questa ricetta e stra-conosciuta in Romania, da tanto tempo. Io sono rumena e le facevo spesso, cosi come hai detto tu, con il formaggio oppure con marmellata. Mi hai fatto venire la nostalgia ma anche la voglia di farle…….Mi piaciono molto le tue ricette, continuerò a seguirti.

    1. grazie di cuore cara Liliana mi fa tanto piacere, si una ricetta facile e semplice ottima con tutto, grazie ancora 🙂

  5. Ma come fa a venire un panetto se metto 200 di liquido con 200 di farina????

    1. questo è quello riportato nel libro Buon Appetito America da dove ho preso la ricetta, sono venute bene

  6. a bologna si chiamano cr

    escentine e si mangiano con i salumi ,sono ottime

    1. ciao, non so io l’ho trovato sul libro Buon Appetito America, poi se sono simili alle crescentine non so dirti, dovrò provarle, grazie mille

  7. Buonissimo ma ho dovuto aggiungere tanta farina, l’impasto era troppo liquido… da cosa può dipendere?

  8. Per formare un panetto i liquidi dovrebbero pesare circa la metà della farina, 200+200 mi sembra impossibile…

    1. Sara presa dal libro buon appetito America e seguito per filo e per segno la ricetta, prima di dire che è impossibile bisogna PROVARE

  9. Noi le chiamiamo pizzonte…..però le facciamo senza latte e senza burro,con l’impasto del pane o della pizza 🙂

  10. Troppi ingredienti per essere originale dei nativi americani. Latte, burro, sale, lievito istantaneo, diciamo che le contaminazioni non mancano. In origine era solo acqua,farina grezza e cotte su pietre calde.

  11. La quantità di farina è palesemente poca per i liquidi della ricetta. Ma l’hai provata?
    Io ho dovuto aggiungerne almeno altri 200 gr.

    1. Cecilia ti spiego:
      le ricette che vedi le ho fatte tutte
      le foto sono le mie come quella che vedi qui in questa ricetta
      io prima di mettere una ricetta nel blog la provo sempre
      cucino per me e la mia famiglia e non do ai miei fans una ricetta per un’altra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *