Ghirlanda di strudel – idea natalizia

L’influenza imperversa ancora. non c’è stato vaccino che tenesse. e io sono qua chiusa in casa che smanio, perché non posso cucinare, perché non posso finire i regali per Natale.
ma per fortuna ho le mie ricette arretrate a farmi compagnia.
qualche tonnellata di foto scattate e ancora non sistemate.
ed è così che stamani vi presento la mia ghirlanda di strudel. che non avrei mai potuto cucinare, perché non ho le forze, ma non ho neppure il senso del gusto, quindi chissà che schifezza avrei combinato!
E’ il primo strudel che faccio.
no… veramente non è il primo strudel che faccio. ne ho fatti molti in precedenza, ma è il primo VERO strudel che faccio.
cioè con tutti i crismi.
con la vera pasta strudel ecco.
che è un po’ il mostro finale.
quella che tutti temono.
lo devo dire? lo dico!
non mi è sembrata poi tanto difficile! sarà che con le paste “stese” ci vado parecchio d’accordo, ma non ho trovato tutta questa difficoltà che si narra in giro.
stesa subito al primo colpo, sottile era sottile.
ok va bene…quel che va detto va detto… non ci si leggeva attraverso una pagina di giornale, così si dice che debba essere una vera pasta strudel, ma a vedere dalle foto della fetta tagliata, e considerando che in dei punti era a doppio per l’effetto sovrapposizione, beh direi che era sottile. circa 1 mm nei punti dove era scempia.
niente buchi, niente drammi durante l’arrotolamento.
è venuto tutto molto naturale.
unica pecca. secondo me la pasta strudel era fin troppo croccante.
mi spiego.
era la prima volta che assaggiavo questa pasta strudel e non sapevo cosa aspettarmi.
tutti i miei precedenti strudel erano stati fatti con o pasta sfoglia (ovviamente comprata XD) o pasta frolla o pasta brisè.
proprio perchè abitando al centro italia qua non abbiamo la vera cultura dello strudel e come va-va…per noi è un dolce da fare quando hai poco tempo e allora magari lo fai con un avanzo di pastafrolla, o con la sfoglia già comprata.
sia mai che ti metti a fare la pastra strudel, con tutto il lavoro che ci sta dietro.
noi toscani siamo per le cose semplici e cerchiamo sempre di renderci la vita facile (ok ok un po’ pigri a volte XD)

Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia

invece questa volta mi ci sono messa d’impegno e ho voluto provare il vero strudel.
peccato che abituata alla versione diciamo “toscana” sono rimasta un po’ delusa.
‘sta pasta strudel non è mica tutto ‘sto gran che?
eppure  l’ho presa di qui, un sito targato Alto Adige – Sud Tirol…e loro dovrebbero saperla fare la pasta strudel. (ho solo omesso l’aceto, perchè non mi piace il sapore!)
no diciamocelo.
non sa di una mazza! come si dice dalle mie parti.
perchè si dica così non mi è ben chiaro, forse perchè la mazza è di legno e il legno è notoriamente insapore.
oppure non sa di una ceppa.
ceppa, la famosa moglie del ceppo. anch’esso di legno. che notoriamente non sa di una mazza.
e il cerchio si chiude.
(il tutto senza doppi sensi, si intende XD scusate sono i deliri della febbre)
ma tornando alla pasta strudel.
non è dolce, non è burrosa, sa d’olio. è solo molto croccante. ma un croccante quasi fastidioso, perchè non supportato dal sapore burroso che invece ha ad esempio la sfoglia.
insomma…
il mio primo strudel è stato un po’ delusione!
lo so che il concetto è questo: pasta neutra e ripieno gustoso. ma io non mi accontento.
voglio pasta gustosa e ripieno gustoso!
che sembra quasi uno slogan pubblicitario XD
quindi il mio primo vero strudel mi ha lasciato un po’ così. non convinta al 100%.
anche se il ripieno era divino, non rinuncio mai a spezie e zucchero muscovado!!! XD
però mi sono divertita tantissimo a farlo. ed è venuto un amore.
questa ghirlanda di strudel è una ricetta perfetta per natale. può essere ad usata anche come centrotavola e poi gustata a fine pasto!
ho steso, ho steso, e ho steso così tanto la pasta che alla fine ho ottenuto un lenzuolo, e quando ho chiuso e arrotolato lo strudel, mi sono ritrovata con un mega-strudelone di 60 cm che non mi entrava nella placca.
in quel punto ho avuto il “colpo di genio” di arrotolarlo e creare una ghirlanda, dato che natale è vicino, ho pensato che sarebbe stata una bella idea per quel periodo, perchè lo strudel fa molto natale, con le mele e la cannella, e il suo profumino.
così l’ho decorato con delle foglioline che sembrassero quelle dell’aghifoglio (non lo sono, ma chiudete un occhio!) et voilà ghirlanda di strudel pronta, in neppure 1 ora e mezzo, se consideriamo il riposo della pasta e la cottura, che comunque è lunga, impiega circa 40 minuti.

Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia

Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia

Ingredienti per la Ghirlanda di strudel – idea natalizia:

Per la pasta strudel:

  • 300 g di farina
  • 1 pizzico di sale
  • 120 ml di acqua tiepida
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai d’olio

Per il ripieno:

  •  5 mele gialle
  • 50 gr di pinoli
  • 50 gr di uvetta
  • 4 cucchiai di zucchero muscovado
  • 2 cucchiaini cannella
  • 2 cucchiai di pan grattato

Procedimento:

Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia
Ghirlanda di strudel - idea natalizia
Ghirlanda di strudel – idea natalizia

Pulire 4 mele e farle a tocchetti. In una ciotola aggiungere i pinoli e l’uvetta.
Unire quindi lo zucchero muscovado, la cannella e il pan grattato e mescolare (foto 1)

In una ciotola mettere tutti gli ingrdienti per la pasta strudel: farina, l’uovo, l’acqua, l’olio e il sale (foto 2)
Mescolare a mano fino ad ottenere una palla.
Trasferire la palla su un piano infarinato e  con il palmo lavorarla fino ad ottenere una consistenza morbida e liscia.
Lasciare riposare per circa 30 minuti.

Quando la pasta ha riposato, stenderla con il mattarello sopra un foglio di carta forno infarinato (foto 3).
Deve essere sottilissima, circa 1 millimetro.
Tagliare i bordi della pasta in eccesso oltre la carta forno (non buttare i ritagli, serviranno più tardi!), il modo da ottenere una forma rettangolare (foto 4)
Disporre il ripieno al centro (foto 5) e aiutandosi con la carta forno (alcuni dicono uno straccio, ma io ho provato con la carta forno e torna benissimo!) arrotolare lo strudel su se stesso fino a chiuderlo (foto 6)
A questo punto avevo ottenuto uno strudel lungo circa  60 cm che non mi ci stava dentro la placca forno!
Così ho avuto l’idea di arrotolarlo su se stesso e chiuderlo tipo ghirlanda.
Fissate le estremità l’una sull’altra in modo che non si apra, poi decorate la cima con delle foglioline tipo aghifoglio, io avevo degli stampi ad esplulsione e ho usato quelli (foto 7)
Spennellare con latte, trasferire su placca e mettere in forno per circa 40 minuti controllando spesso e girando lo strudel per farlo cuocere uniformamente.
E’ cotto quando la pasta è croccante e assume un colore dorato.

cliccate qua se volete leggere TRUCCHI E SUGGERIMENTI PER DOLCI PERFETTI

4 Comment

  1. SEI STATA BRAVISISMA, LE COSE PREPARATE IN CASA SONO SEMPRE PIU’ BUONE!!!!BACI SABRY

    1. undolcealgiorno says:

      concordo a pieno! e poi, vuoi mettere la soddisfazione? XD

  2. zia consu says:

    Mi dispiace davvero che l’influenza non ti abbia ancora abbonata 🙁 approfittane x riposare ^_*
    Ottimo il tuo strudel e ora che mi ci fai pensare anch’io non ho mai fatto quello “originale”..mi sa proprio che devo rimediare 😛
    A presto e riguardati!

    1. undolcealgiorno says:

      felice di sapere che non sono l’unica! se ti capita di farlo fammi sapere cosa ne pensi di questa stramba pasta strudel che a me non ha convinto al 100%

I commenti sono stati chiusi.