Rustico pomodoro e mozzarella chiuso a forma di busta

Il rustico pomodoro e mozzarella è realizzato con la pasta sfoglia pronta a forma di busta, con sigillo.
Un sistema che ho imparato da mia figlia che trovo alquanto pratico e che peraltro racchiude bene tutto il pipieno. Mi piace cambiare e quando mi accingo a voler preparare i rustici passo prima un pò di tempo a cercare su google le possibili varianti. Questa del rustico con pomodoro a sigglillo mi è sembrata un idea diversa da provare.
Sicuramente mia figlia mi ha dato anche una mano a preparare.
Finalmente lavorando insieme ci siamo poi anche divertite.

Rustico pomodoro e mozzarella
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 130 gpasta sfoglia (1 confezione rotonda)
  • 3mozzarelle (medie)
  • 300 gpomodori
  • 150 gfesa di tacchino (affettato)
  • q.b.pane grattugiato
  • uova (1)
  • 2 fogliebasilico (fresco)

Strumenti

  • Matterello
  • Tortiera

Preparazione

  1. Spianare la pasta sfoglia con il matterello per assottigliare ma non troppo.

  2. Bucherellare la pasta sfoglia con la forchetta e cospargere sopra un po’ di pane grattugiato.

  3. Sbollentare i pomodori in una pentola con acqua calda, pelarli e frullarli.

  4. al centro della pasta sfoglia

    Porre quindi al centro della sfoglia una base di affettato e aggiungere il pomodoro frullato, la mozzarella a pezzetti e il basilico sminuzzato.

  5. Per dare la forma di busta basta aprire una busta da lettera di carta e chiudere la sfoglia nello stesso modo racchiudendo il ripieno.

  6. Cucinare in forno per 15720 minuti a 250 gradi. Far raffreddare un poco e gustare infine il rustico pomodoro e mozzarella, profumato al basilico con la mozzarella fusa e il pomodoro fresco, dal sapore simile a quello del famoso panzerotto.

Rustico pomodoro e mozzarella chiuso a forma di busta

Consigli per il rustico pomodoro e mozzarella:

Il pane grattugiato serve ad assorbire i liquidi. In questo modo il rustico cuoce meglio e rimane asciutto e croccante. Il ripieno se volete potete anche sostituirli con altri ingredienti che potrebbero piacere di più. Oppure nella versione dolce siggillato magari da un amarena. Ogni cambiamento è certamente concesso in cucina per dilettarsi e scoprire nuove ricette da condividere poi con le amiche per uno scambio di idee sui diversi modi di fare. Ogni esperienza è utile e insegna per se stessi e per glia gli altri. Anche sbagliando poi nonnostante tutto si impara. Malgrado la buona volontà qualche volta può accadere. Sebbene quasi sempre si può riparare.

VIENI INOLTRE A SBIRCIARE NELLA BACHECA  DI PINTEREST  LA CUOCA CHE RECUPERA

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da specialit

La cuoca che recupera nasce dalla riconoscenza che mia mamma esprimeva riguardo alla mia cucina, creativa e gustosa con quello che c’era in casa. Aprire il frigorifero e inventare ricette con gli ingredienti a disposizione è una soddisfazione, si risparmia, si svuota il frigo e si mangia anche bene :) ve lo la cuoca che recupera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.