Umbricelli

Umbricelli, Stringozzi, Bigoli stesso impasto per ottenere la più facile e genuina della pasta fresca fatta a mano umbra. Sono degli spaghettoni freschi irregolari e spessi che vengono conditi in svariati modi, dai classici sughi pomodoro e basilico a panna e tartufo, con verdure oppure cacio e pepe, in carbonara, insomma chi più ne ha più ne metta. E sapete qual’è il bello? Che si preparano in un attimo e sono facilissimi perché in realtà potete farli come volete, più spessi, meno spessi, più lunghi, più corti, insomma sbizzarritevi con gli Umbricelli e godetevi questo piatto povero di ingredienti ma ricco di tradizione e storia della mia verde Umbria. Infatti vengono chiamati così dal dialetto umbro umbrico che significa lombrico, forma caratteristica di questa pasta fresca. Seguitemi che vi racconto come si preparano gli Umbricelli.

Monica

Non perdete anche la Torta al testo (ricetta della crescia di Gubbio) il Friccò e la Torta di Pasqua al formaggio!

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    2/3 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 500 g Farina (Io ho messo 1/2 “0” e 1/2 semola rimacinata)
  • 350/400 ml Acqua
  • 1 pizzico Sale

Preparazione

  1. Disponete la farina sul piano di lavoro con un pizzico di sale, praticate in buco al centro e versate poca alla volta l’acqua iniziando a impastare.

  2. Versate giusto l’acqua che impasta la farina, alla fine, dovete ottenere una consistenza più soda della pizza, facilmente lavorabile e che non attacca alle mani. Se per sbaglio mettete tutta l’acqua, non succede nulla aggiungete altra farina fino ad avere la consistenza che vi ho descritto prima.

  3. Formate una palla e coprite con una ciotola, lasciate riposare l’impasto per un quarto d’ora circa, quindi dividetelo in due e staccate con le mani tanti pezzetti, formate tanti serpentelli della lunghezza di uno spaghetto comune e dello spessore di circa 3/4 millimetri.Potete farli anche un po’ più spessi, senza superare i 6/7 millimetri di spessore.

  4. Gli Umbricelli sono pronti per essere consumati. Cuoceteli in abbondante acqua salata e scolateli appena tornano a galla. Conditeli con il sugo che più vi piace e portatevi un po’ di Umbria nel cuore.

Note

Vi piacciono le mie ricette? Allora seguitemi sul vostro social network preferito! 🙂  Mi trovate su Instagram  Pinterest  Youtube  Twitter o sulla mia pagina Facebook per non perdere nessuna novità!!

Precedente Pasta risottata con piselli e gamberetti Successivo Baggiana di fave

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.