Pizza con un grammo di lievito, lievitazione lenta in frigo

Pizza con un grammo di lievito, con lievitazione lenta in frigorifero – Buongiorno!!! Oggi vi scrivo questa ricetta che ho adorato! Una pizza leggera, con solo un grammo di lievito, con maturazione in frigorifero di  circa 24 ore! Se mi seguite conoscete già la mia famosa pizza con 24 ore di lievitazione in frigo..ebbene, questa ricetta è simile, con un impasto però meno idratato, adatto appunto per la preparazione di pizze tonde al piatto, mentre l’altra è ideale per la cottura in teglia (vi lascio il link se volete provarla, cliccate qui.) In fondo all’articolo vi parlo anche del metodo di cottura su pietra, con l’utilizzo del mio nuovo forno, così vi do qualche info! ^_^ (scusatemi per la foto fatta con il cellulare, ma non vedevo l’ora di addentare questa goduria di pizza!)

Sotto trovate altre foto delle pizze che ho realizzato!

Vi consiglio anche queste ricette meravigliose:

pizza con un grammo di lievito in frigo
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura8 Minuti
  • Porzioni3 pizze tonde grandi o 4 piccole oppure 2 teglie piccole
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti Pizza un grammo di lievito

500 g Farina 0
1 g Lievito di birra secco (o 2/3 g di ldb fresco)
280 ml Acqua
1 cucchiaino Zucchero
10 g Sale
2 cucchiai Olio di oliva
q.b. Semola di grano duro rimacinata (per stendere)
q.b. ciò che serve per condire (pomodoro, mozzarella ecc)

Strumenti

1 Planetaria
1 Tarocco in metallo
1 Forno con piastra refrattaria

Preparazione Pizza con un grammo di lievito, pizza con poco lievito, a lunga lievitazione

Per preparare l’impasto ho utilizzato il lievito di birra secco: ne basta 1 grammo e non serve scioglierlo nell’acqua, ma basta aggiungerlo alla farina insieme ad un cucchiaino di zucchero per attivare la lievitazione. Ho messo farina setacciata con lievito e zucchero nella planetaria, mescolato grossolanamente e poi aggiunto acqua e olio. Ho quindi fatto partire la planetaria, con gancio impastatore, per circa 6/7 minuti, in modo da creare un bell’impasto liscio.

Solo dopo che l’impasto si sarà staccato dalle pareti della planetaria aggiungo il sale e faccio andare ancora per 3/4 minuti. L’impasto non ha un’altissima idratazione, quindi abbastanza sodo e sarà semplice lavorarlo.

Una volta completato l’impasto mi sono trasferita sul piano di lavoro infarinato e ho iniziato una serie di pieghe e riposi, ripetuti per almeno 3 volte ogni 10/15 minuti, come per la pizza di BONCI.

In realtà è più semplice da farsi che a dirsi: in pratica sul piano di lavoro ben infarinato, stendete l’impasto leggermente col le dita a forma di rettangolo, prendete i due angoli in alto e uniteli a quelli in basso (come se fosse un libro); rigirate l’impasto in verticale rispetto a voi e ripetete per 2 o 3 volte. QUI VI FACCIO VEDERE COME FARE! Ogni volta mettete a riposare l’impasto nella teglia coperto con canovaccio, oppure sul piano di lavoro coperto dalla teglia stessa. Ripetete per 4/5 volte ogni 10 minuti.

Vedrete che man mano che andrete avanti con questo procedimento di pieghe e riposi, l’impasto diventerà molto più elastico e liscio!!!

Dopo aver fatto questo passaggio potete mettere l’impasto in frigorifero e dimenticarvene fino al giorno successivo! Io lo lascio maturare nel frigo nella ciotola della planetaria ben sigillata con pellicola o con coperchio in silicone! Non deve prendere aria!

Intorno all’ora di pranzo del giorno successivo riprendete l’impasto lievitato dal frigo e fatelo acclimatare a temperatura ambiente per almeno un’ora e mezza o due (dipende dalle temperature e dalle stagioni estate/inverno).

Delicatamente rovesciatelo sul piano di lavoro, leggermente infarinato. Formate 3 o 4 palline d’impasto, tagliando la pasta con un tarocco e non tirandola. Mettete nuovamente a lievitare per un paio di ore almeno, sempre coperte e al “caldo”. Io le ho messe in forno spento coperte con una teglia e canovaccio sopra.  

Aiutandovi con la semola stendete le palline lievitate delicatamente con i polpastrelli, partendo dal centro verso l’esterno, creando così il cornicione della pizza al piatto.  

COTTURA Pizza con un grammo di lievito : in questo caso vi parlo della cottura su pietra, con il mio nuovo forno (che dopo questa pizza amo alla follia! se volete sbirciare eccolo QUA). Se non avete la pietra potete cuoce la pizza in una normale teglia tonda, partendo dal ripiano più basso del vostro forno. (per alcuni consigli per la cottura della pizza leggi qui: COME CUOCERE LA PIZZA NEL FORNO DI CASA? METODI E CONSIGLI PRATICI).

Il mio forno ha la funzione cottura pizza, con pietra e paletta per infornare e sfornare. La pietra si appoggia sulla base del forno, e con questa funzione si raggiungono i 280 °C per una perfetta cottura! Quindi io ho steso la pizza tonda, aiutandomi con la semola sul piano di lavoro, una volta stesa l’ho sistemata sulla pala d’acciaio.

Ho farcito con pomodoro o mozzarella, e poi infornato; dopo i primi 3/4 minuti ho farcito. Occorrono 8/9 minuti per avere una pizza favolosa! Leggi sotto nelle note i consigli per la farcitura!

Alcune delle Pizze che ho realizzato

Note & Consigli

Per ottenere una perfetta Pizza con un grammo di lievito vi consiglio una cottura iniziale con farcitura leggera, solo pomodoro o mozzarella, infornate e a metà cottura aggiungete gli eventuali altri ingredienti!

Potete eventualmente fare anche una “pre cottura“. Se avete molte pizze da preparare per amici o parenti, potete prima stendere e cuocere tutte le basi: quindi per la pizza rossa solo base+ pomodoro, per la pizza bianca solo mozzarella e un filo di olio. Dopo aver cotto tutte le basi sarà più veloce il passaggio successivo in forno, per i restanti 4/5 minuti con i condimenti che più amate.

Solitamente preparo la base al pomodoro un po’ prima, in modo che si insaporisca bene: aggiungo sale, olio, basilico o origano (o entrambi) e un cucchiaino di zucchero per smorzare l’acidità del pomodoro.

Vi garantisco che la croccantezza dell’impasto è unica, l’impasto rimane asciutto dopo la cottura, sembra quasi cotta con forno a legna! Inoltre il poco lievito e la lunga maturazione in frigo la rendono leggerissima! Come si fa a non amarla?!

Seguimi su FACEBOOK e fammi sapere se provi questa ricetta nei commenti! ;*

Se provi la ricetta taggami su INSTAGRAM – @quasimagia_incucina

BUON APPETITO DALLA CUCINA DI E’ QUASI MAGIA!!!! TORNA ALLA HOME

* In questo articolo ci sono uno o più link di affiliazione.

4,5 / 5
Grazie per aver votato!

Scrivimi!

comments

2 Risposte a “Pizza con un grammo di lievito, lievitazione lenta in frigo”

  1. Ciao ho letto la tua ricetta per fare la pizza con solo un grammo di lievito e stasera ci voglio provare. Ho solo una domanda, io ho la pietra per la cottura, me l’ha regalata mio figlio giusto per provare la tua ricetta, ma nel forno non ho la cottura specifica per la pizza, come devo impostare il forno? Statico o ventilato? E che temperatura imposto?
    Grazie in anticipo e buona giornata
    Nicoletta

    1. Ciao Nicoletta, il mio forno in modalità pizza va a 280 gradi ventilato.
      Quindi ti consiglio di mettere il tuo alla massima potenza ventilato. 🙂
      Fammi sapere! Oramai questo impasto è il nostro preferito e lo facciamo ogni fine settimana! Spero piaccia anche a voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.