TRECCINE DI BRIOCHE AL LATTE DI MANDORLE

Dolci treccine di pasta brioche fatte in casa per la colazione del mattino, una coccola per tutta la famiglia o anche solo per se stessi.
E’ arrivata prepotentemente l’estate e il caldo e  le colazioni in giardino sono da sempre le mie preferite.

Da circa un mese, una cara collega di lavoro mi ha regalato un pezzetto della sua pasta madre e ora sono “obbligata” a farla lavorare.
Generalmente sforno molte pizze e piadine con l’esubero.
Dopo diversi tentativi falliti sono riuscita finalmente a fare delle briochine morbide.
Queste sono poco dolci e adatte a essere tagliate a metà e farcite con crema di cioccolato o marmellata.

Come tutte le brioche fatte in casa, non sfogliate, sono buone appena sfornate, intiepidite, il giorno stesso.
Il giorno dopo diventano gommose, ma potete scaldarle per ritrovare freschezza, oppure conservatele in freezer e scongelarle la mattina stessa in microonde.

INGREDIENTI

500 farina di forza oppure metà farina 0 e metà Manitoba

200 gr lievito madre a temperatura ambiente oppure 1 bustina di lievito secco o 1 cubetto di lievito di birra fresco

250 gr di latte di mandorle

100 gr di zucchero semolato

1 uovo intero

1 pizzico di sale fino

100 gr di burro morbido a temperatura ambiente

mandorle a lamelle q.b.

1 albume + poco latte per spennellarle

Miscelare e setacciare insieme le due farine e metterle da parte. Se usate il lievito di birra secco mescolatelo qui con le farine.

In una ciotola unire al latte di mandorle appena tiepido il lievito madre (oppure il lievito di birra fresco se usate questo) e mescolate bene finchè il lievito si è sciolto. Se usate il lievito secco, ovviamente saltate questo passaggio.

Al composto di latte di mandorla unite le farine e mescolate incorporandole bene. Aggiungete l’uovo, lo zucchero e il sale e impastate fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite il burro morbido e continuate a impastare a lungo fino a che quest’ultimo non è stato perfettamente assorbito dal resto degli ingredienti e l’impasto non risulta mprbido ed elastico. Se l’impasto è troppo molle aggiungete uno o due cucchiai di farina.

Formate una palla, incidetela a croce con un coltello affilato, riponetela in una ciotola capiente e lasciate lievitare in un luogo tiepido fino al raddoppio di volume.

Trascorso il tempo di lievitazione, dividete l’impasto in sei parti uguali e poi dividete ulteriormente ciascuna di queste in tre parti uguali. Con ciascuna porzione di impasto formate dei cilindri di circa 2 cm di diametro e lunghi circa 20 cm. Rotolate ogni cilindretto di pasta nelle mandorle a lamelle e realizzate sei treccine.

Sistemate le treccine così ottenute ben distanziate su una placca rivestita di carta da forno e far lievitare ancora fino al raddoppio di volume.

Riscaldate il forno a 200° modalità statico. Spennellate le treccinecon l’albume e il poco latte sbattuti insieme, cospargete con altre lamelle di mandorle e cuocete inforno per circa 20-30 minuti, o in base al vostro forno, fino alla doratura.

 

Felici colazioni in giardino 😆
Natascia

 

Precedente ANGEL CAKE PANNA E FRAGOLE Successivo CIAMBELLA SALATA FARCITA

7 commenti su “TRECCINE DI BRIOCHE AL LATTE DI MANDORLE

  1. Ma brava! Mi fa davvero piacere che anche tu abbia ceduto al lievito madre ^_^
    Chissà che soddisfazione iniziare la giornata con queste golose bontà ^_^ e tutto a lievitazione naturale ^_*

    • Proprio vero cara Consu.
      Quest’inverno faceva un po’ fatica ma adesso che è caldo tutto lievita che è un piacere.
      Adesso ho il tuo panbrioche al miele nel forno, per esempio!

I commenti sono chiusi.