Le cassatelle di Agira – la ricetta originale

Le cassatelle di Agira non hanno bisogno di presentazioni ma, per chi ancora non le conoscesse gli basti sapere che sono inserite nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali e apprezzate anche oltreoceano.

Le cassatelle di Agira sono dolci da forno dalle origini antichissime che le massaie di Agira, piccolo centro dell’ennese, erano solite preparare per le festività; oggi si trovano in vendita in qualsiasi periodo dell’anno.

Le cassatelle di Agira seguono un particolare procedimento di preparazione, che conferisce loro un sapore, un odore e un aspetto inconfondibile. Si presentano come delle mezzelune di pasta frolla friabile e delicata (“pasta tennira” – pasta tenera) al cui interno vi è un prelibato e gustoso ripieno ottenuto da mandorle tritate, cacao, farina di ceci, zucchero e cannella.

Il procedimento è un po’ lungo, ma vi assicuro che vale la pena prepararle per assaporarle almeno una volta!

Quella che vado a presentarvi è la ricetta originale agirina donatami da un’anziana zia, con dosi abbondanti visto che la loro preparazione veniva fatta soprattutto nelle festività natalizie e pasquali e si soleva deliziare parenti ed amici.

le cassatelle di AgiraLE CASSATELLE DI AGIRA – ricetta originale

INGREDIENTI (per circa 100 cassatelle):

Per la sfoglia

  • 2,5 kg di farina 00
  • 800 g di zucchero semolato
  • 1 kg di strutto
  • 4 uova
  • 1 bicchiere circa d’acqua tiepida

Per il ripieno

  • 1,250 kg di mandorle pelate
  • 1 kg di zucchero semolato
  • 1,5 lt d’acqua
  • 225 g di cacao dolce
  • 75 g di cacao amaro
  • buccia grattugiata di 4 limoni biologici
  • 170 g circa di farina di ceci tostata
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere

Per rifinire

  • zucchero extrafine q.b.
  • zucchero a velo q.b
  • cannella q.b.

PREPARAZIONE delle Cassatelle di Agira:

Tostate le mandorle e, appena fredde, passatele finemente con il mixer.
Trasferite la farina di mandorle in una pentola con una capienza di 6 litri (meglio se antiaderente) dove aggiungerete lo zucchero, il cacao, la cannella, la buccia del limone e l’acqua. Portate ad ebollizione mescolando in continuazione, poi, unite la farina di ceci, a poco a poco per evitare la formazione dei grumi: il composto sarà pronto quando il cucchiaio di legno utilizzato per mescolare, mettendolo al centro, resterà fermo all’impiedi.
Trasferite il composto in una terrina, fate raffreddare e coprite con un canovaccio.collage ripieno cassatelle

Nel frattempo preparate la sfoglia: fate la fontana con la farina e lo zucchero miscelati, aggiungete lo strutto e amalgamate bene; poi, unite le uova, l’acqua tiepida (poco alla volta) ed impastate il tutto fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Stirate la sfoglia in maniera non troppo sottile (circa 5 mm) da cui ricaverete dei dischetti di pasta del diametro di 12 cm. Su ogni disco di pasta disporre una quantità adeguata di ripieno e chiudere i lembi facendoli combaciare; premete leggermente (non occorre bagnare) e, poi, sigillate con una rotella frastagliata rifilando circa 1/2 cemtimetro di pasta.collage frolla cassatelleI ritagli potete reimpastarli per ottenere altri dischi di sfoglia, ma fate attenzione a non fare asciugare troppo la pasta.

Infornate in forno preriscaldato a 200°C per 10′ circa, dipende dal forno (controllate la parte inferiore che deve risultare leggermente dorata, mentre quella superiore deve rimanere chiara).

Fate intiepidire le cassatelle di Agira, poi passarle nello zucchero extrafine miscelato con lo zucchero a velo e con cannella a piacere.

 NOTA: le cassatelle di Agira si conservano benissimo, in luogo fresco ed asciutto, per parecchi giorni.

CONSIGLIO: se rimane dell’impasto di frolla potete utilizzarlo per dei biscottini.

Se volete seguirmi per restare sempre aggiornati trovate qui la mia pagina Facebook, Twitter e Google+.

4 Risposte a “Le cassatelle di Agira – la ricetta originale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.