Crea sito

Crocchette di riso ricetta perfetta calabrese di mamma Carmela

Crocchette di riso ricetta perfetta calabrese di mamma Carmela. L’ho convinta a svelarci tutti i suoi segreti per delle crocchette di riso fritte davvero impeccabili. Dovete sapere che in famiglia è famosa per le sue inimitabili e gustose crocchette, tutti le chiedono la ricetta e per questo ho deciso di farle realizzare anche la video ricetta per facilitare il tutto. Le crocchette di riso ricetta calabrese sono diverse dalle solite polpette di riso o arancine: non serve passarle nel pangrattato o immergerle nella pastella, ma vanno fritte direttamente senza panatura. Hanno una crosticina dorata e croccante, un cuore morbido e compatto e un sapore che conquista. Le crocchette di riso ricetta calabrese sono un ottimo e sostanzioso secondo piatto o un antipasto ricco e sfizioso, il costo della ricetta è basso e richiede pochi e semplici ingredienti. Vediamo insieme a mamma Carmela come procedere 😉

Crocchette di riso ricetta perfetta calabrese di mamma Carmela il mio saper fare

Crocchette di riso ricetta perfetta calabrese di mamma Carmela

Ingredienti per circa 30 crocchette di riso fritte

  • 600 g di riso Ribe
  • 6 uova medie
  • un ciuffo di prezzemolo
  • 3 cucchiai colmi di parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaio raso di sale fino
  • sale per la cottura del riso q.b.
  • pepe q.b.
  • olio per frittura
  • olio evo q.b.

Procedimento:

Crocchette di riso ricetta perfetta calabrese di mamma Carmela il mio saper fare

  1. Lessare il riso in abbondante acqua salata, schiumarlo se necessita e far cuocere seguendo le indicazioni riportare sulla confezione. Il riso a fine cottura deve risultare cotto ma non stracotto
  2. A fine cottura, spegnere il fuoco e versare qualche bicchiere di acqua fredda nella pentola e mescolare delicatamente. Scolare il riso e far raffreddare benissimo nello scolapasta
  3. Quando il riso lesso sarà freddo, trasferirlo in una ciotola capiente e condire con prezzemolo tritato finemente, sale, formaggio grattugiato e pepe.
  4. Aggiungere le uova al riso, avendo cura di aprirle prima in una ciotolina per constatare che siano buone
  5. Con una forchetta iniziare ad amalgamare il tutto
  6. Quando le uova risulteranno ben incorporate al riso continuare ad mescolare con le mani senza mai “impastare” per non far spezzettare il riso, ma solo mescolare delicatamente per circa 10 minuti
  7. Man mano si noterà che il riso si compatta da solo sino a formare un composto ben amalgamato, sodo e leggermente appiccicoso
  8. Ungere abbondantemente le mani con olio evo, staccare un pezzetto di impasto, compattarlo e formare le crocchette di riso dando la forma leggermente allungata.
  9. Posizionare le crocchette preparate su di un vassoio rivestito con carta forno
  10. Portare a giusta temperatura abbondante olio per frittura (quando l’olio sarà caldo calare un pezzettino di impasto delle crocchette e se torna a galla e frigge l’olio è pronto)
  11. Cuocere le crocchette di riso senza mai girarle sino a quando non si noterà che stanno acquisendo un colore leggermente dorato
  12. Con una forchetta girarle delicatamente e continuare la cottura sino a doratura perfetta. Le crocchette devono cuocere lentamente per ottenere una cottura perfetta anche al centro
  13. Scolare le crocchette con una schiumarola e adagiarle su carta cucina
  14. Gustare le crocchette di riso ricetta perfetta calde e fumanti. Ottime anche fredde ma volendo si possono riscaldare in forno già caldo per qualche minuto.  Per la VIDEO RICETTA cliccare QUI

Riassumiamo i SEGRETI di mamma Carmela per delle crocchette perfette:

  • schiumare il riso durante la cottura
  • bloccare la cottura del riso aggiungendo acqua fredda a fine cottura, mescolare e poi scolare
  • realizzare l’impasto delle polpette solo quando il riso sarà freddo
  • l’impasto delle crocchette va solo mescolato e mai impasto
  • mescolare per più di 10 minuti per far compattare il riso da solo senza impastare
  • formare le crocchette con le mani unte abbondantemente di olio evo
  • l’olio per friggere deve raggiungere la giusta temperatura che va verificata
  • non girare le crocchette che stanno cuocendo se prima non sono leggermente dorate

Altre CROCCHETTE QUI

Per tornare alla HOME 

Per non perdere le nuove ricette seguimi anche su Facebook  QUI  e clicca MI PIACE . Grazie mille 😉

6 Risposte a “Crocchette di riso ricetta perfetta calabrese di mamma Carmela”

  1. innanzitutto ci vuole il pecorino,si passano nel pane grattugiato poi si frigge nell’olio evo, se si vuole la ricetta tipica calabrese. inoltre si possono riempire di provola locale, scamorza, o nduja

    1. La ricetta tradizionale calabrese prevede l’uso del pecorino; inoltre va specificato che del prezzemolo si usano solo le foglie; per una calabrese, ben educata alla cucina da madre e nonne, è scontato che all’aglio si tolga il germoglio (all’agghju si caccia l’anima), si sfogli il prezzemolo, si tolgano i semi ai pomodori, etc.; è (o forse era) l’abc della cucina per le fanciulle calabresi): inoltre nella ricetta tradizionale è prevista la variante con un pezzetto di provola al centro (e in tal caso si realizzano tonde, ma a me non piacciono). Le varianti con la scamorza o, peggio ancora, con la ‘nduja non sono previste; peraltro, una volta la ‘nduja (quella vera, fatta con i rimasugli (resamugghj) della caldaia o con le cotenne (frisulimiti), peperone corno medio rosso, seccato e pestato (senza semi) e peperoncino) si mangiava su fette sottili di pane caldo e, al più, se ne aggiungeva una cucchiaiata alla pasta e ricotta (non a quella pasta uova e ricotta) per darle un po’ di verve in più rispetto a quella con l’aggiunta del pecorino (mai in Calabria il parmigiano; lasciamo il parmigiano alle ricette emiliane, ad esempio a quelle ferraresi ). Le crocché si passano in un velo di pangrattato finissimo (impalpabile; una volta si pestava nel mortaio il pane secco e poi si lavorava con una bottiglia; oggi si pesta con il batticarne, si passa al mixer e poi al macina caffé); poi, si friggono.

      1. Ciao cara Marilena, per un momento mi hai riportato nella casa della mia nonna <3 Hai ragione su tutto ... ma le ricetta vanno adeguate a quello che oggi siamo abituate a trovare molto più facilmente in cucina. Il pecorino rimane poco apprezzato. Grazie mille ancora, è stato un piacere leggerti. Un caro saluto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.