Crea sito

Focaccine morbide con lievito madre

Ciao! Le “FOCACCINE MORBIDE CON LIEVITO MADRE” è una ricetta che mi è stata suggerita da mia mamma, grandissima cuoca, e così le ho volute subite provare! Devo dire che sono rimasta super soddisfatta, perché sono facili da preparare e buonissime da mangiare! Perfette per essere farcite come volete, le focaccine morbidi sono l’ideale anche per un aperitivo o un buffet! Se non avete il lievito madre, non c’è problema, perché potete tranquillamente sostituirlo con il lievito di birra! Vi ricordo infatti che la proporzione è che 300 g di lievito madre (già rinfrescato) corrispondono a 25 g di lievito di birra (1 cubetto). Comunque per conoscere il mondo del LIEVITO MADRE, vi invito a leggere il mio articolo cliccando qui. Ed allora, cosa aspettate!? Provate anche voi le focaccine morbide e fatemi sapere! 😉
Vi aspetto anche sui social!!!
A presto!
Anna

Focaccia morbide
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzionicirca 15 focaccine
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 250 gfarina 00
  • 250 gfarina di semola
  • 250 glatte tipiedo
  • 50 golio di oliva
  • 8 gsale
  • 50 glievito madre (+ 50 g di acqua + 50 g di farina (da preparare 2 ore prima) oppure 10 g di lievito di birra)

Preparazione

  1. Lievito madre

    Due ore prima dell’inizio della preparazione delle focaccine morbidi, unire in una terrina 50 g di lievito madre con 50 g di acqua e 50 g di farina.

  2. Ingredienti

    Trascorse le due ore di tempo, preparare tutti gli ingredienti necessari per la ricetta.

  3. Preparazione impasto

    Aggiungere al lievito madre il latte tiepido e, poco alla volta anche le farine.

  4. Preparazione impasto

    Aggiungere all’impasto anche l’olio ed infine il sale. Trasferire il composto su una spianatoia e lavorare bene l’impasto fino a renderlo liscio ed omogeneo.

  5. Lievitazione impasto

    Con un coltello, incidere una croce sull’impasto preparato e riporlo in una terrina. Lasciar lievitare il tutto finché l’impasto non sarà raddoppiato (all’incirca 2-3 ore).

  6. Formare le focaccine

    Poi riprendere l’impasto, stenderlo con un matterello e con l’aiuto di un coppapasta o di una tazza, creare dei dischi d’impasto.

    Lasciar lievitare le focaccine per circa 1 ora.

  7. Cottura delle focaccine

    Imprimere con le dita dei buchi sulla superficie delle focaccine e salarle leggermente.

    Cuocere le focaccine morbidi nel forno preriscaldato statico a 200°C per circa 15 minuti.

    Appena sfornate, spennellare la superficie delle focaccine con dell’acqua e ricoprirle con un canovaccio. Questa operazione servirà a mantenere morbide le focaccine.

I miei consigli

Potete aromatizzare le focaccine, aggiungendo le spezie e gli aromi che preferite, come del rosmarino, origano, curcuma, ecc.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se ti interessa leggere tutto sul LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Se sei interessato ad altre ricette di PANE E LIEVITATI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA- e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.