Crea sito

Focaccia di patate con le cipolle

Ciao! La “FOCACCIA DI PATATE CON LE CIPOLLE” è una ricetta gustosissima, perfetta per un buffet, un aperitivo o per tutte le volte che abbiamo voglia di una focaccia buona e morbidissima.
L’impasto di questa focaccia è a base di patate ed è stato realizzato con il lievito fatto in casa. Potete comunque preparare questo piatto sostituendo il lievito madre con quello di birra, nelle dosi riportate negli ingredienti. Ovviamente cambieranno i tempi di lievitazione, che comunque troverete scritti nel procedimento.
Qui di seguito troverete tutti gli ingredienti e tutti i passaggi per realizzare la focaccia di patate con le cipolle!
Seguitemi anche su Instagram, Facebook e Pinterest!
Alla prossima ricetta!
Anna


  • DifficoltàAlta
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo16 Ore
  • Tempo di cottura45 Minuti
  • Porzioni1 teglia da forno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gpatate lesse
  • 300 glievito madre (oppure 25 g di lievito di birra)
  • 400 gfarina Manitoba
  • 200 mllatte tiepido
  • 1 cucchiaiomiele
  • 50 gburro
  • 2cipolle di Tropea
  • 1 cucchiainosale
  • q.b.origano

Preparazione

  1. Prima di tutto pelare le patate, tagliarle a tocchetti grossi e cuocerli in acqua bollente salata per circa 12 minuti.
    Scolare le patate e schiacciarle con una forchetta o con lo schiacciapatate.

  2. Sciogliere il lievito madre (o il lievito di birra) con il latte tiepido e il miele.

    Mescolare le patate lesse con la farina.

    Unire la farina e le patate con il lievito sciolto e solo alla fine aggiungere il sale.

  3. Impastare bene il composto su una spianatoia fini ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
    Lasciar riposare l’impasto per 45 minuti (20 minuti se si utilizza il lievito di birra).

  4. Trascorso tale tempo, impastare aggiungendo il burro fuso. Lasciar lievitare per altre 3 ore (1-2 ore se si utilizza il lievito di birra).

  5. (Questa procedura è da fare solo per chi avesse utilizzato il lievito madre.)

    Riprendere l’impasto e procedere con le pieghe di rinforzo, come riportato nelle foto.

  6. Lievitare nuovamente l’impasto per altre 12 ore (se invece avete utilizzato il lievito di birra non è necessaria una seconda lievitazione).

  7. Stendere l’impasto su una teglia oleata e lasciarlo riposare per almeno mezz’ora.
    Pennellate la superficie con un po’ d’olio emulsionato con un po’ d’acqua e fare uno strato di cipolla tagliata ad anelli sottilissimi.

    Salare, aggiungere origano e mettere in forno a 200°C per 30 minuti nella parte mezzana del forno e poi altri 10-15 minuti nella parte bassa del forno.

    Controllare la cottura alzando un angolo della focaccia. Qualora dovesse servire più tempo è la superficie risultasse già cotta, completare la cottura coprendo la focaccia con un foglio di carta d’alluminio.

I miei consigli e i miei link

Potete aggiungere sulla focaccia oltre le cipolle anche delle olive o tutto ciò che vi piace di più.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se ti interessa leggere tutto sul LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Se sei interessato ad altre ricette di PANE E LIEVITATI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA- e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.