Calza pan brioche della Befana

Ciao!!! Tra qualche giorno è l’Epifania e allora cosa ne dite di preparare la “CALZA PAN BRIOCHE DELLA BEFANA”?!?! Si tratta di realizzare un impasto lievitato arricchito con frutta secca e canditi, perfetto da servire magari con qualche ciuffetto di panna il giorno del 6 gennaio! Io ho preparato l’impasto con il mio immancabile lievito madre, ma per chi non l’avesse, può tranquillamente preparare questo dolce utilizzando il lievito di birra!
Qui di seguito trovate tutti gli ingredienti e tutto il procedimento per realizzare la calza pan brioche della Befana!
Seguitemi anche su Instagram, Facebook e Pinterest!
Alla prossima ricetta!!
Anna

  • DifficoltàAlta
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo15 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora 20 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 280 glievito madre (oppure 1 cubetto di lievito di birra)
  • 200 gfarina 00
  • 350 gfarina Manitoba
  • 2 cucchiaimiele
  • 200 mllatte
  • 80 gburro
  • 2uova
  • 1 cucchiainosale
  • 150 gzucchero
  • q.b.nocciole intere spellate
  • q.b.mandorle pelate
  • q.b.canditi
  • q.b.smarties (Per la decorazione)
  • q.b.zuccherini vari (Per la decorazione )

Preparazione

  1. In un pentolino far sciogliere lo zucchero con il latte. In una ciotola unire il lievito madre (o il lievito di birra) con il miele e con il latte e lo zucchero intiepidito.

  2. Aggiungere poi una parte di farina, le uova e il burro a temperatura ambiente. Unire la restante farina ed infine il sale.

  3. Continuare ad impastare bene il tutto a mano su una spianatoia finì ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.

  4. Lasciar lievitare l’impasto in una ciotola per 3 ore. Se si è utilizzato il lievito di birra sarà sufficiente 1 ora.

  5. Trascorso tale tempo, stendere l’impasto con l’aiuto di un matterello e farcirlo con le nocciole, le mandorle, l’uvetta e i canditi. Arrotolare poi l’impasto.

  6. Disporre il rotolo di impasto a forma di “L” su una teglia rivestita con carta da forno. Ripiegare la parte superiore del l’impasto per formare il bordo della calza.

    Lasciar lievitare la calza pan brioche della befana per 12 ore (con il lievito di birra saranno sufficienti altre 2-3 ore).

    Trascorso tale tempo, spennellare la superficie della calza con un uovo e decorare a piacere con gli zuccherini e gli smarties colorati.

  7. Cuocere la calza pan brioche della befana in forno statico preriscaldato a 200 °C per 20 minuti. Poi abbassare il forno a 180°C, coprire la calza con un foglio di carta d’alluminio e continuare la cottura per altri 55 minuti. Prima di sfornare, fare sempre la prova stecchino per verificare la cottura del dolce.

  8. Servire la calza pan brioche della Befana con qualche ciuffetto di panna montata.

I miei consigli e i miei link

Potete farcire l’impasto lievitato con ciò che vi piace di più come ad esempio le gocce di cioccolato.

Se utilizzate il lievito di birra al posto del lievito madre, i tempi di lievitazione saranno ridotti e basteranno circa 3-4 ore in tutto.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se ti interessa leggere tutto sul LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Oppure se vuoi scoprire altre ricette di DOLCI, clicca QUI.

Infine sei interessato a ricette di DOLCI DI NATALE, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA –  e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le mie ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.