Rotolo di tacchino ai carciofi

Il rotolo di tacchino ai carciofi è un secondo piatto molto gustoso e anche facile da preparare e con pochi ingredienti.
Il sapore delicato del tacchino si sposa perfettamente con il gusto deciso dei carciofi.
Siccome la carne di tacchino è molto magra, ho voluto aggiungere una nota come dire più “grassa” e saporita con la pancetta a fetta che dona morbidezza e gusto al rotolo di tacchino ai carciofi.

Seguimi in cucina!

rotolo tacchino carciofi
  • DifficoltàMedio
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni6/8 persone persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgPetto di tacchino (aperto a libro)
  • 5carciofi (450 g surgelati)
  • 25 gparmigiano Reggiano DOP (grattugiato o grana padano)
  • q.b.Sale
  • q.b.pepe misto in grani
  • q.b.Succo di limone (2 limone)
  • 150 gpancetta (tesa) (a fette sottili)
  • 1 bicchiereVino bianco (250 ml)
  • q.b.Farina (per infarinare il rotolo)
  • 60 gcipolla
  • 2 spicchiaglio
  • 6 baccheGinepro
  • 3 foglieAlloro
  • 6 cucchiaiolio extravergine d’oliva
  • 1 ramettorosmarino
  • 300 mlacqua (o brodo vegetale)
  • 1uovo

Preparazione

  1. rotolo tacchino

    Vediamo come si prepara il rotolo di tacchino ripieno ai carciofi.

    Se usi i carciofi freschi con un coltello affilato taglia la punta, il gambo e elimina le foglie esterne più dure, taglialo a fettine o spicchi e mettili in acqua fredda con il succo di un limone per evitare che anneriscano.

    In una padella metti a scaldare l’olio extravergine di oliva con 20 g. di cipolla a dadini e uno spicchio di aglio.

    Aggiungi i carciofi freschi o surgelati e regola di sale. Fai cuocere i carciofi per 15 minuti finché non saranno morbidi e ben ritirati.

    Togli dal fuoco lascia raffreddare e poi aggiungi il parmigiano grattugiato, l’uovo, un pizzico di pepe misto macinato al momento e frulla i carciofi per ottenere una crema densa.

    Al momento dell’acquisto del petto di tacchino chiedi al tuo macellaio di fiducia se te lo apre a libro.

    Assicurati anche di farlo battere con uno batticarne per appiattire lo spessore della carne.

    Poni il petto di tacchino aperto su un tagliere e bagnalo con il succo di un limone, aggiungi il sale e il pepe misto macinato al momento.

    Adagia le fette di pancetta sottili una affianco all’altra facendole sovrapporre leggermente fino a ricoprire tutta la superficie del petto di tacchino.

    Distribuisci la crema di carciofi sopra la pancetta cercando di lasciare un pò di bordo.

    Arrotola il petto di tacchino dal lato più corto, lentamente cercando di non far fuoriuscire il ripieno.

    Con uno spago da cucina lega accuratamente il rotolo di tacchino, fermando bene le estremità del rotolo.

    Infarina il rotolo di tacchino ai carciofi.

    In un tegame metti l’olio extravergine di oliva e fai rosolare il rotolo di tacchino ai carciofi da tutti i lati avendo cura di girarlo con una paletta e non con una forchetta.

    E’ importante non bucare la carne e far così fuoriuscire i liquidi che renderebbe la carne dura e stopposa.

    Appena il rotolo di tacchino ai carciofi è ben rosolato aggiungi la cipolla, l’aglio, le foglie di alloro spezzettate, le bacche di ginepro e il rametto di rosmarino.

    Fai stufare le verdure per qualche minuto a fiamma bassa.

    Sfuma con il vino bianco alzando la fiamma.

    Regola di sale e pepe, aggiungi l’ acqua calda o il brodo vegetale e copri con un coperchio.

    Lascia cuocere il rotolo di tacchino ai carciofi a fiamma bassa per 50/60 minuti.

    Di tanto in tanto ricordati di girare il rotolo e se necessario aggiungere ancora dell’acqua calda o se preferisci del brodo vegetale.

    Per controllare la cottura dopo 45 minuti con uno spiedo o con i rebbi della forchetta buca la carne, se fuoriesce un liquido chiaro vuol dire che la carne è cotta se invece il liquido è rossastro o rosa necessita ancora di altra cottura.

    Tira fuori il rotolo di tacchino ai carciofi e sistemalo sulla teglia foderata con la carta forno.

    Questo passaggio non è obbligatorio ai fini della riuscita della ricetta, io ho scelto di passare il rotolo per circa 15 minuti al forno a 180 gradi per dargli sia colore ma anche una superficie ben rosolata che ricorda l’arrosto.

    Ma se vuoi puoi cuocerlo solo in pentola.

    Elimina le foglie di alloro, il rosmarino e le bacche di ginepro dal fondo di cottura e frullalo così da ottenere una salsa densa con cui condire le fette di carne.

    Sforna il rotolo di tacchino ai carciofi , lascialo riposare qualche minuto e con un coltello affilato taglialo a fette spesse 1 cm circa.

    Disponi le fette di rotolo di tacchino ai carciofi su un piatto da portata e cospargile di salsa bollente.

    Il rotolo di tacchino si conserva in frigorifero per 3 giorni, ben chiuso in un contenitore, scaldarlo al momento del bisogno tagliato a fette e irrorato con la salsa.

    Grazie per aver preparato con me il rotolo di tacchino ai carciofi!

    Leggi anche Arista di maiale al mirto

    Leggi anche Coscio disossato di agnello con erbe aromatiche e lardo

    leggi anche Stinco di maiale alle erbe aromatiche

    leggi anche Rotolo di tacchino con salsiccia funghi e castagne

    Leggi anche Arista al vino bianco e erbe aromatiche

    Leggi anche Spezzatino di agnello con olive e peperoni

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.