Torta Fedora ricetta tradizionale fiorentina

Ci sono quei dolci e quelle torte che hanno il sapore d’altri tempi, come la torta Fedora ricetta fiorentina inventata negli anni ’30 da un pasticcere che le diede il nome della moglie, Fedora, appunto.

Una torta quindi, la Fedora, dalle origini romantiche, proprio come la torta Pavlova, ideata per la ballerina Pavlova, appunto.

Della Torta Fedora ne esistono svariate versioni: chi mette il Maraschino, chi l’Alchermes, io personalmente adoro quest’ultimo, ha proprio il sapore di altri tempi!

CONSIGLI: preparate il pan di Spagna la sera prima del giorno in cui volete fare la torta, vi troverete così avvantaggiate.

Simona, Lapasticceramatta

 

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    90 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    8-10
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 1 rotolo Pasta Sfoglia (rotonda)
  • 4 Uova
  • 120 g Zucchero
  • 90 g Farina 00
  • 30ì g Amido di mais (maizena)
  • la buccia grattata di 1/2 limone biologico
  • 1 pizzico Sale
  • 250-300 ml Panna fresca liquida
  • 100 g Cioccolato fondente al 70%
  • q.b. Zucchero a velo (per spolverare)

Per la bagna

  • 80 g Acqua
  • 50 g Zucchero
  • 60 g Alchermes

Per il cioccolato plastico

  • 150 g Cioccolato fondente al 70%
  • 80 g Miele (o glucosio)
  • 100 g Zucchero a velo

Preparazione

  1. Torta Fedora ricetta tradizionale fiorentina

    1) Facciamo per prima cosa il pan di Spagna: sbattere per circa 7-8 minuti le uova, che devono essere a temperatura ambiente, con la buccia del limone e lo zucchero, quando il composto sarà chiaro e spumoso e sollevando le fruste l’impasto”scriverà”, unire la farina con l’amido e il sale setacciati in 2 volte e mescolare con una paletta per dolci, con movimenti dal basso verso l’alto in  modo da non smontare il composto. Versare in uno stampo imburrato ed infarinato da circa 28 cm di diametro ed infornare a 175° per circa 30 minuti. Una volta che il pan di Spagna sarà pronto capovolgere la tortiera su un foglio di carta forno e far raffreddare bene prima di tagliarlo.

    2) Cuocere la pasta sfoglia così: metterla su una teglia con carta da forno, bucherellare bene tutta la superficie ed infornare a 180° per circa 20 minuti, dopo 10 minuti circa toglierla dal forno, capovolgerla con delicatezza e spolverizzare con lo zucchero a velo, rimettere in forno per altri 10 minuti circa, stando attenti perchè lo zucchero tende a bruciare facilmente.

    3) Preparare la bagna: mettere in un pentolino l’acqua e lo zucchero, appena quest’ultimo si è sciolto spegnere il fornello e unire l’Alchermes.

    4) Asemblare la torta: ritagliare il disco di sfoglia della grandezza del pan di Spagna, fondere i 100 g di fondente e spennelarlo su di esso poi farlo asciugare.

    5) Tagliare in 2 parti il pan di Spagna (una vi avanzerà), mettere un disco sulla pasta sfoglia e imbiberlo con la bagna, che vi servirà tutta, deve essere ben bagnato.

    6) Montare la panna e coprire in pan di Spagna, io l’ho messa un po’ a cupola per dare alla torta Fedora una forma tondeggiante; riporre in frigo per almeno 1 ora.

    7) Nel frattempo preparare il cioccolato plastico: fondere il fondente in un pentolino, unire poi il miele, mescolare e far appena intiepidire. Rovesciarlo su un piano cosparso di parte dei 100 g di zucchero a velo, iniziare a lavorarlo con esso e ad incorporarlo, una volta che il cioccolato si è freddato ed è diventato malleabile passarlo alla nonna papera creando delle strisce fini di cioccolato.

    8) Riprendere la torta dal frigo e rivestirla con le sfoglie di cioccolato a piacere, rimettere in frigo e al momento di servire la nostra torta Fedore spolverare di zucchero a velo.

(Visited 3.999 times, 6 visits today)
Precedente Befanini biscotti toscani per l'Epifania Successivo Insalata di finocchio arance e noci