Crea sito

Sapa marchigiana


Ultimamente sto scoprendo vecchie tradizioni marchigiane,realizzazioni che ormai non si fanno piu’ in casa mentre prima quando a badare alla casa e alla famiglia c’era la vergara che in questo periodo della vendemmia aveva tanto da fare!Tra mosto,vino,vigna,orto,cantina,ciambelle di mosto e anche la sapa…chi la conosce?si faceva in casa in un paiolo grande sul fuoco e si faceva cuocere lentamente l’uva quella piu’ matura…fino a che si ritira e diventa una golosa salsa che se ben conservata si poteva gustare in tanti modi,sul pane,con i formaggi stagionati,con la ciambella di mosto,sulla polenta…e come ogni altra ricetta della vergara marchigiana e` semplicissima da fare e cosi` potremo conservare un po’ del profumo dell’autunno in dispensa!

Ingredienti per circa 1/2 chilo di sapa:
1 kg di uva ben matura
100 gr miele millefiori
1 bicchiere di acqua

Lavate e sgranate l’uva,sistematela in un’ampia pentola con fondo spesso insieme al 1/2 bicchiere d’acqua e mettetela sul fuoco a fuoco basso e portate a bollore,fate cuocere cosi` finche` l’uva e` ben cotta e sfatta.
Ora prendete un passaverdure e passateci tutto il composto di uva cotta,cosicche` elimineremo tutte le bucce e i semini.
Rimettete il composto passato sulla pentola a fondo spesso e uniteci il miele.
Mescolate e continuate a far cuocere a fuoco basso per altre due ore,se si forma la schiuma eliminatela con la schiumarola.
Passate le due ore coprite con un coperchio e spegnete il fuoco.
Ora deve riposare fino al giorno dopo.
Il giorno dopo mescolate la salsa e aggiungete il 1/2 bicchiere d’acqua avanzato e rimettete sul fuoco sempre basso,fate attenzione che non bruci e finite la cottura per all’incirca 1 ora ma vedete se la sapa ha la consistenza tipo marmellata e il colore e` scuro e` pronta.
Travasatela in vasi puliti e sterilizzati,chiudete con il tappo e metteteli a testa in giu` fino al raffreddamento per fare il sottovuoto.
Conservate in dispensa,lo potete regalare a natale oppure usare oltre che per i formaggi o la polenta anche come salsa per accompagnare i dolci di natale e carnevale come le castagnole al mistra` oppure spalmata sopra fette di ciambella di mosto…e Buon appetito!!!

Continuate a seguirmi sul blog e sui social,chissa` cosa cucineremo domani!❤❤❤

Pubblicato da ilmiopiccolobistrot

Ciao sono Manuela ho 35 anni,vivo a Tolentino(mc)con un compagno che adoro e 2 figli pestiferi di 9 anni e 21 mesi,vi lascio immaginare gestire i tre maschi di casa...che stress! Allora vado in cucina accendo i fornelli,mescolo,trito e combino sapori e profumi.....e come per magia ritrovo me stessa e il sorriso!

18 Risposte a “Sapa marchigiana”

  1. Ciao Manuela, non conoscevo la Sapa marchigiana, però quando ero piccolo ho visto fare una cosa simile, dove usavano lo zucchero semolato al posto del miele. Probabilmente la cottura avveniva in un solo step sempre abbastanza lungo.
    Ricordo alla fine che questa sorta di marmellata era scura, e con il tempo tendeva ad indurire.
    Probabilmente l’uso del miele tende a mantenere più morbido il composto.
    A presto…ciaoo!

  2. non conoscevo questo nome, Sapa, ma è un pò come una marmellata di uva. Dalla ricetta sembra molto molto buona, ottima in effetti non solo sul pane tostato al mattino, ma anche con i formaggi! Grazie per la ricetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.