Cotechino fresco con lenticchie, come prepararlo senza fatica.

Il cotechino fresco con lenticchie è un piatto della tradizione italiana che non può assolutamente mancare nel menù del cenone di fine anno perchè, tradizione vuole che, se le lenticchie saranno mangiate a capodanno, porteranno tanti soldi quante lenticchie abbiamo mangiato!

 

Cotechino fresco con lenticchie

Il cotechino fresco è, senza dubbio, molto più saporito, con una carne soda e una massima resa rispetto a quello venduto precotto, solo che i tempi di cottura si allungano notevolmente, ma ne varrà davvero la pena.

Cotechino fresco con lenticchie


Ingredienti per 4 persone

  • un cotechino fresco da 400-500 g (in alternativa zampone o cotechino precotto)
  • 250 g di lenticchie giganti
  • una cipolla
  • un pomodoro ramato
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • un rametto di rosmarino (va bene anche quello secco)
  • olio extravergine di oliva
  • sale, pepe
  • acqua

Cotechino fresco con lenticchie

 

  • Per preparare il cotechino fresco con lenticchie, incominciare con il preparare il cotechino, bucando il budello con un coltello, in vari punti, per far si che, in cottura, fuori escano i grassi in eccesso e che il budello non si rompa.
  • Impacchettare il cotechino con la carta stagnola, come se fosse una caramella.
  • Utilizzando una pentola abbastanza larga da contenere il cotechino in orizzontale, immergerlo completamente in acqua fredda e far cuocere, a fiamma medio-bassa, con il coperchio, dal momento che l’acqua bolle per almeno 2 ore. Io per comodità uso la pentola che serve per cuocere il pesce, quella ovale con il coperchio.
  • Oppure, usando cotechino o zampone precotto, prepararlo in base alle istruzioni riportate sulla confezione.
  • Nel frattempo prepariamo le lenticchie.
  • Mettere in ammollo le lenticchie per 12 ore. Il tempo di ammollo inciderà sui tempi di cottura quindi, più le lenticchie staranno in ammollo meno tempo impiegheranno a cuocersi. Per questa ricetta, dopo aver accuratamente lavato le lenticchie sotto l’acqua corrente, eliminando tutte le impurità, le ho lasciate in ammollo per 2 ore in acqua calda.
  • Tagliare a fettine la cipolla e il pomodoro a cubetti.
  • In una pentola mettere l’olio, la cipolla, l’aglio spellato tagliato a metà (privato dell’anima interna se presente), il pomodoro, un pizzico di sale, una spolverata di pepe, il rosmarino tritato e il concentrato di pomodoro quindi lasciare rosolare qualche minuto.
  • Aggiungere le lenticchie scolate, farle saltare poi ricoprirle con l’acqua e lasciarle cuocere, con il coperchio, per circa un’ora (ma la cottura dipende sempre da quanto sono state in ammollo, come specificato più sopra e anche dal tipo di lenticchie: piccole, giganti, ecc).
  • Spegnere il fuoco e mettere da parte.
  • Quando il cotechino sarà cotto, scolarlo dall’acqua di cottura, e lasciarlo intiepidire quindi togliere la stagnola e tagliarlo a fette non troppo sottili.
  • Mettere le fette di cotechino nella pentola con le lenticchie e farle cuocere insieme per una mezz’ora, tanto per far insaporire le lenticchie.

Servire in tavola il cotechino fresco con lenticchie, disposto su un piatto da portata e accompagnarlo con un cremoso purè e crostini di pane abbrustolito. Oppure potreste accompagnarlo con un contorno di Cavolo Verza stufato con pancetta o delle Cipolle borretane alla birra oppure con una fresca Insalata di finocchi e arance.

 

Enjoy! e Buon Natale a tutti!!

…a presto..

tatam


Vuoi ricevere le ultime novità del mio blog?
Iscriviti alla newsletter qui


Argomenti correlati:

 Copyright © tatam

Cotechino fresco con lenticchie


 

(Visited 16.704 times, 41 visits today)
Precedente Tramezzini arrotolati al salmone affumicato Successivo Insalata di mare con patate

2 commenti su “Cotechino fresco con lenticchie, come prepararlo senza fatica.

  1. Ok, io lo faccio raramente e mi servono indicazioni per la cottura, avrei una domanda, a cosa serve la stagnola?

  2. idolciditatam il said:

    La stagnola serve per non far rompere il cotechino durante la cottura quindi mantenerlo in forma e poi per non far disperdere troppo i succhi della carne per evitare che si asciughi e secchi troppo 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.