Crea sito

Caponata siciliana

La Caponata siciliana è una ricetta tipica della mia terra, ricca di profumi intensi e di colori, come la Sicilia sa essere. Era un piatto della tradizione povera contadina, che riusciva ad ottenere cibi squisiti con quel poco che la terra regalava. Melanzane, olive, cipolle, sedano, capperi e pomodori, preventivamente passati in padella e poi insaporiti ulteriormente da un meraviglioso sughetto agrodolce, ricorrente nella cucina isolana. La caponatina si può servire sia come contorno, che come antipasto, accompagnata, magari,  da fette di pane casereccio tostato. In estate la preparo spesso con le verdure del mio orto e i miei commensali gradiscono moltissimo questa pietanza.  In primavera, invece, porto in tavola la CAPONATA DI CARCIOFI, la cui ricetta potete trovare QUI, altra delizia di cui in famiglia ne andiamo matti. Ma seguitemi in cucina, oggi si preparala Caponata siciliana.

caponatina siciliana
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:15 minuti
  • Cottura:40 minuti
  • Porzioni:6
  • Costo:Molto Basso

Ingredienti

  • Melanzane 1 kg
  • Sedano 2 coste
  • Olive verdi 100 g
  • Capperi sott’aceto 30 g
  • Cipolla 1
  • Pomodori 3-4
  • Aceto di vino bianco 1/2 bicchiere
  • Acqua 1/2 bicchiere
  • Zucchero 1 cucchiaio
  • Sale q.b.
  • Olio per friggere q.b.

Preparazione

  1. Passiamo ora alla preparazione della Caponata siciliana. Lavare le melanzane, asciugarle e togliere il picciuolo. Tagliarle e cubotti e metterle per un’oretta circa, in una ciotola con dell’acqua, in cui è stato fatto sciogliere del sale.

  2. Io ho lasciato la buccia attaccata alle melanzane, ma per chi non gradisse, può eliminarla. Passato il tempo, mettere sul fuoco un tegame con abbondante olio e lasciare scaldare bene. Scolare le melanzane, asciugarle con un telo e friggerle, fino a leggera doratura.

  3. Intanto, lavare le coste di sedano, tagliarle a tocchetti e metterle a cuocere in acqua salata per alcuni minuti, fino a quando diventeranno tenere, ma abbastanza al dente. Scolare. Spellare la cipolla e tagliarla a fettine.

  4. Mettere dell’olio in una padella, aggiungere la cipolla e lasciare rosolare a fiamma bassa. Salare e mescolare spesso, coprendo con un coperchio, dopo alcuni minuti. Mettere la cipolla in un piatto e soffriggere ora anche il sedano e le olive verdi.

  5. Sbollentare i pomodori, in modo che si possa ammorbire la buccia, quindi, spellarli, ridurli a pezzetti e lasciare cuocere, mescolando spesso e schiacciandoli con una forchetta.

  6. Dopo che si sarà formato un po’ di sughetto, aggiungere i capperi e le melanzane fritte. Aggiustare di sale e mescolare bene. Sciogliere lo zucchero in mezzo bicchiere di acqua tiepida e aggiungerlo alla caponata assieme all’aceto. Lasciare cuocere a fiamma un po’ vivace, fino a quando il liquido si sarà parecchio ridotto. Spegnere il fuoco.

  7. La Caponata di melanzane siciliana è pronta, può essere servita calda, tiepida o fredda.

    Buona degustazione!

CONSIGLI

Potete anche leggere: CAPONATA DI CARCIOFI ALLA SICILIANA

Per altri CONTORNI cliccare QUI.

Per altri ANTIPASTI cliccare QUI.

Vi invito a diventare fan della mia pagina Facebook ANNAMARIA TRA FORNO E FORNELLI , per essere aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me. Se volete cliccate QUI e poi mettete MI PIACE. Annamaria tra forno e fornelli è anche su Pinterest  Twitter Instagram seguitemi numerosi. 

GRAZIE PER L’ATTENZIONE E BUONA NAVIGAZIONE!

Pubblicato da Annamaria tra forno e fornelli

Ciao a tutti. Sono Annamaria, siciliana Doc e con parecchi hobby, tra cui la passione per cucina. Questo blog è nato quasi per gioco nel Marzo del 2015 e oggi mi ritrovo con un bel po' di followers che amano le mie ricette. La mia è una cucina piuttosto semplice. Propongo ricette fattibili da tutti e forse è questo il segreto per cui alla gente piacciono. Colgo l'occasione per ringraziare chiunque entri qui e mi onora con la propria presenza.

2 Risposte a “Caponata siciliana”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.