Pandoro tradizionale homemade

Quest’anno ho voluto provare a fare in casa il pandoro tradizionale homemade e ne sono soddisfattissima! La preparazione è lunga calcolate due giorni per vederlo finito ma ne vale davvero la pena. Se si presta un pochino di attenzione e si ha un pizzico di pazienza è meno complicato di quel che sembra.
E come si è raccomandata Bruna, la vicina di mia nonna che mi ha fornito la ricetta non si deve aver fretta e seguire bene tutti i passaggi.

La lunga lievitazione, in tutto circa 10 ore, lo rende soffice, la dose di zucchero non eccessiva non lo fa essere stucchevole e la sfogliatura lo alleggerisce. Noi di casa lo abbiamo finito in due giorni perché è troppo, ma davvero troppo buono per resistergli. Se poi non vi accontenta un pandoro tradizionale potete sempre farlo al cioccolato oppure optare per il panettone veloce, o il panettone basso o i mini panettoncini glassati.
Vi consiglio di iniziare la preparazione del pandoro verso le 12.00 del primo giorno in modo che possiate dopo le varie fasi di impasto far fare la terza lievitazione, la più lunga, durante la notte. Il giorno seguente proseguirete con il resto della preparazione e con la cottura.
Oltre alla infinita bontà è anche un bellissimo e scenografico da regalare, basterà confezionarlo con carta trasparente e un bel fiocco colorato.
Provatelo e ne rimarrete soddisfatti!

Pandoro tradizionale homemade
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni1 pandoro da 1 kg oppure 2 da 500g
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 450 gfarina00
  • 12 gLievito di birra fresco
  • 250 gBurro
  • 60 mlacqua (a temperatura ambiente)
  • 185 gZucchero (finissimo)
  • 4uova medie (3 intere + 1 tuorlo)
  • 1stecca di vaniglia
  • 20 gMiele
  • 1 pizzicoSale fino
  • q.b.Zucchero a velo

Strumenti

  • Impastatrice Kitchenaid Artisan
  • Spatola in silicone
  • Gancio a foglia
  • Gancio ad uncino
  • Setaccio
  • Pellicola per alimenti
  • Coltello
  • Stampo per pandoro da 1 kg
  • Cucchiaio
  • Spianatoia

Preparazione

  1. Pandoro tradizionale homemade

    La prima fase per la preparazione del pandoro tradizionale homemade è quella della preparazione del cosiddetto lievitino.

    Nella ciotola dell’impastatrice sciogliete 10 g di lievito di birra in 60 g di acqua a temperatura ambiente. E’ fondamentale che  l’acqua non sia fredda altrimenti il lievitazione si “bloccherà“.
    Una volta sciolto il lievito aggiungete 20 g di zucchero, un tuorlo d’uovo e 50 g di farina setacciata. Impastate con un cucchiaio di legno o una spatola in plastica per qualche minuto poi coprite con la pellicola e lasciate lievitare per 2 ore e ½  nel forno spento.

  2. Con l’albume avanzato potete fare delle simpatiche meringhe a forma di alberello di Natale.

  3. Tirate fuori dal frigo 30 g  burro  in modo che si ammorbidisca per quando dovrete usarlo.

  1. Fase 1
    Trascorse le due ore e ½ riprendete il lievitino. Sciogliete i restanti 2 g e½ di lievito in 8 g di acqua (un cucchiaio) sempre a temperatura ambiente e versatelo nel recipiente con il lievitino, unite 200 g di farina, 30 g di zucchero, 30 g di burro a pezzettini,1 uovo intero e impastate con la frusta a foglia per 5 minuti. Sostituite la foglia con il gancio e impastate per almeno 15 minuti, fin quando l’impasto non si sarà ben incordato e risulterà liscio ed elastico. Con la spatola staccatelo dal boccale e dategli il più possibile la forma  di una palla. Chiudete l’apertura del boccale con la pellicola e mettete nuovamente in forno spento a lievitare fin quando l’impasto non sarà raddoppiato. Nel mio caso ci son volute 3 ore circa.

  2. Fase 2
    In una scodella sbattete leggermente le 2 uova rimaste. Riprendete il primo impasto ed aggiungeteci 20 g di miele e 100 g di farina. Impastate 1 minuto, incorporate le uova sbattute, impastate un altro minuto poi aggiungete altri 100 g di farina.
    Impastate per una decina di minuti poi unite 135 g di zucchero.
    Mentre l’impastatrice continua ad impastare appiattite con le mani il baccello di vaniglia, eliminate le estremità e con un coltello ben affilato incidetelo al centro nel verso della lunghezza. Raschiate, scorrendo con un coltello, i semini all’interno, uniteli all’impasto aggiungete anche un pizzico di sale e continuate ad impastare per 25 minuti. L’impasto inizialmente risulterà morbido e appiccicaticcio, tranquille, è del tutto normale. Se alla fine dei 25 minuti l’impasto fosse ancora eccessivamente morbido potete aggiungere 20 g di farina, non di più. Come con il primo impasto date al tutto la forma di una palla aiutandovi con una spatola da cucina, coprite con la pellicola e stavolta mettete in frigo a lievitare fino al mattino seguente.

  3. Se tutto procede come programmato a questo punto è mattina e potete sfogliare il pandoro.Tirate fuori dal frigo 220 g di burro e fatelo ammorbidire.
    Su una spianatoia lavorate velocemente l’impasto freddo di frigo e stendetelo dandogli forma di un rettangolo. Tagliate il burro a sfoglie e mettetelo al centro. Ripiegate i laterali verso il centro e chiudete in tre parti dall’altro verso il basso del rettangolo.
    Girate di 90° il quadrato ottenuto e con il mattarello stendere il tutto. Ripiegate i due lembi verso il centro sovrapponendoli e mettete l’impasto in un vassoio in frigo a riposare 30 minuti. Riprendete l’impasto e ripetete le pieghe come sopra per altre 2 volte.
    Imburrate abbondantemente e minuziosamente lo stampo da pandoro.Con l’impasto ottenuto fate una palla e mettetela nello stampo con la parte liscia rivolta verso il fondo in modo che quando andremo a rigirare lo stampo dopo la cottura la parte più bella e compatta sia in cima al pandoro. Coprite lo stampo con la pellicola e mettete in forno spento a lievitare fin quando l’impasto non avrò raggiunto il bordo dello stampo. A me sono occorse 8 ore e ½.
    Quando il pandoro avrà raggiunto il bordo dello stampo accendete il forno e portatelo a 140°C ventilato (150°C statico). Infornate il pandoro per circa 50 minuti circa.
    Sfornate il pandoro o lasciatelo raffreddare nello stampo per 40 minuti poi trasferitelo su una griglia modo che passi aria anche sotto.

  4. Pandoro tradizionale homemade

    Lasciate che si raffreddi completamente. Traferite il pandoro tradizionale homemade su un ampio piatto da portata, spolverizzate la superficie con lo zucchero a velo e gustate.

Consigli

Fare il pandoro non è semplice ma non scoraggiatevi è fattibilissimo. Prendete il tutto con calma e seguite le istruzioni passo passo.

Conservazione

Il pandoro si conserva in una busta alimentare per 2-3 giorni

5,0 / 5
Grazie per aver votato!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.