Crea sito

Spaghetti alle vongole

Uno dei miei piatti preferiti in assoluto che non mi stanco mai di cucinare, ma soprattutto di mangiare, sono gli spaghetti alle vongole.
Un piatto che anche se mangiato a dicembre mi riporta subito all’estate, al mare e al sole. Gli spaghetti alle vongole sono un piatto semplice da fare che richiede però qualche piccolo accorgimento per ottenere degli spaghetti gustosi, saporiti e cremosi.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 160 gspaghetti
  • 500 gvongole
  • 1 spicchioaglio
  • 1/2 bicchierevino bianco secco
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • 1/2limone (la scorza grattugiata)

Preparazione

  1. Iniziate con la preparazione delle vongole. Mettetele innanzitutto a bagno in acqua leggermente salata per almeno un’ora in modo che possano spurgare dalla sabbia in eccesso.

  2. Trascorsa l’ora scolate le vongole e battetele, senza troppa forza, una per una su un piano per verificare che non ci siano ulteriori tracce di sabbia. Scartate, se ce ne sono, quelle con il guscio crepato o rotto.

  3. In una padella capiente fate rosolare uno spicchio di aglio in camicia con un filo di olio. Quando l’olio è caldo, aggiungete tutte le vongole, sfumate con il vino bianco e coprite con un coperchio facendo proseguire la cottura a fiamma vivace.

  4. Fate cuocere per massimo 5/7 minuti e comunque fino a che tutte i gusci si saranno aperti. Sgusciate una parte di vongole e le altre lasciatele nel guscio. Filtrate il liquido di cottura con un colino a maglie fitte, in modo che eventuali residui di sabbia restino nel colino, e tenete da parte.

  5. Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata e scolateli belli al dente. In una padella capiente mettete il liquido di cottura filtrato, gli spaghetti e un mestolo di acqua di cottura della pasta. Unite le vongole, sia quelle sgusciate che quelle con il guscio, e ultimate la cottura la pasta.

  6. Servite, aggiungendo un filo di olio extra vergine di oliva a crudo e una spolverata di scorza di limone grattugiata che darà a questo piatto, classico della cucina partenopea, un gusto nuovo, fresco e un profumo di estate.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.