Salvia fritta in pastella

La salvia fritta in pastella è un antipasto davvero sfizioso perfetto anche come stuzzichino per un aperitivo. La pastella si prepara molto facilmente con farina e birra chiara molto fredda ed il risultato  sono delle foglie di salvia super croccanti e sfiziose.

Io ho utilizzato la farina di riso così sono adatte anche per gli intolleranti al glutine se utilizzate anche una birra gluten free, ma potete tranquillamente utilizzare la normale farina 00.

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 8 persone
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 50 foglie Salvia
  • 100 g Farina di riso (o farina 00)
  • 200 ml Birra chiara (Molto fredda)
  • Olio di semi di arachide (o di girasole)
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Prendete delle foglie di salvia abbastanza grandi, lavatele con acqua corrente e fatele asciugare molto bene su carta assorbente o su un canovaccio pulito.

  2. Palla birra per verdure, fiori di zucca, salvia

    In una padella dai bordi alti fate scaldare l’olio di semi e nel frattempo preparate la pastella. In una ciotola mettete la farina e versate poco per volta la birra mescolando con una frusta per evitare che si formino grumi. Mescolate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Mi raccomando la birra deve essere molto fredda.

  3. Non appena l’olio avrà raggiunto la temperatura, immergete le foglie di salvia nella pastella, sgocciolate l’eccesso e tuffate nell’olio bollente fino a quando saranno ben dorate. Scolatele con l’aiuto di una schiumarola e fatele asciugare su carta assorbente.

  4. Salate e servite ben calde!

Note

Se non amate la birra, potete realizzare la pastella utilizzando l’acqua frizzante sempre molto fredda. Il risultato sarà un po’ diverso perché l’acqua non contiene lieviti e di conseguenza la pastella risulterà meno gonfia.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.