Caffè del nonno o crema fredda al caffè veloce senza uova

Il caffè del nonno è la famosa crema fredda al caffè con panna e caffè della moka, veloce da preparare, che tanto ci piace gustare in estate.

Originariamente detto caffè del nonno napoletano, la ricetta della crema al caffè si trova un po’ ovunque e si chiama in mille modi: caffè freddo cremoso, crema di caffè fredda, espressino freddo al caffè, cremino al caffè. Tanti modi per chiamarla, ma parliamo sempre di panna montata al caffè, con caffè freddo della moka e poco zucchero.

Dopo il caffè freddo cremoso e lo spumone al caffè bimby, non poteva mancare la ricetta della crema fredda al caffè veloce sul mio blog !

Con questa ricetta, la vostra crema di caffè fatta in casa sarà come quella del bar, pronta in un attimo! Ormai, in tutti i bar, si trova la crema di caffè freddo, fresca e cremosa e, devo dirvi la verità, la prendo spesso anch’io. Viene fatta con dei preparati di crema al caffè. Meglio farla in casa, come ho fatto io oggi ed è anche finita in un attimo. Mio marito se l’è mangiata con decisamente tanto gusto (e pure io)!

Bene, iniziate a mettere su il caffè perchè fra poco si prepara il Caffè del nonno, la crema fredda al caffè senza uova, veloce e golosa !

Caffè del nonno – Crema di caffè fatta in casa – Crema fredda al caffè con panna senza uova

Caffè del nonno - Crema di caffè fatta in casa - Crema fredda al caffè con panna senza uova
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    Riposo + 10 minuti
  • Porzioni:
    4 persone

Ingredienti

  • Panna fresca liquida 250 ml
  • Caffè (della Moka) 70 ml
  • Zucchero semolato 5 cucchiaini
  • Nutella (opzionale) 1-2 cucchiaino

Preparazione

  1. Per preparare il Caffè del nonno fatto in casa dovrete mettere utilizzare il caffè della moka. Avrete bisogno ca. di 3-4 tazzine. Vi consiglio di utilizzare questo invece che il caffè della macchinetta, perchè ha un sapore più forte ed è meno diluito.

  2. Mettete il caffè in una scodellina, aggiungete lo zucchero e la nutella e mescolate per farli sciogliere. Poi lasciate raffreddare. Ponete la scodellina in frigorifero o 15 minuti in freezer, in modo che il caffè diventi molto freddo.

  3. Mettete in freezer anche le fruste elettriche, per montare più velocemente e agevolmente la panna.

  4. Trascorso il tempo, montate la panna semisoda. Aggiungete un po’ alla volta il caffè freddo e continuate a montare con le fruste elettriche. Otterrete in poco tempo una crema al caffè profumata e golosa. Volendo potreste già mangiarvela così, ma noi vogliamo la crema fredda di caffè !

  5. Mettete la panna al caffè all’interno di un contenitore in freezer per 1 ora.

  6. Passato il tempo di riposo, riprendente la crema al caffè e con un cucchiaio, spatolate i bordi e amalgamate il tutto.

  7. Un cucchiaio alla volta, riempite i vari bicchieri di caffè del nonno, decorate con della polverina di caffè o cacao amaro, qualche chicco di caffè (per gli ospiti) e la vostra crema di caffè fatta in casa è pronta per essere degustata !

  8. Caffè del nonno: varianti

    Crema fredda al caffè e nutella: la versione che ho fatto io in cui ho aggiunto un bel cucchiaino di Nutella (forse anche 1 e mezzo). Potete anche “sporcare” i bordi del bicchiere dove servite il caffè del nonno con qualche cucchiaio di Nutella, per un effetto ottico ancora più goloso !

  9. Crema fredda al caffè e liquore: potete aggiungere 2 cucchiai di liquore al caffè o di Baileys (che adoro).

  10. Caffè del nonno bimby

    Ovviamente potrete preparare anche il caffè del nonno con il bimby, anche se vi basterà montare la panna con la farfalla per qualche minuto. Nulla di diverso dall’utilizzare le fruste elettriche, in questo caso.

  11. Caffè del nonno - Crema di caffè fatta in casa - Crema fredda al caffè con panna senza uova

Leyla consiglia…

Vi consiglio di utilizzare la panna fresca liquida, che è più gustosa, anziché quella vegetale già zuccherata.

Se lasciate nel congelatore il caffè del nonno tenderà a indurirsi. E’ una crema al caffè che và gustata subito nella sua forma migliore, ma è apprezzabile anche il giorno dopo. Se sono trascorse 2 ore, potete ancora recuperare la cremosità, raschiando prima i bordi con un cucchiaio e poi sbattendo il tutto con le fruste elettriche. Se passa più tempo, dovrete tenerla a temperatura ambiente per 15 minuti e poi scegliere se mangiarla così o provare a montare il tutto nuovamente.

Da provare anche:

Torna alla HOME PAGE
Per non perdere nessuna ricetta, metti il “mi piace” QUI sulla mia pagina Facebook QUI sul mio profilo Instagram.

Precedente Pasta con pesto di zucchine e burrata o stracciatella Successivo Rosti di patate e speck con cipolle, piatti tipici svizzeri e dell'Alto Adige

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.