Treccine dolci allo yogurt greco

treccine dolci allo yogurt greco

Treccine dolci allo yogurt greco
Treccine dolci allo yogurt greco

Le treccine dolci allo yogurt sono un classico delle colazioni e/o spuntini. Sono morbide morbide, profumate, tenere briochine da divorare così come sono o magari farcite. Queste brioche allo yogurt sono uno spettacolo di sofficità e oggi voglio proporvi la ricetta per realizzarle!

qual è il segreto della loro morbidezza? Nessun trucco, ho semplicemente utilizzato dello yogurt greco, un ingrediente molto versatile ed utilizzato in cucina.

Lo yogurt greco è un tipo di yogurt, più compatto che, oltre ad essere davvero molto buono, può essere utilizzato in svariati modi. Ad esempio, per preparare la salsa tzatziki, nelle cheesecake, come sostituto del burro nella preparazione di dolci da forno, come ciambelloni… Ma è possibile impiegare questo ingrediente in molte ricette, sia dolci che salate. Soprattutto, negli impasti lievitati, lo yogurt greco aiuta a render più soffici le nostre preparazioni, inoltre, lo yogurt greco ” agevolerebbe” la lievitazione grazie alla presenza dei microrganismi naturalmente contenuti (cit.) Esso ha un sapore e una consistenza completamente diverse dallo yogurt tradizionale  e per questa ricetta vi consiglio di usare questo, non altri.

Morbide morbide, vi invitano a mangiarle, vero?

Ecco come preparare queste treccine dolci allo yogurt, un impasto per brioche dolci che vi stupirà per la sua bontà, ottenendo lievitati molto soffici!

Essendo, poi, un impasto brioche piuttosto versatile, ho realizzato anche dei pangoccioli. Ho fatto una super sfornata conservandole in freezer per averle sempre pronte all’occorrenza.Io ho utilizzato lievito madre liquido, ma di seguito darò le indicazioni per prepararli con pasta madre solida o con lievito di birra.

 

Ecco la ricetta delle treccine allo yogurt!

Ingredienti per 12 treccine

  • 550 g di farina grano tenero di forza W 320-330 (io ho usato farina Panettone)
  • 130 g di lievito madre liquido rinfrescato due volte
  • 120 g di yogurt greco
  • 1 uovo intero da 55 g circa
  • 150 g di latte
  • 120 g di zucchero semolato
  • 8 g di sale
  • 80 g di burro a pomata
  • aromi a vostra scelta (io buccia di limone ed estratto di vaniglia)
  • un cucchiaino di mix aromatico (opzionale)

Per la rifinitura

  • un tuorlo con un goccio di latte
  • granella di zucchero

Note sul lievito da utilizzare in ricetta:

Se avete la pasta madre solida, metterne 150 grammi e aggiungere 30-40 g circa in più di latte. Il resto degli ingredienti è invariato.

Per chi volesse utilizzare il lievito di birra

Preparare una biga con 100 g di farina forte, 50/55 g di acqua e 8 g di lievito di birra. Si utilizza al posto della pasta madre in ricetta. (N.B. l’acqua e la farina per la biga si considerano a parte)

Preparazione

Nella ciotola della planetaria aggiungere il lievito madre liquido (o solido o la biga) rinfrescato un paio di volte e scioglierlo con la frusta a foglia nel latte a Temp. ambiente. Dopo che si è formata una schiumetta e il lievito si è sciolto, aggiungere lo yogurt greco e lo zucchero ed incorporateli. Unire parte della farina e poi l’uovo intero sbattuto a filo ed amalgamare. Poi continuare ad aggiungere altra farina (preventivamente setacciata) gradualmente, passando alla frusta a gancio quando l’impasto si fa più consistente. Aggiungere anche gli aromi che preferite (io un cucchiaino di estratto di vaniglia e buccia grattata di mezzo limone e mix aromatico).

Aggiungere il sale e infine, unite il burro “a pomata (cioè molto morbido) poco per volta. Portare ad incordatura. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, che si avviluppa intorno al gancio (io ho impiegato circa 25 minuti).

Ora sulla spianatoia fare un giro pieghe a tre, riposo di 30-40 minuti coperto a campana, altro giro di pieghe a trepirlate arrotondando l’impasto e porre a lievitare in una ciotola coperta a 26-28° per circa 5 ore o finchè è raddoppiato.

ALTERNATIVA

Potreste “parcheggiare” l’impasto per tutta la notte in frigo e il giorno dopo tirato dal frigo, far acclimatare e aspettar che l’impasto completi la lievitazione.

Procediamo con la formazione delle trecce.

Stendere leggermente l’impasto sul piano di lavoro un poco cosparso di farina (io uso piano in acciaio), e staccate tante parti da 100 g l’una. Con ciascuna di essa formare le treccine dividendola in tre parti che arrotolerete per formare tre cilindretti, che andranno poi intrecciati per formare le nostre briochine. Adagiarle sulla teglia ricoperta di carta forno (io tappeto siliconico), ricoprire con un foglio di pellicola e far lievitare fino al raddoppio, in un luogo caldo e riparato. Ci vorranno circa 6-8 ore circa di lievitazione, anche se il tempo in realtà dipende dalla forza del vostro lievito e dalla temperatura esterna: impostate la temperatura dell’ambiente di lievitazione sui 28°, aiutandovi con lucina del forno o pentolino d’acqua calda o usando celle di lievitazione.

******************

Con lievito di birra.

Procedere alla formatura come descritto sopra, adagiare le treccine sulla teglia e far lievitare al caldo fino al raddoppio (2 orette o comunque regolatevi a vista). Infornare come descritto di seguito.

********************

Cottura

Al raddoppio, spennellate delicatamente la superficie con un tuorlo battuto con un po’ di latte, cospargete di granella di zucchero ed infornare in forno statico e preriscaldato a 175° per circa 18/20 minuti circa (ogni forno è a sè chiaramente). Sfornare e far raffreddare completamente su una gratella.

Spolverizzare con zucchero a velo a piacere.

Ecco le mie treccine allo yogurt!

Treccine dolci allo yogurt greco

Si conserveranno per qualche giorno, se preparate a lievitazione naturale. Una buona parte le ho congelate e il resto conservato in buste salva freschezza con chiusura a pressione.

Ottime per colazione/merenda, piaceranno a tutti!

Sofficissime!

interno treccine dolci allo yogurt greco

NOTE

Come già detto all’inizio, essendo una pasta brioche piuttosto versatile, con lo stesso impasto si possono preparare brioche di vari tipi e forme. Eccovi anche i pan goccioli realizzati con il medesimo impasto (ho incorporato le gocce di cioccolato preventivamente messe in freezer durante la formatura).

Pangoccioli con impasto allo yogurt greco

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità!

 

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

2 Risposte a “Treccine dolci allo yogurt greco”

    1. Ciao, dire 0 o 00 non dice niente, bisogna utilizzare una farina forte. A parte la 00 Barilla per dire §(che è una farina debole e non va bene), in commercio esistono anche le 00 forti, come la Caputo rossa o la farina panettone 😉 Oppure la garofalo w 350….
      Spero di aver chiarito il dubbio… Ora sta a te verificare che tipo di farina hai in casa e utilizzarla in base alle tue esigenze! 😉
      Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.