Pizza al piatto con li.co.li e metodo cottura padella-grill

Pizza al piatto con li.co.li e metodo cottura padella-grill

13010192_10209689623706274_1276729429_o
Pizza al piatto metodo cottura padella-grill

Oggi vi propongo una ricetta e un metodo di cottura delle pizze che sarà molto utile a quanti non posseggono un forno casalingo specifico per pizze, come il fornetto Ferrari o altri ancora più professionali, come il forno Effe 1.

Quindi, oggi sul blog troverete la ricetta della pizza con li.co.li. e metodo cottura padella-grill, altrimenti noto come “metodo combo”. Si tratta di un metodo di cottura che prevede la combinazione padella+grill, per cercare di avvicinarsi ad un risultato finale che assomigli alle pizze della pizzeria, cosa che con il forno elettrico di casa non è possibile. Il forno a legna raggiunge i 400° e oltre, impensabile col forno di casa. Con questo metodo, si fa prima cuocere la base della pizza su una padella rovente per qualche minuto e poi la si trasferisce in forno, sotto al grill, di modo che si possa cuocere anche la parte superiore. E il tutto in pochi minuti! Per ottenere una buona pizza occorre infatti disporre di temperature il più elevate possibili.

Il risultato sarà similare a questo!

13009857_10209689657067108_1165424340_o

Raccomando di usare una padella di buona qualità, di ghisa o altro, perchè ad alte temperature quelle scadenti potrebbero rilasciare sostanze tossiche. Io ho usato un testo di terracotta, appoggiato sul gas previo spargifiamma e fatto preriscaldare una ventina di minuti a fiamma alta. Come questo:

13022207_10209689601345715_2003635964_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Poi, oltre al metodo di cottura vi espongo la mia ricetta di pizza al piatto con li.co.li. usando la tecnica del prefermento a partire da 10 g di licoli. In pratica, una tecnica similare all’altra mia ricetta di pizza al piatto con prefermento (e pasta madre). La ricetta è semplicissima e con idratazione media, soltanto che vi dovete organizzare in tempo per preparare il pre-impasto, che conferisce delle gradevoli note aromatiche all’impasto e poi il resto lo fa la lunga maturazione in frigo. Una pizza davvero molto, molto buona!

13010150_10209689636146585_225254870_o

E ora bando alle ciance e vediamo la ricetta!

E chi non ha il lievito madre e usa il lievito di birra?? Vi lascio a questa ricetta di pizza al piatto con poolish di lievito di birra, per il resto seguite il metodo di cottura combo descritto in questa ricetta 😉

Ingredienti per 4 pizze tonde al piatto e un panuozzo

Per il pre-impasto

  • 10 g di li.co.li.
  • 60 g di acqua
  • 60 g di farina Caputo (o farina W 320-330)

Per l’impasto

  • 400 g di farina Caputo rossa W320
  • 150 g di farina di tipo 1 (per me Uniqua gialla)*
  • 310 g di acqua (circa il 62% di hydro)
  • 130 g di prefermento
  • 14 g di sale

*oppure una farina di tipo 0

Procedimento

Iniziare col pre-impasto. Sciogliere il licoli nell’acqua, aggiungere la farina e mescolate il tutto. E’ preferibile metterlo in un contenitore alto per valutarne la crescita. Coprite con pellicola e fate maturare per circa 10-12 ore, a temperatura ambiente (a circa 20°-22°).

N.B.

In estate o comunque con temperature più elevate, il pre-impasto logicamente maturerà prima. Quindi, in linea teorica e con una temperatura ottimale, o si prepara il pre-impasto al mattino per poter impastare la sera, oppure lo si prepara la sera prima di andare a dormire, per poi impastare al mattino. Esso crescerà di volume e farà tante bollicine sulla superficie, con un piccolo segno di cedimento. Se accade questo, allora sarà pronto per essere utilizzato.

Quando il prefermento sarà pronto, scioglierlo nell’acqua e unire gradualmente la farina e passate al gancio, quando si fa consistente. Dopo 5 minuti, aggiungere il sale e continuate ad impastare finchè otterrete un impasto liscio, omogeneo ed incordato (occorreranno circa 12 minuti di impasto con la planetaria). Fate riposare l’impasto per 30-40 minuti in ciotola, coperta da canovaccio. Dopodiché procedere a fare due giri di pieghe a tre su una spianatoia poco infarinata, a distanza di 45 minuti circa l’una dall’altra (io sul tappeto siliconico).

Dopo l’ultima piega, arrotondate l’impasto e dopo 1 ora a 26° riponetelo in ciotola coperta da pellicola in frigo per un minimo di 24 ore. Io l’ho tenuto 40 ore.

Quando vorrete cuocere le pizze, tirate l’impasto dal frigo e fate acclimatare per 2-3 ore circa a temperatura ambiente, ma la massa deve essere ancora fredda (il tempo dipende sempre dalla temperatura ambientale). Dopodichè procedete allo staglio, ossia la formatura dei singoli panetti (i panielli), dividendo l’impasto in 5 parti all’incirca (4 erano da 220 g e 1 da 150).

IMG_1688

Piegate ed arrotondate i panetti, che dovranno riposare nel cosiddetto periodo di appretto, che serve al glutine di rilassarsi di nuovo, dopo l’azione meccanica che si è esercitata con l’operazione di staglio, manipolando l’impasto e rinforzando la maglia glutinica, che durante la maturazione in frigo si era invece rilassata. Insomma, seconda lievitazione, quella dei panielli.

IMG_1689

Dunque, l’appretto è il tempo che intercorre tra lo staglio ed il momento in cui si stenderanno i panielli. Per l’appretto, l’ideale sarebbe disporre delle apposite cassette di plastica (va bene anche un portatorte, volendo, o una teglia dai bordi alti). Far lievitare i panielli per circa 7-8 ore (sempre secondo la temperatura che avete in casa). Io li ho messi nella camera di lievitazione a temperatura controllata a circa 25°. Trascorso questo tempo, prepariamo le pizze e tutti gli ingredienti sul nostro piano di lavoro.

IMG_1703

Preriscaldate il testo di terracotta o una padella in ghisa o di buona qualità sul gas di 7 cm. Quello di terracotta almeno 20-25 minuti.

Stendiamo i panetti rigorosamente con le mani, sulla spianatoia infarinata, con un movimento circolare, cercando di spingere i gas di lievitazione verso il cornicione (guardate qualche video su youtube). Spostate l’impasto steso su una pala di legno e trasferite sulla padella (o testo) rovente. Iniziate a condire la pizza unendo 3 cucchiaiate di pomodoro, un pizzico di sale, un filo d’olio extravergine d’oliva, poi distribuitevi la mozzarella precedentemente sgocciolata per circa un giorno in frigo (se utilizzate mozzarella di bufala, congelatela e poi scongelatela, così non perderà troppo latte durante la cottura della pizza. Oppure strizzatela bene con le mani).

13016697_10209689602225737_124637332_o

Intanto, dovrete aver preriscaldato il forno, accendendo il grill al max potenza. Dopo 3 minuti di cottura sulla padella con l’aiuto della pala di legno trasferite la pizza all’ultimo ripiano, vicinissimo al grill. Dopo 1 minuto, praticate un giro di 180° e cuocete altri 30 secondi. Quindi, sfornate ed impiattate.

Io ho messo la pietra refrattaria, ma va bene anche la leccarda rovesciata.

12986911_10209689610665948_1075182746_o

Preparate e cuocete le pizze successive avendo l’accortezza di tenere sempre il grill acceso (incandescente) tenendo aperto lo sportello del forno.

Ecco le pizze col metodo padella+grill!

13010192_10209689634186536_868872031_o 13016340_10209689608105884_1460106835_o

Sembra quasi uscita dal forno a legna! Mi raccomando di controllare la cottura della pizza: essa non deve venire dura e biscottata, ma deve piegarsi agevolmente a portafoglio, come la pizza napoletana doc.

Se volete una buona pizza al piatto a lievitazione naturale provate la mia ricetta e il metodo di cottura padella + grill.

Fatemi sapere, intanto eccovi gli ultimi collage

pizza combo

Questo è il sotto della pizza, quindi ben cotta anche nella parte inferiore, ma deve piegarsi a portafoglio (non deve “biscottarsi”)

12999697_10209689630826452_1248239325_o

E questo è il panuozzo, preparato col panetto da 150 g. Va poi farcito e ripassato in forno.

pizap.com14605802915911

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

2 Risposte a “Pizza al piatto con li.co.li e metodo cottura padella-grill”

    1. Ciao Giorgia, per le farine puoi usare quelle che trovi. Anzi se mi dici quali riesci a reperire ti posso aiutare … Se fai una lunga maturazione in frigo è bene usare farine di una certa forza.
      Per il lievioto madre solido, puoi usare questa con la tecnica del prefermento (impasto indiretto) https://blog.giallozafferano.it/dolcesalatoconlucia/pizza-al-piatto-con-lievito-madre-per-fornetto-ferrari-pizza-express/
      oppure questa ad impasto diretto (senza prefermento) https://blog.giallozafferano.it/dolcesalatoconlucia/impasto-pizza-al-piatto-con-lievito-madre-per-fornetto-ferrari-e-non-solo/

      A presto,Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.