Pan brioche a spirale, bicolore al caffè

Pan brioche bicolore al caffè

Pan brioche bicolore al caffè
Pan brioche bicolore al caffè

Oggi voglio augurarvi il buongiorno e buon inizio di settimana con una ricettina nuova per la colazione! Si tratta di uno dei miei amatissimi pan bauletto che questa volta vi propongo nella versione bicolore al caffè!

Era da un bel po’ che non preparavo un pan brioche per la colazione e avevo voglia di sperimentare una ricetta nuova,, senza distaccarmi troppo dalla forma di pan bauletto. Infatti trovo che sia molto pratico tagliarlo a fette e congelarle, scongelandone poi all’occorrenza.

In dispensa ho visto una confezione di caffè solubile ed eccomi qua, pan bauletto bicolore al caffè! Se siete amanti del caffè non potete non prepararlo!

Io l’ho preparato con pasta madre, ma nella ricetta troverete indicazioni per prepararlo con il li.co.li. (lievito in coltura liquida) oppure con il lievito di birra.

Detto questo vi auguro buon inizio di settimana!

Ingredienti per uno stampo da plum cake di 30 cm (da un kg)

Ingredienti per l’impasto

  • 500 g di farina totale, da me così ripartita:
  1. 200 g di farina tipo 0 w 240-260
  2. 150 g di farina W 320-350 (per me Caputo Rossa)
  3. 150 g di farina tipo 2 (per me Mulino Polselli)
  • 130 g pasta madre solida e rinfrescata
  • un uovo intero medio (55 g)
  • 10 g di lecitina di soia da sciogliere in 100 g di acqua*
  • 100 g di latte (per me parz. scremato)
  • 1 cucchiaino di latte in polvere (facoltativo)
  • 1 cucchiaino di malto
  • 85 g di zucchero
  • 8 g di sale
  • 50 g di olio d’oliva (oppure olio di semi)

* Si tratta di un’emulsionante di origine vegetale che ha varie funzioni e tra esse, nei prodotti lievitati, aumenta il volume del prodotto, rende la mollica appunto più morbida e più a lungo, migliorandole la shelf-life.

Per la parte al caffè

  • 5 g di caffè solubile
  • 10 g di zucchero
  • 1 cucchiaio di latte
  • 2 cucchiai circa di farina

______________________________________________

Note sul lievito da utilizzare in ricetta:

Se avete il li.co.li., metterne 80 grammi e aggiungere 50 g in più di farina. Il resto degli ingredienti è invariato.

Per chi non avesse il lievito madre, le proporzioni con il lievito di birra possono essere le seguenti, stando attenti alla quantità dei liquidi. Infatti, non tutte le farine hanno la stessa capacità di assorbimento, quindi regolatevi in ogni caso.

Per chi volesse utilizzare il lievito di birra, le dosi da seguire sono queste:

  • 500 g di farina (di cui 200 g di farina di manitoba o 350 W e il resto farina tipo 0, se volete)
  • 8-10 g di lievito di birra fresco
  • 200 g di latte
  • un uovo intero (55 g)
  • 80 g di zucchero
  • 8 g di sale
  • 50 g di olio d’oliva (oppure olio di semi)

* se lo volete molto più dolce, 100 g

Procedimento

Rinfrescare la pasta madre. Circa 1-2 ore prima di impastare mettere la lecitina nell’acqua e farla sciogliere, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaino (è un po’ difficile da sciogliere, quindi iniziate almeno un’oretta prima).

IMG_2577

 

Nella ciotola della planetaria aggiungere il lievito madre rinfrescato da qualche ora (o al massimo la sera prima) a piccoli pezzi e scioglierlo con la frusta a foglia nel latte (a temperatura ambiente o non troppo freddo di frigo) con un cucchiaino di malto. Dopo che si è formata una schiumetta e il lievito si è sciolto, aggiungere l’uovo e mescolare, poi metà della farina (aggiunta gradualmente) e mescolare a bassa velocità, fino ad amalgamare il tutto. Aggiungere lo zucchero e il resto della farina gradualmente (tenendone da parte tre cucchiai) e, infine, il sale. Passate al gancio e continuate ad impastare unendo l’olio a filo, poco per volta per non perdere l’incordatura.

Intervallate aggiungendo una manciata di farina visto che l’olio tende a render “scivoloso” l’impasto. Continuate ad impastare finchè non otterrete un composto liscio, omogeneo ed incordato.

Se non avete la planetaria, potete impastare a mano: l’ordine di inserimento degli ingredienti non cambia.

Toglietene da parte circa 2/3 di impasto, coprendolo “a campana”.

Nella ciotola dov’è l’impasto rimanente aggiungete il caffè solubile, il latte, lo zucchero e la farina ed impastate fino a che il caffè avrà colorato uniformemente l’impasto. Se occorre, aggiungete un altro po’ di farina fino ad ottenere un impasto sodo ed omogeneo.

Coprite i due impasti a campana o con un canovaccio e far riposare 20-30 minuti.

Trascorso il tempo di riposo, spolverate leggermente la spianatoia con un po’ di farina, allargate i due impasti con le dita delicatamente e fate un giro di pieghe a tre. Poi pirlate arrotondandoli ed adagiateli in due ciotole e far lievitare fino al raddoppio. Questa volta non ho fatto il passaggio in frigo, se volete voi dopo 30 minuti a temperatura ambiente (un’ora se si è in inverno), riporre in frigo per qualche ora, o tutta la notte, se ci si vuole organizzare con i propri impegni.

IMG_3825

 

********************

Per chi abbia utilizzato il lievito di birra

Impastare sciogliendo il lievito di birra nel latte (appena appena tiepido, non caldo!) con un cucchiaino di zucchero, preso dal totale. Aggiungere il lievito disciolto alla farina con lo zucchero ed impastare aggiungendo l’uovo ed il resto del latte. Aggiungere il sale e, per ultimo, l’olio a filo, facendolo incorporare lentamente. Impastare molto bene fino ad ottenere un impasto liscio, sodo ed omogeneo. Fare un giro di pieghe a tre, arrotondare e porre l’impasto in una ciotola coperto da pellicola e far lievitare per circa due ore o comunque fino al raddoppio.

******************

Formatura pan bauletto

Trascorso il tempo di riposo in frigo, tiratelo e fate acclimatare per 2-3 ore (di più in inverno: l’impasto deve gonfiarsi) e procediamo alla formatura del pan brioche. Sulla spianatoia cosparsa con un po’ di farina, stendere ciascun impasto con il mattarello fino a renderli sottili circa 0,8 mm.

IMG_3826

Sovrapporre il rettangolo scuro su quello chiaro ed arrotolare in maniera stretta per evitare che si possano formare alveoli durante la lievitazione (i “buchi”).

IMG_3829

Tagliate le estremità e posizionatelo su uno stampo da plum cake lungo 30 cm e dalla capacità di 1 litro imburrato (io, invece spennello con un po’ di olio di semi).

Coprire lo stampo con pellicola e far lievitare fino al raddoppio, cioè fino a quando l’impasto raggiungerà e supererà il bordo dello stampo. Consiglio di far lievitare il vostro pan bauletto in un posto caldo e riparato, ad una temperatura costante di circa 26-28°. Il tempo di lievitazione è indicativo, dalle 5 alle 8 ore, secondo la forza della vostra pasta madre e la temperatura ambientale. Quindi, osservate sempre il raddoppio del pan bauletto, tenendo presente che i tempi son indicativi.

IMG_3835

********************

Per chi abbia utilizzato il lievito di birra.

Formare il pan brioche e farlo lievitare per circa due orette o comunque fino al raddoppio (deve raggiungere e superare di poco il bordo dello stampo).

*****************

Cottura

Al raddoppio, preriscaldate il forno e spennellate delicatamente la superficie del pan bauletto con un po’ di latte ed infornare in forno statico e preriscaldato a 170° per circa 25-30 minuti. Se il pan brioche dovesse scurirsi troppo in superficie, coprire con un foglio di carta argentata. Io prima di infornare ho cosparso un po’ di semi di sesamo dopo aver spennellato con il latte. Sfornare e far raffreddare il pan bauletto per circa 15 minuti, poi estrarlo delicatamente dallo stampo e far raffreddare su una gratella per qualche ora. Quando sarà ben freddo, conservare il pan brioche in un sacchetto per alimenti ben chiuso.

Ecco il mio sofficissimo pan bauletto bicolore al caffè!

IMG_3836

 

Conservazione

Si mantiene soffice per qualche giorno (soprattutto se realizzato con pasta madre), in una busta per alimenti ben chiusa o in buste salva freschezza. In ogni caso, potreste congelarne una parte, tagliato già a fette. In questa seconda soluzione, per scongelare le fette, basterà tirarle dal congelatore la sera prima per averle come appena sfornate per la colazione del giorno dopo, oppure passarle per qualche secondo al microonde da congelate

Ottimo per le vostre colazioni e/o merende.

Oppure per iniziare la giornata con fette di questo pan brioche accompagnandole da un cappuccino o una tazzina di caffè!

Pan brioche bicolore al caffè
Pan brioche bicolore al caffè

 

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità!

 

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

2 Risposte a “Pan brioche a spirale, bicolore al caffè”

  1. Aspettavo questa ricetta….perché ho il caffè solubile ma non avevo il cappuccino solubile per provare l altra versione…..solo una domanda: la lecitina è obbligatoria?

    1. Ciao Sabrina ,
      allora la ricetta cade a pennello 🙂
      Assolutamente no, è un ingrediente opzionale, un miglioratore ma che non influisce sulla riuscita del prodotto 😉
      A presto, Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.