Torta salata radicchio e pere

La torta salata radicchio e pere è una ricetta sfiziosa che sposa il gusto un po’ amaro del radicchio con la dolcezza delle pere e a fare da collante ricotta e taleggio: veloce e semplice da preparare la torta salata radicchio e pere è l’ideale come piatto unico per una cena in famiglia ma è perfetta anche come antipasto o come stuzzichino per l’aperitivo con gli amici!

  • DifficoltàBassa
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni4/6 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 cespoRadicchio rosso
  • 1Pera abate
  • 1Cipolla rossa
  • 150 gTaleggio
  • 100 gPancetta affumicata
  • 100 gRicotta
  • 1 rotoloPasta brisée
  • 1Uovo
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale

Preparazione

  1. Lavare il radicchio e tagliarlo a striscioline. Affettare la cipolla e tritarla. Rosolare la pancetta affumicata in padella con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva. Quando la pancetta risulta croccante aggiungere la cipolla e il radicchio. Lasciar cuocere a fuoco dolce finché il radicchio non risulta appassito, regolare di sale e poi farlo intiepidire. Sbucciare la pera e tagliarla a piccoli tocchetti. Tagliare a cubetti il taleggio. In una ciotola lavorare la ricotta con l’uovo, poi aggiungere il taleggio, la pera e il radicchio con la pancetta affumicata. Sistemare la pasta brisée, dopo averla srotolata, in uno stampo per crostate rivestita con carta forno. Versare all’interno la farcitura di ricotta e radicchio. Ripiegare il bordo esterno di pasta cercando di creare un cordoncino e cuocere in forno preriscaldato a 180° per 35/40 minuti.

Note

La ricetta è tratta dal libro “A pranzo da me” di Benedetta Parodi.

Se volete preparare la pasta brisée in casa la ricetta la trovate QUI.

Se l’idea vi è piaciuta seguitemi sulla pagina FACEBOOK: lasciando il vostro “mi piace” potrete restare aggiornati con l’uscita delle nuove ricette! Vi aspetto con tante idee per la vostra tavola!

Chi prepara le ricette di Cucina vista mare? Potete leggerlo QUI. Siete curiosi di sapere perché il mio blog si chiama Cucina vista mare? Ve lo racconto QUI.

Precedente Spaghetti alla carbonara di gamberi dello chef Successivo Crema pasticcera alla nocciola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.