Ciambella bicolore, senza burro al latte caldo.

DSCF0731L’altro pomeriggio, presa dalla noia ho deciso di fare una ciambella bicolore per la colazione e la merenda. Ma volevo provare una ricetta nuova, e così spulciando fra le migliaia di opzioni che internet mette a disposizione ho scelto questa, che potrete trovare a questo link.

La ricetta della ciambella senza burro al latte caldo, è riuscita davvero bene. Molto leggera e allo stesso tempo gustosa e soffice. Perfetta da inzuppare nel latte caldo, ma anche per accompagnare una pallina di gelato, magari fior di latte o stracciatella.

Ecco gli ingredienti per la ciambella bicolore, senza burro al latte caldo.

INGREDIENTI.

  • 320 gr. di farina;

  • 300 gr. di zucchero ( io ne usato 280 gr);

  • 3 uova;

  • 200 ml di olio di semi;

  • 200 ml di latte ( io ne ho usato 150 ml per la parte bianca, e 50 ml per quella al cacao);

  • 2 cucchiai di cacao amaro;

  • 1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci.

PROCEDIMENTO.

Per realizzare la ciambella bicolore senza burro al latte caldo, dovrete iniziare preparando tutti gli ingredienti in anticipo. Utilizzate un recipiente graduato per misurare il latte e l’olio di semi.

Imburrate e infarinate uno stampo per ciambella. Accendete il forno a 180°.

In una ciotola capiente rompete le uova e amalgamatele con lo zucchero, io ne ho messo 280 gr.

Quindi unite l’olio e continuate a mescolare con lo sbattitore elettrico.

Nel frattempo riscaldate lievemente il latte.

Aggiungete al composto di uova, la farina e il lievito, un pò per volta. Quando avrete incorporato tutta la farina, potrete aggiungere anche il latte, io ne ho messo 150 ml e lasciato il rimanente per il passaggio successivo.

Quindi versate 3/4 del composto nello stampo.

Nell’impasto rimanente aggiungete il cacao amaro e il latte. Amalgamate ulteriormente e versate anche questo composto nello stampo. Infornate a 180° per 40-45 minuti.

Sfornate la ciambella bicolore senza burro e latte caldo, e quando è tiepida spolverizzate con zucchero a velo.

Precedente Frittelle di carciofi Successivo Perché nei dolci si mette il sale?