SAVOIARDI fatti in casa facili

SAVOIARDI fatti in casa facili

Oggi prepareremo insieme i Savoiardi, biscotti tipici della pasticceria italiana.

Questi famosissimi dolcetti sono conosciuti anche come Lady Finger (dita di dama), perché con la loro forma allungata ricordano le dita di una dama.

Hanno una crosticina caramellata ed una consistenza friabile ma spugnosa al tempo stesso cosa che li rende perfetti per preparare tantissimi dolci da “inzuppo” come Tiramisù, Charlotte, Zuppa inglese.

Sono buonissimi però anche in semplicità a prima colazione insieme al caffè o a un buon thè oppure per accompagnare il gelato o dei Semifreddi.

Io da bambina ne andavo matta e la mia nonna me li faceva ogni volta che l’andavo a trovare in campagna.

Come ogni preparazione classica ne esistono diverse versioni, quella che faremo insieme oggi è la ricetta originale dei savoiardi presa dal quaderno di ricette della mia famiglia, che si tramanda da generazioni.

Si tratta di una preparazione facile, senza necessità di strumentazione particolare, il segreto è montare il composto in modo che risulti spumoso e compatto.

Seguite questa ricetta ed otterrete dei savoiardi fatti in casa morbidi, spugnosi e dalla crosticina croccante in superficie che per gusto, consistenza e genuinità non hanno nulla da invidiare a quelli comprati!

  • DifficoltàFacile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni40 biscotti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

180 g zucchero a velo
170 g farina 00
150 g albume (circa 4 albumi)
120 g tuorlo (circa 6/7 tuorli)
80 g fecola di patate
40 g miele
q.b. zucchero a velo
339,46 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 339,46 (Kcal)
  • Carboidrati 65,76 (g) di cui Zuccheri 35,72 (g)
  • Proteine 8,81 (g)
  • Grassi 5,78 (g) di cui saturi 2,42 (g)di cui insaturi 3,18 (g)
  • Fibre 0,60 (g)
  • Sodio 53,33 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 80 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Passaggi

step 1

Separa i tuorli dagli albumi.
Monta con lo sbattitore elettrico in una ciotola i tuorli e il miele fino a che diventeranno chiari e spumosi e raddoppieranno il loro volume. Ci vorranno circa 3-4 minuti.
In una ciotola a parte invece monta, sempre con lo sbattitore elettrico, tutto lo zucchero con gli albumi fino ad ottenere degli albumi montati a neve ben ferma.

step 2

Aggiungere i tuorli montati agli albumi a neve e mescola con una spatola, molto delicatamente per non far sgonfiare il composto, dall’alto verso il basso.
Setaccia insieme la farina e la fecola, poi aggiungile al composto, in 2 o 3 riprese, continuando sempre a mescolare.

step 3

Trasferisci il composto in una tasca da pasticcere con la bocchetta liscia (foro da 10 mm) e forma su una teglia ricoperta con carta da forno i savoiardi.

Spolvera lo zucchero a velo sui savoiardi coprendo la superficie.

cottura

Cuoci in forno statico preriscaldato a 200 gradi per circa 10 minuti.
Appena saranno leggermente dorati in superficie sfornali e lasciali raffreddare. Considera comunque che la loro colorazione tipica è abbastanza pallida.

NOTE

Nelle preparazioni dolci vi consiglio sempre di pesare anche le uova perché, contrariamente alle ricette salate, anche 5 g fanno la differenza.

Per ottenere un composto montato alla perfezione utilizzare sempre albumi e tuorli a temperatura ambiente.

Falli della misura che preferisci in base all’uso che ne vuoi fare, considera che se li mangi come biscotti è meglio che siano lunghi e stretti mentre se vuoi preparare lo zuccotto o la charlotte ti consiglio di farli più larghi.

Ricordati di spolverizzare la superficie dei savoiardi con lo zucchero a velo solo appena prima di infornarli, altrimenti si rovinerà l’impasto.

Appena realizzati hanno una consistenza è molto simile ad una pasta biscotto, dopo 2 – 3 giorni, tendono ad indurirsi assumendo una consistenza più leggera e croccante.

CONSERVAZIONE

Una volta pronti i savoiardi si conservano anche 10 giorni se chiusi in una scatola ermetica o in una biscotteria.

Se preferite una consistenza più simile ai savoiardi industriali, più duri e croccanti, prima di metterli nel contenitore lasciali all’aria aperta un paio di giorni.

Seguimi su Instagram cliccando qui

Guarda anche queste ricette

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.