Tortelli di zucca Piacentini

Tortelli di zucca Piacentini, tipici della Val d’Arda, e dopo quelli Mantovani avrei fatto un torto alla mia città se non vi proponessi anche la nostra versione.

Come ho già avuto modo di precisare nel precedente post questi tortelli sono leggermente diversi, più leggeri se vogliamo, potrete azzardarvi a mangiarne qualcuno in più, diciamo che sono meno impegnativi.

Non possono mancare la Vigilia di Natale, anche se vanno molto anche quelli agli spinaci, più classici, al burro o con sugo di funghi.

Ma adesso non è Natale, voi direte! vero ma se ve li propongo è perchè essendo un piatto tipico lo troviamo spesso e volentieri tutto l’anno in ogni ristorante.

E non solo, per tutta l’estate lo si può gustare all’aperto in ogni sagra e festa di paese, a seconda della zona, possono avere qualche piccolo diverso dettaglio, in genere sono quadrati, mentre la forma classica è a coda ( spinaci e ricotta )

Sono tipici di Fiorenzuola e della Val d’Arda, si ritiene che abbiano origini rinascimentali, ideati dopo la conquista europea dell’America, si poteva con questo ortaggio ottenere un piatto nutriente ed economico con quel che l’economia poteva offrire.

 

 

 

 

Tortelli di zucca Piacentini
  • Difficoltà:Alta
  • Preparazione:2 ora
  • Cottura:1 ora
  • Porzioni:4/5
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • Farina 500 g
  • Uova 2
  • Sale q.b.
  • Acqua tiepida q.b.
  • Zucca gialla farinosa 1 kg
  • Grana Padano grattugiato 150 g
  • Burro 100 g
  • Ricotta 200 g
  • Sale q.b.
  • Noce moscata q.b.
  • Salvia q.b.
  • Formaggio grana q.b.

Preparazione

  1.  

    Per la sfoglia Impastare le uova con la farina il sale aiutandovi con acqua tiepida se necessario e lasciare riposare per 1 ora in frigo.

    Lavare, tagliare la zucca e cuocerla in forno ( possibilmente con la scorza, e pulita da semi e filamenti) avvolta da carta stagnola per circa 1 ora a 180°,  fatela raffreddare, quindi pulirla dalla scorza e passarla al mixer,  riunirla in una terrina con la ricotta la noce moscata il sale ed  il formaggio grattugiato.

    Mescolare per bene e fare riposare in frigo,  in modo che i sapori si amalgamino bene tra loro

    Una volta preparata la sfoglia tirata sottilmente, disporre il ripieno in mucchietti ben distanziati tra loro ( circa 4 cm ) su di una sola riga,  ripiegarla su se stessa premendo bene tra gli spazi liberi perchè il ripieno stesso non fuoriesca,  con l’apposita rotella confezionare i tortelli.

    Una volta cotti e scolati al dente con un mestolo forato, condire con burro sciolto al microonde ed aromatizzato con foglioline di salvia

     

Note

Ho dimenticato” volutamente” il formaggio grana sul piatto.

In genere lo presento a parte perchè da noi a qualcuno non è gradito già sulla pasta, ma in questa preparazione una bella spolverizzata è d’obbligo.

Precedente Uva da tavola varietà ed usi Successivo Polpette di spinaci cotte al forno

Lascia un commento