Crea sito

LIQUORE ALL’ALLORO fatto in casa

Oggi prepariamo insieme il liquore all’alloro. Un’ottima idea regalo dal sapore delicato e dalle proprietà digestive. Da sorseggiare a fine pasto con gli amici, dalla semplice realizzazione e dal gusto fresco e aromatico.
L’alloro è una pianta della famiglia delle Lauraceae con foglie dal colore verde accesso. E’ utilizzato moltissimo in cucina per dare sapore alle preparazioni e per arricchire il gusto delle pietanze. Se avete un orto sicuramente avrete a disposizione numerose e profumatissime erbe aromatiche Oltre a utilizzarle per insaporire le vostre ricette, molte di queste possono essere usate per creare ottimi liquori.
Tra questi c’è il liquore all’alloro, un alcolico profumato e molto aromatico, caratterizzato da un colore verde intenso molto simile a quello dell’olio di oliva.
Non ci resta che preparare insieme il liquore all’alloro.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di riposo15 Giorni
  • PorzioniIngredienti per 1 litro:
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti :

  • 25 fogliealloro (se volete un gusto più intenso aumentate le foglie)
  • 500 mlalcol puro
  • 600 mlacqua
  • 400 gzucchero

Preparazione

  1. Per preparare questo liquore digestivo si comincia lavando e asciugando molto bene le foglie di alloro, bisogna poi metterle in un barattolo di vetro con l’alcol, meglio se protetto dalla luce diretta. Lasciate infondere per 2 settimane le foglie nell’alcool smuovendo ogni tanto.

    Trascorso il tempo di riposo, preparare lo sciroppo di zucchero che servirà a diluire il liquore: in una pentola mettete l’acqua e lo zucchero e portate a ebollizione per formare lo sciroppo. Quindi spegnete e lasciate raffreddare completamente.

    Una volta che lo sciroppo sarà freddo, unite l’alcol avendo cura di filtrarlo molto bene per eliminare eventuali residui di foglioline.

    Imbottigliate e coprite con della stagnola o comunque in modo da evitare ogni esposizione luminosa. A questo punto il liquore è praticamente pronto, lasciate riposare l’allorino per 3-4 settimane prima di gustare.

CONSIGLI:

I tempi di macerazione variano in base alla quantità di foglie di alloro che utilizzate. Se utilizzate un quantitativo di alloro minore rispetto a quello indicato in ricetta, lasciate il composto a riposo per almeno 30 giorni. Il liquore all’alloro, conosciuto anche come “allorino”, è semplicissimo da fare, richiede solo un po’ di pazienza e di tempo per l’infusione iniziale. Essendo molto sensibile alla luce, è fondamentale tenerlo al buio: per questo, una volta pronto, è consigliabile rivestire le bottiglie di stagnola. In caso contrario, il liquore all’alloro tenderà a formare antiestetici residui, che tuttavia non ne altereranno il gusto.

Per esaltare il sapore del liquore servitelo ben freddo.

Se amate preparare in casa i liquori, provate la ricetta 

Se la ricetta vi è piaciuta, potrebbero interessarvi anche: biscotti-alle-noci oppure panini-alla-nutella-morbidissimi-e-super-golosi

biscotti-alle-noci o chiffon-cake-allarancia o chiffon-cake-al-cacao-ciambellone-americano-super-veloce-golosissimo o nadalin-dolce-tipico-natalizio-veronese o fagottini-di-frolla-speziata-con-marmellata o pan-pepato-ricetta-dolce-di-natale

SEGUIMI SULLA MIA PAGINA FACEBOOK QUI

SEGUIMI SUL MIO ACCOUNT INSTAGRAM QUI

SEGUIMI ANCHE SU PINTAREST QUI

NOTE:

Gusto intenso. Potete realizzare un liquore dal gusto più o meno intenso andando a modificare il numero di foglie di alloro utilizzate o riducendo e aumentando il tempo di infusione iniziale (considerate sempre che l’alloro deve essere lasciato almeno una settimana).

Più o meno alcolico. Potete modificare a vostro piacere il grado alcolico del liquore rivedendo le proporzioni di acqua e zucchero per farlo più o meno forte.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Le ricette di angelasurano80

Torte, pasticcini, biscotti, creme, piatti di pasta tradizionali e moderni.Se avete voglia di qualcosa di dolce, una mamma con forno sempre acceso vi suggerirà cosa cucinare. Qui i piatti vengono raccontati e fotografati con calore ed energia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.