Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana

Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana

Qui in Versilia la panzanella è una sola, questa qui.
e non si discute.
possono esistere varianti locali, familiari, che possono includere ingredienti diversi, e anche la preparazione può differerire leggermente (pane ammollato in acqua o in quella di vegetazione delle verdure), ma il risultato non cambia.
quella è.
un’insalata fredda di pane raffermo ammollato. sbriciolato. sì perchè dopo averlo ammolato si sbriciola, se l’effetto rustico non era sufficiente..
anche lì ci sono varie tecniche.
sia mai che la ricetta della panzanella abbia il copyright.
PANZANELLA©

mia mamma mi ha sempre detto “metti il tozzo di pane in ammollo, tutto intero, altrimenti diventa come pappa”
e invece c’è chi lo ammolla a fette. tecniche diverse per risultati diversi.
anche il pane è importante.
mai fare la panzanella con i panini.
anche se sono di 4500 giorni prima.
il pane ci vuole rigoramente casalingo.
e rigorosamente pane di Altopascio. che dopo due giorni che è lì diventa de’ marmo.
un corpo cont(R)undente.
e idrorepellente.
e allora l’acqua sì ci entra, ma poca – per questo il trucco di ammollarlo tutto assieme – perchè la crosta , idrorepellente, fa da scudo, e la mollica non diventa fradicia e molliccia.
ecco il segreto di una buona panzanella!

Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana

ma io oggi non ho preparato una panzanella tradizionale. o per lo meno tradizionale per come la intendiamo dalla mie parti.
oggi vi propongo una panzanella bruschettata.
che poi magari esiste anche, in un universo parallelo….o semplicemente in qualche altra parte d’italia, chissà!
visto che il pane era troppo poco per metterlo in ammollo. e il basilico non ce l’avevo. e la cipolla – che bisognerebbe mettere in quantità industriali – non mi andava di usarla, per non trasformarmi in un drago sputafuoco.
così ecco nascere la mia versione croccante.
dove il pane invece che essere ammollato è fatto a dadini ripassato con olio in padella, e si trasforma in crostino, in mini bruschetta, e poi viene condito con gli ingredienti classici: pomori, capperi, cetrioli.
e foglioline di menta, che hanno donato una sfumatura sorprendentemente fresca ed estiva a questo piatto!
il pane manterrà la sua nota croccante, anche se il condimento o l’acqua di vegetazione delle verdure la smorzeranno un pochetto mano mano che il piatto riposerà (quindi quanto prima lo mangerete, quanto più sarà croccante).

Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana

Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana

Ingredienti per 2  barattolini di Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana:

  • 4 fette di pane casalingo
  • 15/20 pomodorini pachino
  • 1 cetriolo
  • foglie di menta fresca
  • capperi q.b.
  • olio di semi
  • olio di oliva
  • sale
  • pepe

Procedimento:

Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata - ricetta leggera e vegana
Panzanella bruschettata – ricetta leggera e vegana

Tagliare il pane casalingo a fette e poi fare dei quadratini.
Mettere un abbondante giro d’olio di semi in una padella e far dorare i crostini su entrambe i lati, fino a che non diventano color nocciola e croccanti.
Togliere dal fuoco, salare, pepare e mettere  da parte.

In una ciotolare tagliare i pomodorini a metà, il cetriolo a fettine sottili, mettere i capperi secondo il gusto personale (1 o 2 cucchiai), fogliette di menta spezzettate con le mani, e condire con sale e olio di oliva.
Lasciar riposare 5 minuti affinchè i sapori si amalgamino e la verdura tiri fuori un po’ di acqua di vegetazione.
A questo punto unire i crostini di pane, mescolare e dividere il contenuto nei 2 barattoli.
Il condimento farà si che il pane si ammolli un po’ come nella classica panzanella, ma manterrà sempre la sua nota croccante anche a distanza di ore.
La dose non è abbondante, va bene per 2 barattolini, quindi è perfetta come antipasti o primo leggero, anche se la panzanella è solitamente un piatto unico.
Se volete potete raddoppiare la dose per ottenerne una quantità maggiore.

8 Comment

  1. Lisa says:

    Mi piace questa panzanella in barattolo!!!
    Bellissima idea anche per un pic nic!!
    P.s ma le 50 sfumature si sono fermate del tutto??
    Sarebbe il caso di spartirsi le rimanenti tra chi ha voglia di pubblicare per non perdere del tutto l’onda dell’hashtag!?
    Bacioni
    Lisa

    1. undolcealgiorno says:

      grazie lisa!!!
      sì le 50 sfumature si sono un po’ arenate…qualche blog ha portato a termine le sue 4 ricette, altri si sono fermati.
      bisognerebbe che “nazizzassi” un attimo e riportassi tutti all’ordine ahahah ma sono troppo incasinata in questo momento per farlo 😛
      per me va bene sopperire alle ricette mancanti, anche se ora come ora non è molto stagione di mele 😛
      magari potremmo riprendere da settembre?
      o chi vuole anche adesso…boh…vediamo 😛

  2. adoro la panzanella, classica e no, deliziosa la tua, bella l’idea di proporla nei barattoli!!!baci Sabry

    1. undolcealgiorno says:

      grazie sabri!!!! anche a me piace tantissimo (possibilmente senza cipolla :P) e questa devo ammettere che è un’ottima variante 😛
      felice che ti sia piaciuta!
      buona giornata casa sabri! <3

  3. zia consu says:

    Bellissima idea e splendida presentazione..vedo che la mania dei vasetti non ti è passata 😛

    1. undolcealgiorno says:

      ahahaha no la mia barattolo-dipendenza sta diventando imbarazzante. devo andare in un centro di recupero 😛
      prometto che a breve (si vabbè) proporro anche qualche ricetta out of the jar, invece che in the jar ihihhii

  4. paola says:

    ideona,ottimo modo per presentare un piatto famoso e goloso bravissima e grazie
    per la condivisione

    1. undolcealgiorno says:

      grazie, un piatto semplice ma buonissimo nella sua genuinità XD

I commenti sono stati chiusi.