Crea sito

Panini con lievito madre

Ciao! Oggi per la serie “con il mio lievito madre non mi fermo più”, vi lascio la ricetta dei miei “PANINI CON LIEVITO MADRE”!!!! Si tratta di un impasto semplice a lunga lievitazione e che richiede vari passaggi, come tutte le preparazioni con il lievito fatto in casa. Potete ovviamente sostituire il lievito madre con il lievito di birra. Vi ricordo che 1 cubetto di lievito di birra da 25 g corrisponde a circa 300 g di lievito madre. Comunque se vi interessa il favoloso e affascinante mondo della pasta madre, vi basterà leggere il mio articolo cliccando qui.
Qui di seguito troverete tutti i passaggi e gli ingredienti per realizzare questi buonissimi e fragranti panini fatti in casa. Il profumo di pane sfornato che si sprigionerà a casa vostra sarà strepitoso, per me una delle cose più belle!!
Vi aspetto come sempre anche su Instagram, Facebook e Pinterest.
A presto!
Anna

  • DifficoltàMedia
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo18 Ore
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni6 panini
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gfarina Manitoba
  • 300 mlacqua
  • 300 glievito madre (già rinfrescato nel rapporto 1:1:1 (oppure 1 cubetto di lievito di birra))
  • 12 gsale

Preparazione

  1. Tre ore prima della preparazione dei panini, si deve prima di tutto rinfrescare il lievito madre con acqua e farina con rapporto 1:1:1. Ad esempio si prende 120 g di lievito o pasta madre e si impasta con 120 ml di acqua e 120 g di farina. Si lascia riposare il composto, abbastanza morbido, in una ciotola.

    Trascorse le tre ore, si prende il quantitativo di lievito madre rinfrescato necessario alla preparazione di questa ricetta. Sciogliere il lievito madre rinfrescato in acqua, poi aggiungere la farina e solo alla fine il sale.

  2. Lasciar riposare l’impasto così preparato per 1 ora e mezza, in forno con la sola luce accesa.

  3. Riprendere l’impasto, stenderlo delicatamente su una spianatoia e dividerlo in 6 parti, senza lavorarlo troppo.

  4. Per ogni pezzetto di impasto seguire la serie di pieghe, come riportate nella foto e alla fine parlare l’impasto fino ad ottenere dei panini.

  5. Disporre i panini su una teglia ricoperta con carta da forno e con un coltello segnare una croce sulla superficie di ogni panini. Ciò aiuterà meglio la lievitazione.

    Lasciar lievitare i panini finché non raddoppieranno di volume (circa 12-15 ore).

  6. Preriscaldare il forno a 250°C. Infornare i panini con lievito madre ed abbassare la temperatura a 220°C e cuocerli per 20 minuti.

    Poi abbassare nuovamente la temperatura del forno a 200°C e cuocere per altri 20 minuti.

    Infine cuocere per altri 10 minuti a 180°C.

  7. Sfornare e lasciar raffreddare.

    Buon appetito!

I miei consigli

Se utilizzate il lievito di birra, al posto del lievito madre, ovviamente i tempi di lievitazione si accorceranno a circa 3 ore in tutto.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se ti interessa leggere tutto sul LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Se sei interessato ad altre ricette di PANE E LIEVITATI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA- e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.