Crea sito

Camille fatte in casa (come le originali)

Ciao! Le “CAMILLE FATTE IN CASA (COME LE ORIGINALI)” sono dei buonissimi dolcetti che ricordano perfettamente le famose merendine del Mulino Bianco. Si tratta di una ricetta semplice e veloce e il risultato finale è sorprendente. Al primo morso, vi sembrerà infatti di assaporare una delle merendine originali. Le Camille fatte in casa sono morbidissime e profumatissime. Io me ne sono innamorata al primo morso. Vi consiglio vivamente di provarle anche voi e vedrete che non ne potrete più fare a meno.
Per quanto riguarda la ricetta, ho scelto di provare quella del bellissimo blog “Dulcisss in forno“.
Per chi come me non avesse gli stampini a forma di cupoletta, classica forma delle Camille, potete tranquillamente utilizzare i piroettino da muffin. Lo so, non sarà lo stesso…ma il gusto si!!! 😉
Qui di seguito trovate come sempre tutti gli ingredienti necessari per preparare queste buonissime merendine. Aspetto i vostri commenti!
Grazie come sempre per seguirmi e a presto!
Anna

Camille
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni15 Camille
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 250 gcarote (già pulite)
  • 3uova (medie)
  • 100 gfarina di mandorle
  • 100 gSucco d’arancia (il succo circa di 1 arancia)
  • 80 gOlio di semi
  • 220 gZucchero a velo
  • 200 gFarina
  • 1 bustinaVanillina
  • la scorza di 1/2 arancia
  • 1 bustinaLievito in polvere per dolci
  • 1 pizzicoSale

Preparazione

  1. Preparazione delle carote

    Prima di tutto prendere le carote, lavarle, pelarle e tagliarle a pezzi e tritarle con un mixer.

  2. Preparazione delle carote

    Aggiungere alle corate tritate prima l’olio e poi il succo d’arancia, fino ad ottenere una “crema”.

  3. Preparazione dell'impasto

    Con l’aiuto di una planetaria o con le fruste elettriche, montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

    Aggiungere poi la farina di mandorle, la scorza grattugiata dell’arancia, la vanillina e un pizzico di sale.

    Per finire unire al composto la “crema” di carote e la farina setacciata con il lievito.

  4. Riempimento degli stampini

    Se non avete gli stampini delle classiche Camille, potete fare come me ed utilizzare i pirottini di carta da muffin.

  5. Cottura delle Camille

    Cuocere le Camille in forno statico preriscaldato a 170°C per circa 25 minuti. Fare sempre la prova stecchino prima di sfornarle.

  6. Camille fatte in casa

    Le camille fatte in casa sono pronte per arricchire colazioni e merende.

I miei consigli:

Utilizzate arance buone, profumate e sane per ottenere un gusto e un profumo perfetto.

Se non avete la farina di mandorle, potete tritare delle mandorle senza buccia.

Le Camille fatte in casa si conservano per diversi giorni in sacchetti di plastica per alimenti (come quelli utilizzati per il congelatore).

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se sei interessato ad altre ricette di DOLCI, clicca QUI.

Per altre ricette di MUFFIN, clicca QUI.

Oppure se vuoi scoprire altre ricette di DOLCI DA COLAZIONE, clicca QUI.

Infine sei interessato ad altre ricette di TORTE, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA –  e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le mie ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.