Risotto al frutto della passione, carpaccio di spada e timo

Non avevo mai provato ricette con il frutto della passione ma devo dire che è una bomba! Questo risotto gioca su un equilibrio di sapori “esotici” tra il dolce acidulo del frutto e il sapido dello spada.

Se non trovate il carpaccio di spada già a fette, potete provare con lo spada affumicato ma usatene non più di mezza fetta all’interno del risotto.

 

Sponsorizzato da Risi Preziosi

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Riso Karbor (o Carnaroli) 190 g
  • Frutto della passione ((Maracuja)) 3
  • Carpaccio di pesce spada 3 fette
  • Vino bianco 100 ml
  • Brodo vegetale 1 l
  • Timo 1 rametto
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
  • Sale q.b.
  • Parmigiano reggiano grattugiato 50 g

Preparazione

  1. Preparazione: scaldiamo il brodo vegetale, portiamolo a bollore e teniamolo sempre bello caldo. Passiamo ai frutti della passione: tagliamoli, teniamo da parte una metà per la decorazione e delle restanti raccogliamo in una ciotola il succo e i semi.

  2. Prendiamo le fette di carpaccio di spada: una fetta tagliamola a cubettini di mezzo centimetro l’uno che useremo poi nel risotto. Dalle altre due ricaviamo dei rettangoli che poi arrotoleremo a sigaro per l’impiattamento, come da foto.

  3. Passiamo al riso: in una padella scaldiamo due cucchiai di olio extravergine a fiamma bassa. Non ho usato né cipolla né scalogno per rendere al meglio il sapore e la delicatezza degli ingredienti.

  4. Tostatura: alziamo leggermente la fiamma, aggiungiamo il riso e tostiamolo per 2-3 minuti. Sfumiamo con il vino bianco (io ho usato un Pinot Grigio Friuli).

  5. Cottura: Lasciamo sfumare il vino e aggiungiamo il brodo man mano che si asciuga, portando il risotto a cottura (15 – 17 minuti).

  6. Dopo 5 minuti di cottura, aggiungiamo il succo e i semi di maracuja.

  7. Quando mancano 3 minuti aggiungiamo i cubettini di carpaccio di spada, il timo tritato e mescoliamo bene.

  8. Mantecatura: mantechiamo con il parmigiano grattugiato, senza burro.

  9. Impiattamento: in un piatto da portata mettiamo al centro un coppapasta rotondo e distribuiamo il nostro risotto. Concludiamo mettendo sopra il risotto i “sigari” di carpaccio di spada, qualche fogliolina di timo e il mezzo frutto della passione.

Precedente Risotto con pere, polvere di caffè e raspadura Successivo Risotto al mojito e cruditè di scampi

Lascia un commento