Crea sito

Pane nero senza glutine

Il pane senza glutine è sempre stato una sfida, in quanto l’impasto non è semplice da lavorare e bisogna calibrare bene le dosi di acqua per avere un ottimo risultato. Con questa ricetta avrete un pane nero senza glutine croccante fuori e morbido dentro, profumatissimo e buonissimo. Il profumo rievocherà la spettacolare fragranza che si sente passando vicino ad un panificio, ve lo assicuro. Il pane senza glutine preconfezionato è pieno di ingredienti che non hanno nulla a che vedere con il pane, che è una ricetta dai pochi e semplici componenti: acqua, farina e lievito. Perchè allora per un prodotto così povero di ingredienti devo mangiarmi conservanti, coloranti, uova (si, perchè il pane gluten free contiene spesso le uova) e via dicendo? Ci vuole un po’ di pazienza per la lavorazione, ma vi assicuro che ne varrà la pena e avrete la possibilità di mangiare di nuovo il pane vero e naturale!

I lievitati con l’aggiunta del carbone vegetale sono ormai una moda. Questo composto è un valido aiuto contro l’eccessivo gas intestinale e aiuta ad assorbire anche eventuali sostanze tossiche ingerite. Attenzione però se state assumendo dei medicinali: cercate di non mangiare il carbone vegetale contemporaneamente perchè appunto, questo ingrediente ne assorbirà le proprietà. Lo potete trovare nelle farmacie o nelle erboristerie.

Pane nero senza glutine

Pane nero senza glutine

Ingredienti per circa 9 panini

  • 500 gr di farina senza glutine Revolution
  • 290 gr di acqua
  • 25 gr di olio extra vergine di oliva
  • 25 gr di lievito di birra fresco
  • 2 cucchiaini di sale
  • 6 gr di carbone vegetale (Io ho usato le pasticche di carbone vegetale, assicurati che sia senza glutine)
  • Farina Mix it Schaer o di riso q.b. per lavorare

Procedimento

  1. Per preparare il pane nero senza glutine per prima cosa devi macinare il carbone vegetale se non lo hai già in polvere aiutandoti con un batticarne. Mischialo poi alla farina Revolution.
  2. Sciogli il lievito nell’acqua tiepida e aggiungila alla farina. Aggiungi l’olio all’impasto e lavoralo bene per circa 7 minuti, io ho usato la planetaria a potenza media.
  3. Quando il composto sarà omogeneo e liscio fai una palla e mettilo a lievitare in forno spento con la luce accesa (o in un luogo caldo) per 1 ora.Pane nero senza glutine
  4. Dopo questo tempo l’impasto avrà moltiplicato il suo volume.  Pane nero senza glutineImpastalo di nuovo per altri 8 minuti a velocità media.
  5. Ricava 9 panini di circa 90 gr l’uno e lavorali un po’ aiutandoti con la farina di riso (o Mix it). Aiutandoti con un coltello incidi il pane con quattro linee a due a due parallele. Pane nero senza glutineFai lievitare in forno spento con la luce accesa per un’altra ora. Quando avranno raddoppiato il loro volume spennellali con un po’ di olio extra vergine di oliva. Pane nero senza glutine
  6. Cuoci il pane nero senza glutine in forno caldo a 220° per circa 35 minuti.  Per mantenere la giusta umidità al pane poni nel ripiano in basso del forno una teglia piena di acqua. Pane nero senza glutine

Conservazione

Il pane nero senza glutine si mantiene fragrante e morbido per un paio di giorni. In alternativa puoi surgelarlo una volta cotto, scongelandolo all’occorrenza nel forno a microonde, oppure tiralo fuori dal freezer la notte prima. Una volta scongelato il pane sarà ancora morbido dentro e croccante fuori.

 

Ti è piaciuto il Pane nero senza glutine ? Qui trovi altre ricette per fare il pane senza glutine:

– Pane al mais senza glutine

– Pane al grano saraceno senza glutine

-Pane verde alla spirulina senza glutine 

Metti ‘mi piace’ alla Fanpage di Facebook oppure seguimi su Twitter per essere sempre aggiornato sulle nuove ricette!

Pubblicato da unesplosionedibonta

Mi chiamo Consuelo, nel 2009 ho scoperto di essere celiaca ed intollerante al lattosio. Sono molto esigente in cucina ed essendo insoddisfatta di alcuni prodotti preconfezionati sto imparando a farli da sola, ritrovando il gusto di un tempo che ancora non ho dimenticato. La mia missione è rendere felici le persone con la mia cucina e soprattutto far venire il sorriso ai celiaci che ricercano il gusto di un tempo, perché intolleranza non vuol dire rinuncia ai buoni sapori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.