Torta brownie al caffè cremosa

Torta brownie al caffè cremosa

La Torta brownie al caffè è una versione un po’ diversa dai classici brownies a quadrotti.
tempo fa avevo fatto i Brownies a cuore che erano piaciuti tantissimo a una nostra cliente abituale che mi ha chiesto di rifarglieli un’altra volta prima che andasse via, cioè domani.
ovviamente non mi sono fatta pregare, come ogni volta che si tratta di preparare dolci, ma un po’ perchè sono come Paganini, ossia non ripeto :P, un po’ perchè ero davvero di fretta, un po’ in ritardo con il lavoro, fare i brownies monoporzione mi richiedeva più tempo, imburra le formine, infarinale, dividi il composto, cospargilo di mandorle a lamelle, fai più infornate, etc.
quindi ho ovviato con una torta singola, molto più rapida da fare, anche se richiede una cottura leggermente più lunga, ma quella fa da sè, una volta in forno puoi occuparti di altre cose.
così ho creato la Torta brownie al caffè, che è forse la versione più goduriosa dei brownies che abbia mai preparato.

Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa
Torta brownie al caffè cremosa

innanzitutto il caffè solubile, in quantità minima, quindi non un sapore preponderante, esalta il sapore del cioccolato in maniera divina, lo rende più caldo, più avvolgente, senza sovrastarlo.
la quantità di farina veramente irrisoria presente nella Torta brownie (4 cucchiai) gli dona una cremosità unica, si scioglie letterlamente in bocca, e mi raccomando, va mangiata col cucchiaio, perchè non c’è modo di tenere un fetta in mano!
il segreto sta anche nella cottura, lasciata parecchio indietro, infatti nei brownies quando si forma la crosticina crepata in superficie significa che sono cotti, il dentro deve assolutamente rimanere morbido e fondente, perchè deve esserci un forte contrasto tra la superficie croccante e l’interno scioglievole. è questa la caratteristica fondamentale di un brownie.
le mandorle gli danno un tocco in più di croccantezza, ma potete decidere di inserire, nocciole, noci, noci pecan o quello che più vi piace.
quello che secondo me è carino della Torta brownie è che sono brownies a tutti gli effetti, ma le porzioni che si otterranno invece che avere la forma a quadratino avranno la forma triangolare, come quella di una classica fetta di torta.
RESTERETE INCANTANTI da questa ricetta, è una promessa!!!!

Ingredienti per la Torta brownie al caffè:

  • 200 gr di cioccolato fondente
  • 160 gr di burro
  • 200 gr di zucchero di canna grosso (tipo demerara)
  • 4 uova medie
  • 4 cucchiai di farina
  • vanillina
  • 100 gr di mandorle pelate (oppure noci, nocciole, noci pecan)
  • 2 cucchiaini di caffè solubile Nescafè

Procedimento:

Nel forno a microonde, usando la tecnica dei colpetti, sciogliere il burro e il cioccolato, fatti a pezzetti per agevolarne lo sciogliemento. Lasciare freddare.
Nel frattempo montare le uova con lo zucchero, fino a che non diventano spumose e chiare e non raddoppiano il loro volume.
Unire quindi a filo il cioccolato e il burro fusi (controllare che siano tiepidi e non caldi altrimenti cuociono le uova) e mescolare lentamente.
Aggiungere anche la farina e la vanillina, a cucchiaiate, mescolando poco e a velocità minima. Aggiungere infine il caffè, prima un cucchiaino, assaggiare, se pensate che vi piaccia anche con più caffè aggiungete anche il secondo. Il caffè deve sentirsi ma non essere predominante.
Unire anche le mandorle intere e mescolare a mano.
Versare il composto in una teglia di alluminio tonda del diametro di circa 26 cm, foderata di carta forno per agevolare l’estrazione della torta a fine cottura (la torta risulterà molto morbida e cremosa). Lasciare la carta forno più lunga del necessario così potrete afferrarla per sformare la torta.
Mettere in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti, sulla superficie deve crearsi una leggera crosticina. Per me 30 minuti (con il mio forno) sono la cottura perfetta, la crosticina si forma e il dentro rimane cremosissimo, come lo desidero, se però vi piace più cotta lasciatela cuocere altri 5/6 minuti.
Aiutarsi con la carta forno per toglierla dalla teglia, prendendola per i lati più lunghi che escono dalla teglia.

cliccate qua se volete leggere TRUCCHI E SUGGERIMENTI PER DOLCI PERFETTI

6 Comment

  1. davvero deliziosa, grazie per i tuoi utili consigli. Ne gradirei tanto una fettina!!!Un bacione Sabry

    1. undolcealgiorno says:

      ehi ciao!!! felice che ti piaccia la mia tortina!
      cerco sempre di essere super-dettagliata nelle spiegazioni (anzi quasi quasi mi trattengo, scriverei anche di più ma poi il post diventa davvero troppo lungo!) di modo che sia chiaro a tutti come realizzare le mie torte, passo passo, anche per chi non è proprio addentro all’argomento.
      poi in fondo, se clicchi sul consigli e trucchi divisi per argomento, c’è un piccolo sunto su come trattare gli ingredienti al meglio. ad es se stai facendo una torta brownie ti vai a leggere come montare bene le uova, come sciogliere il cioccolato e il burro, insomma, uno si legge le parti che gli interessano a seconda della torta che sta facendo.

  2. gelsia says:

    Và bene l’ho inforno,è una libidine assoluta! Fare le torte con te è uno spettacolo. Questa sera,rigorosamente questa sera ti faro’ sapere i commenti della famiglia…ma già li immagino! Grazie grazie per queste idee!

    1. undolcealgiorno says:

      ahahah mi fai morire!
      peccato ho letto tardi il commento, sennò mi ri-raccomandavo sulla cottura che deve essere lasciata un po’ indietro, ma penso di essermi raccomandata abbastanza nell’articolo! XD
      sono curiosissima di sapere i commenti della famiglia, spero che piaccia quanto la torta di mele “colto e mangiato”, tra l’altro io l’ho rifatta proprio oggi, che era un po’ che non la riproponevo, e mi mancava proprio il suo sapore scioglievole in bocca, con tutte quelle mele e QUEL BURRO ! AHAHAHA 😛

  3. gelsia says:

    Sì sì come ti capisco! Dunque saremo ingrassati non so quanti chili ,ma che libido! Mio marito mi ha detto ”sei proprio brava a fare i dolci!” Gli ho detto che il merito è solo tuo e delle tue spiegazioni così chiare. Mio figlio (20 anni) si è tagliato mezza torta,dopo averla assaggiata,e l’ha portata in camera sua in compagnia della ragazza che sbavava dietro! Che dire cara,grazie, non avevo le mandorle pelate ma quelle con il ”pelo” buone buone ugualmente. Fare i dolci per me è regalare amore e tu ne dai a piene mani! grazie cara al ”prossimo”!

    1. undolcealgiorno says:

      ahahah vero! si ingrassa con ‘sti dolci, ma io sono dell’idea che quando ci si concede un dolce deve essere un dolce vero, quindi libidinoso al massimo. soffice, grassottello, cioccolatoso, dolce.
      se vedi sul blog ci sono pochissime ricette light, proprio perchè nel momento in cui si fa uno strappo alla regola (momenti che accadono spesso per me, ad essere onesta) bisogna farlo in grande stile, col botto! XD
      sono strafelice che ti e anzi VI sia piaciuto a tutti, non sai quanto mi rende orgogliosa, e come dici tu, è verissimo, fare dolci è donare amore a chi ci circonda!
      hai proprio centrato il punto! anche io ho iniziato così…una sera, per preparare qualcosa al mio ragazzo, poi ai miei migliori amici, parenti, clienti dell’hotel dove lavoro…e da lì non mi sono fermata più! è così che è nato il blog…
      e adesso sapere che un po’ di quell’amore è giunto fino anche a te, è la coronazione di tutto! <3

I commenti sono stati chiusi.