• crostate
  • Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”

    Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"

    No. la V non sta per Valentina che è accidentalmente anche il mio nome.
    non preoccupatevi, non sono così autocelebrativa! XD
    oggi vi svelerò qualcosa del mio mondo, cosa che sono un po’ restia a fare di solito, parlo molto e a sproposito volte :P, ma veramente veramente poco di me.
    di cosa mi piace, della mia vita, dei miei interessi, delle mie passioni…certo la mia personalità un po’ esplosiva e particolare credo che emerga dai miei post e dal mio modo di scrivere. ma sono comunque una persona riservata che non ama mettere in piazza i propri affari personali.
    bene. ora non posso più nascondermi.
    il design molto particolare di questa torta, questa specie V gotica (gotico inteso come carattere di scrittura), prende spunto dal logo di un gruppo, i Vintersorg, band svedese che io adoro.
    premetto già che non fanno pop. e neppure dance. e neppure lontanamente rock leggero.
    sì insomma. fanno metal.
    ecco l’ho detto.
    perchè se dici che ascolti metal la gente ti guarda come se fossi un alieno.
    se poi hai un blog di cucina e ascolti metal, peggio ancora.
    e se poi non è neppure tanto tanto leggero e melodico, apriti cielo, spalancati terra. o era il contrario?
    quale binomio più assurdo? ^_^
    quindi ecco, il danno è fatto.

  • crostate
  • Crostata alla frutta a forma di numero (bis) – ricetta di Montersino

    Crostata alla frutta a forma di numero

    Ricetta bis….esatto! perchè è la stessa ricetta identica identica a quella postata un paio di giorni fa, stavo facendo delle prove tecniche per un compleanno e questa è la versione finita della crostata alla frutta a forma di numero.
    nel post precedente mi sono sbizzarrita a provare un paio di numeri, diverse consistenze di crema, provare la buonissima pastafrolla di Montersino perchè era la prima volta che la facevo e avevo giusto un attimino di ansia da prestazione, visto il mostro sacro verso cui mi andavo ad approcciare, finchè alla fine non ho trovato la tecnica e l’abbinamento perfetto, sia alla vista che al gusto (eh bisogna sacrificarsi per l’arte della pasticceria e assaggiare, assaggiare e assaggiare! che vita grama!!!!), alla fine dovevo preparla per un compleanno e tutto doveva essere perfetto, non potevo permettermi di sbagliare, e un paio di prove erano di dovere!
    così ieri è finalmente venuta alla luce una coloratissima crostata alla frutta a forma di “70”, con frutti di bosco: fragole, lamponi, mirtilli e more.

  • crostate
  • Crostate di crema e frutta a forma di numero (Montersino docet)

    Crostate di crema e frutta a forma di numero

    ma veniamo al dolce, queste sono delle prove di laboratorio, degli esperimenti che ho condotto perchè una amica di mia mamma mi ha ordinato una torta di compleanno per il marito. è una crostata a forma di numero, vidi una puntata di Accademia Montersino in cui spiegavano come farla e allora mi è tornata in mente! (infatti la ricetta della frolla è sua! :P)
    così ho provato a farla e devo dire che non è stato difficile!!!
    e il sapore…mamma mia! volevo svenire!
    avete presente quando comprate una crostata crema e frutta in pasticceria? ecco identica!
    a frolla croccante e friabile, la crema liscia e soffice, la frutta che gli da quella punta di acidità e freschezza….ero davvero fiera di me, non potevo crederci. non potevo credere che quella cosa talmente buona e paradisiaca fosse uscita dalle mie manine!
    credo che sia stato il momento in cui mi sono sentita davvero una pasticcera quasi seria ahaha

  • biscotti e barrette
  • Biscotti di pasta frolla con la ricetta di Montersino

    biscotti di pasta frolla

    Beh che dire….ho tradito la mia vecchia e cara pastafrolla di famiglia. non credevo che l’avrei mai fatto…e invece mai dire mai. In realtà questi biscotti di pasta frolla nascono da una casualità, stavo provando una crostata alla frutta per il compleanno di un’amica di mia mamma e mi avanzava della pasta, troppo poca per essere congelata o fare un’altra crostata, così per non sprecarla ho fatto dei biscottini davvero carini, quasi dei finger food dolci perchè sono piccolissimi, in un boccone si mangiano.
    ho usato infatti dei taglia biscotti della tescoma molto carini (questi), che acquistai qualche tempo fa per decorare le crostate.
    ma quello che mi ha stupito di più è stata appunto la pastafrolla. Montersino non è Montersino per puro caso!!! era buonissima, croccante, friabile, un altro pianeta, devo proprio ammetterlo!