Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”

Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"

CLICK HERE TO GO TO THE ENGLISH RECIPE

No. la V  non sta per Valentina che è accidentalmente anche il mio nome.
non preoccupatevi, non sono così autocelebrativa! XD
oggi vi svelerò qualcosa del mio mondo, cosa che sono un po’ restia a fare di solito, parlo molto e a sproposito volte :P, ma veramente veramente poco di me.
di cosa mi piace, della mia vita, dei miei  interessi, delle mie passioni…certo la mia personalità un po’ esplosiva e particolare credo che emerga dai miei post e dal mio modo di scrivere. ma sono comunque una persona riservata che non ama mettere in piazza i propri affari personali.
bene. ora non posso più nascondermi.
il design molto particolare di questa torta, questa specie V gotica (gotico inteso come carattere di scrittura),  prende spunto dal logo di un gruppo, i Vintersorg, band svedese che io adoro.
premetto già che non fanno pop. e neppure dance. e neppure lontanamente rock leggero.
sì insomma. fanno metal.
ecco l’ho detto.
perchè se dici che ascolti metal la gente ti guarda come se fossi un alieno.
se poi hai un blog di cucina e ascolti metal, peggio ancora.
e se poi non è neppure tanto tanto leggero e melodico, apriti cielo, spalancati terra. o era il contrario?
quale binomio più assurdo? ^_^
quindi ecco, il danno è fatto.

Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”

era un po’ che volevo fare questa torta omaggio a questo grande, grandissimo, per me immenso artista, ma ho scelto proprio oggi perchè il compleanno di Andreas, ossia il frontman, nonchè mente iper-creativa del gruppo.
lo so….sembra una cosa stupida, infantile. e forse lo è.
ma è una cosa a cui tengo molto.
soprattutto perchè ho avuto il privilegio di conoscerlo tramite il web, ed è un privilegio che non è concesso a molti (sapete com’è…svedesi, gente di poche parole…hihihi mica come noi italiani! mica come la sottoscritta? ^_^)
e grazie a questa passione, ho avuto modo di conoscere un sacco di persone sparse per il mondo che condividono lo stesso folle amore per questo artista e ne è nato qualcosa di speciale, una famiglia multilingue e virtuale. abbiamo un nostro posto “segreto” dove incontrarci e tutto è semplicemente perfetto e unico.
ho fatto questa torta per ringraziare la mia piccola folle V-community, oggi gliela mostrerò, e per la prima volta il post in inglese e in italiano andranno online in simultanea!
essendo sparsi per il mondo e non potendo avere un party vero e proprio, festeggeremo con una torta virtuale, in un posto virtuale, ma con amici che sono tutto tranne che virtuali!

Il design di questo dolce è abbastanza complesso, ho impiegato parecchie ore per realizzarlo.
per prima cosa ho disegnato uno stencil a mano, e l’ho ritagliato. sicuramente la parte più facile XD
poi l’ho appoggiato sulla pastafrolla, l’ho ritagliata seguendo i bordi della V e ho ottenuto il disegno sulla pastafrolla.
poi ho fatto dei salamini per creare dei bordi che contenessero il ripieno di nutella.
per creare questa crostata mi sono di fatto ispirata ad una ricetta che avevo già fatto, la Crostata a forma di numero con la ricetta di Montersino, solo che qua le cose si sono fatte un pochino più complesse perchè il design era un attimino più arzigogolato.
purtroppo se confrontate le foto del disegno da crudo e da cotto, qualche particolare s’è perso, ad es la linea verticale che attraversa la V nel centro s’è fusa con la gambetta dalla V, questo perchè la pastafrolla contiene molto burro e in cottura tende un po’ ad allentarsi ed ad allargarsi, nonostante l’abbia tenuta più di 24 ore in frigo già in forma (ossia avevo tagliato il disegno il giorno prima e l’ho lasciata lì a compattare per bene, proprio per evitare il più possibile questo effetto espansione).

Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”

Devo dire che sono comunque soddisfatta del risultato, è comunque abbastanza realistico.
la parte più difficile, sembrerà assurdo, è stato stendere la Nutella, perchè è molto densa, e anche se la scaldi non collabora, fila, tende a non volersi far stendere bella liscia. insomma impossibile ottenere una superficie veramente a specchio al 100% come ad es con una ganache al cioccolato.

La questione delle galassie/nebulose: ho a lungo pensato se proporre le foto con le decorazioni di zucchero o no, e alla fine ho deciso di metterne un po’ e un po’.
non ho ancora deciso se mi piacciono o no.
in pratica dovrebbero essere nebulose/galassie/non-lo-so-neppure-io-ma-qualcosa-di-spaziale (sempre un riferimento al gruppo, si intende).
a vederle sul foglio bianco di carta forno era davvero belle, ma a contrasto con il ripieno di nutella perdono un po’, anche perchè lo zucchero caramellato è trasparente e quindi prende una tonalità meno brillante se adagiato su fondo scuro.

Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”

ovviamente questa torta è intesa come uno spunto, un’idea. perché dubito che troverò tra i miei lettori un qualche fan di Vintersorg (e se ci siete, fatevi vivi!!! XD)
però prendendo spunto da questa tecnica potete tranquillamente creare la vostra crostata personalizzata a forma di lettera, per un compleanno, per un anniversario, per un’occasione speciale.
non dovete far altro che creare il vostro personalissimo stencil (basta anche solo prendere un font che vi piace e ingrandirlo, ingrandirlo e ingrandirlo, stamparlo e se non è grande abbastanza fotocopiarlo ancora più grosso), poi ritagliarlo e trasferirlo sulla pastafrolla.
avrete la vostra crostata a forma di lettera, e sfido chiunque ad averne una uguale!
stupirete tutti con effetti speciali, assicurato!

Chiudo questo lunghissimo e infinito post con un “mai troppo tardi, mai fuori posto per un po’ pubblicità a questo poliedrico artista”
all’inizio volevo essere più buona e scegliere una specie di ballata XD
ma poi questa canzone parlava di nebulose e galassie e non ho resistito.
forse potrà non piacervi, ma è un genio dei tempi moderni….
25 album + numerevoli demo in neppure 20 anni di carriera con 7 gruppi diversi (alcuni dei quali one-man-band, ossia composte da soltanto lui a tutti gli strumenti) alle prese sempre con generi diversi.
non ho altro da aggiungere.
godetevi (o odiatevi :P) il pezzo!

 

Ingredienti per la Crostata a forma di V – Vintersorg cake:

Per la pastafrolla di Montersino:

  • 500 gr di farina
  • 300 gr di burro
  • 200 gr di zucchero a velo vanigliato
  • 80 gr di tuorli (circa 4-5 dipende dalla grandezza)
  • un pizzico di sale
  • scorza di 1 limone

Per il ripieno:

  • 400 gr di Nutella
  • 200 gr di zucchero da caramellare

 

Procedimento:

Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”
Crostata a forma di V - aka "torta Vintersorg"
Crostata a forma di V – aka “torta Vintersorg”

In planetaria con montato lo scudo o foglia mettere lo zucchero e il burro e mescolare per circa 1-2 minuti, poi aggiungere le uova, il sale e la scorza del limone e mescolare ancora finchè gli ingredienti non si sono amalgamati. Per ultima unire la farina, tutta in una volta, e mescolare a velocità bassa, fino a creare un’impasto compatto. Non mescolare troppo per non far sviluppare il glutine. Quando gli ingredienti fanno una specie di palla spengere la planetaria e finire di compattare a mano. Schiacciare il panetto ottenuto, avvolgerlo in carta forno e mettere a riposare in frigo per almeno un’ ora.

Qui vi dico come ho ottenuto la mia crostata a forma di V, seguendo questa tecnica potete ottenere la vostra crostata a forma di qualsiasi lettera:

Quando la pastafrolla era fredda, l’ho stesa  su un foglio di carta forno, precedentemente infarinato, fino a raggiungere lo spessore di circa 5 mm.
Avevo precendemente disegnato uno stencil a forma di V e lo avevo ritagliato con delle forbicine a punta sottile. L’ho adagiato sulla pastafrolla, e con un coltello a lama appuntita ho seguito i bordi e ho togliato via la pastafrolla in eccesso, ottenendo la stessa forma sulla pastafrolla.
Ho tolto quindo lo stencil e ho rifinito i bordi della V che necessitavano di essere sistemati un po’.
Poi con le mani ho creato dei salamini e li ho disposti lungo il bordo della V stando attenta a seguire bene i contorni.
Con i rebbi di una forchetta ho schiacciato la parte interna dei salamini in modo che aderissero bene alla base, poi sempre con la forchetta, ho bucherellato tutta la base (escluse le decorazioni interne alla V) in modo che non lievitasse troppo durante la cottura.
A questo punto ho spostato delicatamente la crostata con foglio di carta forno su una placca e ho messo in forno preriscaldato a 180° per circa 25/30 minuti.
La pastafrolla deve avere un colore leggermente dorato, e non deve bruciare.
Questa base richiede di essere controllata spesso in forno, perchè è ricca di dettagli grossi (la V) e piccoli (le decorazioni centrali) quindi se non viene girata spesso non cuoce uniformemente, le piccole decorazioni possono bruciare e il resto rimanere crudo.
Quindi ho girato la prima volta dopo 10 minuti, e poi ogni 5 minuti di 90 °.
Quando è cotta ho lasciato freddare, ma prima che fosse completamente fredda l’ho spostata sul piatto di portata, in modo che fosse ancora un po’ elastica e non si spezzasse.
Ho preso con entrambi le mani il foglio di carta forno e con un movimento deciso ma delicato ho alzato e spostato la crostata sul piatto di portata. Poi ho rimosso delicatamente il foglio di carta forno da sotto, estraendolo piano piano.
Ho riscaldato la nutella al microonde, a 400 W per circa 20/30 secondi, di modo che fosse più fluida, da poterla mescolare agevolmente con un cucchiaino.
Ho disposto con attenzione uno strato di nutella nel centro della crostata, stando attenta a non macchiare i bordi.

Se volete potete creare delle decorazioni di caramello con la forma che preferite, basta fare del caramello a secco (solo zucchero), poi lasciarlo freddare un attimo, fino a che non raggiunge la giusta consistenza per colarlo su un foglio di carta forno.

cliccate qua se volete leggere TRUCCHI E SUGGERIMENTI PER DOLCI PERFETTI

12 Comment

  1. Catia says:

    Fantastica! e non aggiungo altro 🙂
    anzi sì. scusa ma a me il metal non piace. credo sia l’unica cosa, finora, nella quale con concordiamo. però mi piace la musica irlandese, fa lo stesso? 😛

    1. undolcealgiorno says:

      ahah tranqui! non si può mica essere d’accordo su tutto!!!
      però rimarresti sorpresa da quanti gruppi folk metal esistono, che si rifanno tantissimo alla tradizione folk irlandese e scandinava!!!
      tra i vari gruppi folk, ti cito uno proprio di questo vintersorg (che l’ho detto c’ha 2000 gruppi) che si chiamano otyg.
      otyg in svedese è un termine generale che raggruppa tutti gli essere soprannaturali del folklore, un po’ come dire “folletti”.
      sono molto tranquilloni.
      ovvio ci sono le chitarre, ma è pieno folk scandinavo con violini e cantanto in svedese. sono fantastici!!!!
      se ti capita dacci un’ascoltata.
      anzi ti lascio un link, si sa mai che ti pigli lo svarione di sentirli 😛
      http://youtu.be/915OBicMqDA

  2. zia consu says:

    Eccola la crostata con lo stencil-fai-da-te ^_* Bellissima, mi lasci assolutamente senza parole 🙂
    Mi hai dato anche una bellissima idea x il prossimo compleanno in famiglia 🙂 L’unica cosa che forse non mi convince è il zucchero caramellato…
    Mi sto anche ascoltando il gruppo che ti ha ispirata..sai che non mi dispiace questo genere di musica e loro sono una vera novità x me!

    1. undolcealgiorno says:

      eh infatti pure io non ero sicura dello zucchero. per questo ho messo entrambi le versioni…ai posteri l’ardua sentenza! XD
      mi piaceva capire anche pareri esterni…
      ehehe è roba un po’ particolare, ma se ti piace mi sorprendi XD
      diciamo che ogni suo album è un mondo a sè dagli inizi folk/viking con testi ispirati al paganesimo e alla natura, al periodo intermedio con la fissa per il cosmo e le stelle, per arrivare ad oggi, dove parla nuovamente di natura filtrata attraverso le leggi universali e del cosmo.
      insomma un viaggio assurdo… XD

  3. Ciao Valentina! Bellissima crostata e bell’omaggio al tuo gruppo preferito (purtroppo non lo conosciamo 🙁 )!

    1. undolcealgiorno says:

      grazie!!!
      beh mi sarei meravigliata del contrario se lo conoscevate XD
      io intanto pubblicizzo, si sa mai incontri i gusti di qualcuno 😛

      1. undolcealgiorno says:

        grazie sabri per i complimenti!
        beh il mondo è bello perchè è vario, mica a tutti può piacere la stessa roba?

  4. IO NON CONOSCO QUESTO GRUPPO, NE’ AMO LA MUSICA METAL, MA AMO LA TUA TORTA, E’ UN CAPOLAVORO!!!!BACI SABRY

  5. Cinzia says:

    VALENTINA,..ma io l’avevo già vista, girando per la rete, senza realizzare che eri tu, e mi dicevo…ma guarda che bellezza questa crostata! E ora scopro che sei tu!! ma sei bravissima! Purtroppo io ormai giro poco per leggete i blog, a malapena trovo il tempo di scrivere, ma ora che ho visto che l’autrice di questa V sei tu, ti faccio veramente i complimenti!!! E ..non avevo mai sentito questi vinter…no..victor…no…andreas..no…raikonenn..AHAHAHAH…
    Bravissima veramente…poi con la nutella sopra!! magari con una punta di mascarpone o che so, panna, latte condensato o altro, forse la nutella scorreva meglio? Certo che però così è mezzo chilo circa di PURA libidine!!!
    EVViva i vinter..i victor…i cosi, là!.-))
    E viva te!
    Ciao
    Cinzia

    1. undolcealgiorno says:

      ahaha certo che un po’ rinco anche te sei eh!
      oh cavolo, ma sai che proprio non c’avevo pensato!
      cioè avevo pensato di fare una ganache al cioccolato al latte, ma nel momento del delirio ero così stanca che ho detto ” ma sai che c’è? vaffa’”
      cmq devi mettere una linea telefonica attiva 24h su 24 “s.o.s. cercasi idee geniali nei momenti di panico” avessi avuto i tuoi consigli a portata di mano mi sarebbero stati molto utili! XD

  6. no ma mi hai fatto scoprire un nuovo fantastico gruppo!! ti scrivo mentre sento la canzone che hai messo e mi piace davvero un sacco!!!
    vado a cercare delle canzoni da salvarmi nel pc all’istante!!
    e poi la tua crostata è fantastica!! è fatta davvero molto bene, la V ti è venuta magnifica *^*

    1. undolcealgiorno says:

      eh è la mia missione, pubblicità come se non ci fosse un domani….magari qualcuno si accorge della genialità di questo artista 😛
      che intediamoci, non è sconosciuto – assolutamente – ma ci sono nomi ben più conosciuti e molto meno creativi nell’ambito metal XD

I commenti sono stati chiusi.